Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Mer 3 - 20:34
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

Archivio per il giorno 20 Giugno 2008


venerdì 20 Giugno 2008, 14:28

Svolta a destra

Stamattina mi è capitato di far parte di un altro episodio stradale interessante.

Arrivando dal centro, percorrevo il sottopasso di corso Regina Margherita sotto la ferrovia per Milano; per i non torinesi, √® un budello risalente agli anni ’30, martoriato dai cantieri, dove un corso principale si stringe in una corsia libera pi√Ļ una corsia preferenziale per senso di marcia, separate solo dalla striscia gialla dipinta.

Percorrevo il passaggio agli inevitabili 40 orari, dietro una lunga fila di auto, ed ero nel punto pi√Ļ basso, quello dove il passaggio si stringe per via dei pilastri centrali; conseguentemente ho accostato un po’ verso destra e ho sentito strombazzare. Dietro di me, a circa 80 all’ora, stava arrivando un’auto dei vigili; mi stava segnalando che non accostassi troppo, perch√© mi stavano per superare a destra sfruttando la preferenziale.

Compiuto il sorpasso, i vigili hanno proseguito sulla corsia preferenziale, mentre davanti a me, dove la corsia agibile si allarga quel tanto da permettere il passaggio di due auto affiancate a dieci centimetri di distanza, sulla parte destra, al fondo della salita, si è formata la solita corsia di auto in attesa di svoltare a destra in via Macerata.

Si tratta di una svolta a destra vietata; tuttavia √® una manovra comunissima, che ad ogni ciclo semaforico fanno almeno una decina di auto, perch√© √® l’unico modo che permetta di accedere dal centro alla zona di via Livorno, all’Ipercoop, al multisala Medusa, all’Environment Park e insomma a un intero quartiere di decine di migliaia di abitanti. Le svolte a destra e a sinistra sono infatti vietate anche in tutti gli incroci successivi per 1500 metri; il percorso legale per quel quartiere in sostanza non esiste, richiederebbe di non imboccare il sottopasso e passare da piazza Statuto (almeno 4-5 minuti in pi√Ļ, a seconda delle code) o di andare avanti fino a corso Svizzera per poi ritornare indietro da corso Umbria (allungando di oltre due chilometri). E quindi, la cittadinanza che frequenta la zona – me compreso – ha deciso da anni che, nonostante il cartello, la svolta a destra in via Macerata √® legale.

Per svoltare, per√≤, bisogna attraversare la preferenziale; e infatti, proprio mentre l’auto davanti a me stava per farlo, sono sopraggiunti i vigili. L’auto si √® fermata per farli passare; i vigili per√≤ hanno inchiodato, hanno tirato gi√Ļ il finestrino e si sono messi a redarguire il conducente. Il conducente aveva un passeggero che ha tirato fuori la testa e ha cominciato temerariamente a discutere; al che pure io ho spento la radio, abbassato i finestrini e carpito brani della discussione. Mentre l’incrocio si intasava, il passeggero ha spiegato ai vigili quello che vi ho spiegato io sopra, cio√® che se tutte le svolte a destra e a sinistra sono vietate per chilometri la gente non pu√≤ che infilarsi dove la violazione disturba di meno.

Alla fine, ognuno √® rimasto della sua opinione: dopo quasi un minuto di discussione, con il sottopasso ormai abbastanza intasato, i vigili sono ripartiti senza fare la multa, e l’auto davanti a me ha effettuato la svolta vietata, con me dietro. Non so dare ragione a nessuno dei due; certo mi stupisce che ci si scanni sul sintomo – cio√® se sia giusto o meno che tutti in quel punto svoltino in divieto – invece che discutere del problema, cio√® di come ordinare nel modo migliore possibile l’esigenza di migliaia di persone di andare da A a B; insomma come non si colga la differenza tra vietare una svolta a destra ogni tanto, e vietare tutte le svolte per chilometri. Che poi √® come la differenza tra un moderatore che una volta ti toglie la parola perch√© sei andato oltre il tempo stabilito, e un sistema in cui non puoi parlare mai.

divider
venerdì 20 Giugno 2008, 12:55

Sono tonto

Davanti a un posto in cui vado regolarmente – quasi in centro, in piena zona blu e comunque imparcheggiabile – si trova una carrozzeria. Davanti alla carrozzeria c’√® sempre, da anni, una Punto blu chiaro in riparazione, ferma col cofano aperto; siccome non ci sono parcheggi e l’unico posto riservato giallo del carrozziere √® solitamente gi√† pieno di altre auto in lavorazione, la Punto blu chiaro √® normalmente piazzata davanti ai cassonetti o a uno dei portoni dell’isolato, di quelli che sono un passo carrabile ma vengono usati poco o nulla perch√© portano a un cortiletto o al retro della scuola, dove le auto non parcheggiano. Qualunque cosa succeda, compreso il fatto che il proprietario del portone possa dover passare, l’auto √® l√¨ e non viene mai spostata; tanto che gli stessi proprietari spesso vanno a cercarsi parcheggio in strada per le strisce blu, invece di scendere, chiamare il carrozziere e pretendere lo spostamento.

Io per√≤ ci ho messo quattro anni per capire che, visto che la Punto blu chiaro √® l√¨ ogni santo giorno, √® l’auto personale del carrozziere; e che viene messa l√¨ col cofano aperto non perch√© ci sia bisogno di ripararla, ma per avere una scusa per non doverla spostare troppo facilmente, e per giustificare perch√© sia ferma l√¨ senza pagare la sosta.

Tag Technorati: ,
divider
 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2020 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike