Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Gio 16 - 5:39
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

Archivio per il mese di Ottobre 2008


mercoledì 8 Ottobre 2008, 11:36

Trasporti a Milano

Ieri ho compiuto il mio settimanale giro milanese, e ho colto l’occasione per ammirare l’efficienza dei trasporti milanesi, che si esplica in due situazioni: la ristrutturazione di Milano Centrale e la mitica 90. Dopo questa esperienza, se Chiamparino si prova a vendere GTT ad ATM lo pelo vivo come una patata!

La ristrutturazione di Milano Centrale √® in corso ormai da un paio d’anni, anni in cui si √® stati costretti a zigzagare tra barriere, buchi e deviazioni di ogni genere. Adesso √® stata finalmente completata almeno la parte pi√Ļ vicina ai binari, e si √® scoperta la genialit√† di questo progetto.

Infatti, la biglietteria ora √® stata spostata, ed √® tutta nuova: √® situata nell’interrato del piano terreno sotto l’inizio dei binari. In pratica, entrando in stazione dall’ingresso principale (fermate della metro ecc.) essa √®, almeno al momento, quasi impossibile da raggiungere: ci si arriva solo dalle entrate laterali o dall’atrio pi√Ļ a destra. Per collegarla con i binari, quindi, √® stato costruito un dedalo di scale mobili del genere piatto, lento, senza gradini e poco pendente: in pratica, mentre una volta prendevi il biglietto e con venti secondi di scala mobile eri al binario, ora prendi il biglietto e devi percorrere a velocit√† di lumaca circa l’intera estensione della stazione per traverso, su due rampe separate. Peggio ancora se dai binari ti serve arrivare alla biglietteria: in questo caso c’√® una scala mobile per mezza rampa, poi devi ripercorrere a piedi in piano met√† della stazione per traverso, e poi trovi una nuova rampa che ti porta sotto.

Queste scale mobili sbucano proprio nel mezzo della grande galleria a livello binari che sta tra gli ingressi e i treni, per cui hanno dovuto forarla per centinaia di metri quadri, devastando i suoi storici mosaici e tutta la sua simmetria architettonica: e poi hanno anche la faccia di scrivere che l’intervento serve a ripristinare il monumento storico…

In pi√Ļ, la nuova biglietteria ora √® aperta, ma le macchinette automatiche sono per tre quarti ancora fuori servizio: l’altra settimana era il primo del mese e c’erano code da delirio, se non che io ho scoperto altre macchinette in un angolo invisibile, proprio dentro la biglietteria accanto agli sportelli, che erano ovviamente deserte. Una di queste, peraltro, si √® rifiutata di farmi biglietti per Torino: fa solo biglietti per le “destinazioni pi√Ļ comuni” e Torino non c’√®, n√© Porta Nuova n√© Porta Susa.

Se esci vivo dalla stazione, poi, ti aspetta la fermata del 90 all’angolo con viale Tonale. Ci arrivi, e trovi un mucchio di recinzioni abbandonate nei venti centimetri di marciapiede, attorno a un magro alberello: sar√† un cantiere, e per questo vicino alla palina c’√® un cartello rotondo scrostato in ferro, risalente probabilmente al 1920, sul quale con un font del 1920 √® scritto (leggibile a fatica) “FERMATA SOPPRESSA”. E basta: nessuna altra indicazione.

Ti chiedi allora dove mai passer√† la 90 adesso, tenendo conto che √® un filobus e quindi non pu√≤ scorrazzare in giro per la citt√† come gli pare. Bene, dopo un po’ capisci: dieci metri pi√Ļ indietro, appena oltre l’alberello cintato, c’√® un altro cartello scrostato in ferro, stavolta triangolare, dove tra la ruggine e le macchie leggi a malapena “FERMATA PROVVISORIA”.

Ma era il caso di fare tutto sto casino per far fermare i filobus dieci metri prima? No, e infatti dopo ben due 727 e dieci minuti di attesa il filobus arriva, tira dritto e ferma esattamente accanto al cartello di “FERMATA SOPPRESSA”. Ci vanno circa due minuti di negoziazione perch√© la folla in attesa raggiunga il mezzo aggirando il cantiere, spinga, salga, si riparta…

Dopo due fermate, finalmente arrivo alla macchinetta per timbrare: devo timbrare assolutamente, perch√© leggo Repubblica e pertanto so che a Milano ci sono i controllori sbirri assassini che se trovano qualcuno senza biglietto lo prendono a bastonate e lo lasciano l√¨ pesto e sanguinante, ma solo se non sa pronunciare perfettamente il termine “cassoeula”. Io qui sono straniero, il che ha i suoi vantaggi perch√© quando sono a piedi, attraverso col verde sulle strisce e quattro SUV tentano contemporaneamente di stirarmi facendo a portellate per essere i primi a farlo, posso gridargli “bad√≤la!” senza che si incazzino; ma non sono sicuro di passare l’esame linguistico locale.

Quindi, sono l√¨ davanti alla macchinetta, provo a timbrare e l√¨ si presenta il dramma: il biglietto √® pi√Ļ largo della fessura della timbratrice. Davvero! Sono l√¨, perplesso, e non so che fare: lo devo piegare? lo devo tagliare? me lo devo fumare? o va bene cos√¨? Non ci sono informazioni di nessun genere, n√© sul biglietto n√© sulla macchinetta. Alla fine decido di rischiare; non timbro, mi metto in un angolino e mi esercito per superare l’esame. Cassoeula, cassoeula, cassoeula…

divider
martedì 7 Ottobre 2008, 14:29

Non c’√® bisogno di andare fino in Sicilia

Questo √® quanto successo pochi giorni fa al consiglio comunale di Rivoli: i vigili urbani sono intervenuti, hanno preso la telecamera a quelli che riprendevano la riunione (pubblica), hanno cancellato il video e poi hanno detto che il video era stato “spontaneamente cancellato” dall’autore…

divider
lunedì 6 Ottobre 2008, 13:32

Cani e padroni di cani

La citazione elio-mangonica del titolo √® relativa allo sdegno provato questa mattina nel leggere questo articolo, pubblicizzato per un po’ di tempo addirittura nella home page della cronaca cittadina. In breve, narra di una ricca signora della collina il cui cane di tredici anni, gi√† malato e prossimo alla fine, fu trovato una sera agonizzante. La signora, per√≤, non fidandosi della natura decise di organizzare una operazione stile C.S.I.: port√≤ gli organi del cane in macchina fino a Parma per fare l’autopsia, scoprendo che il cane era morto per avere ingerito dei medicinali. A questo punto, la signora salta alle conclusioni e determina che il cane √® stato avvelenato per ripicca dalla cuoca, a cui appartenevano le pillole, e la licenzia su due piedi; dopodich√© assume uno stuolo di avvocati e la denuncia.

Io ho vissuto con gatti per vent’anni, e non credo di essere un bieco e insensibile maltrattatore di animali. Tuttavia, questa storia mi indigna: per prima cosa, perch√© √® giusto cacciare una cuoca che ti ammazza il cane (magari cercando solo di farlo smettere di soffrire per le sue malattie), ma prima di far perdere il posto di lavoro a qualcuno ci vorrebbe qualche prova, visto che chiunque in casa pu√≤ aver dato quelle pillole al cane, o che il cane potrebbe persino averle trovate e mangiate da solo. E soprattutto, perch√© alla fine le conseguenze di tutto questo le pagheremo noi: abbiamo un sistema giudiziario che non riesce a processare i criminali prima che i reati si prescrivano, e dobbiamo sostenere i costi della vendetta privata della signora.

E’ giusto che i maltrattamenti sugli animali vengano puniti, ma riserverei l’attivit√† giudiziaria ai casi seri: alle fattorie dove massacrano il bestiame per farlo crescere pi√Ļ in fretta o per produrre di pi√Ļ, per esempio. Invece, sventrare gli animali vivi tutti i giorni a Porta Palazzo va bene, ma guai a toccare il cagnolino delle signore della collina. Forse questi signori, cos√¨ ricchi da avere la villa in collina e la cuoca privata e cos√¨ disumani da considerare il proprio cane pi√Ļ importante delle persone, potrebbero pagarsi un investigatore privato con i propri soldi.

divider
domenica 5 Ottobre 2008, 13:53

Domande su Torino (2)

Bene, risolte tutte le domande della scorsa settimana – compresa la travagliata vita di via Udine – ho deciso di dedicare un altro appuntamento domenicale alle domande su Torino. Magari salta fuori qualcuno che pu√≤ darmi un po’ delle informazioni che io non ho… e, in generale, si tratta di memorie spicciole difficilissime da trovare in rete, ma piuttosto interessanti.

Ho ridotto per√≤ le domande a tre per volta, visto che alla fine l’altra volta, a forza di commenti, sono venute fuori tredici schermate. Ne ho messa anche una facile facile, alla portata di tutti… Quindi buttatevi senza ritegno e partecipate, che se fate i bravi ci sar√† pure una terza puntata.

6) Quale strada torinese ha solo tre numeri civici Рil 366, il 368 e il 370 Рe perché?

7) Non è ingiusto che, con tutti i monti che hanno una via a Torino e addirittura un intero quartiere dedicato al Monte Rosa, non ci sia una via Monte Bianco?

8) Perch√©, allo svincolo della tangenziale di corso Regina, l’uscita / immissione dal lato verso Rivoli √® cos√¨ larga e lunga?

divider
sabato 4 Ottobre 2008, 11:47

La sinistra e il razzismo

Per met√† del Paese, le cose scorrono normali: ci si alza, si va a lavorare, si esce la sera, si va al cinema… Per l’altra met√†, invece, tutto si √® fermato, e la vita √® ormai completamente sconvolta da una emergenza nazionale: l’Italia √® preda del razzismo.

Basta leggere Repubblica o ascoltare Radio Popolare per trovarsi continuamente di fronte a casi clamorosi: un nero picchiato qui, un nero umiliato l√†… sembra che d’improvviso tutti gli italiani siano impazziti e si siano messi a caccia degli stranieri. Un fenomeno peraltro inspiegabile, visto che sugli altri giornali – anche quelli non particolarmente destrorsi, come il Corriere o La Stampa – le notizie in proposito, sparate ad altissimo volume dai giornali vicini ai partiti di sinistra, si conquistano al massimo qualche trafiletto come normali fatti di cronaca.

L’ultima √® notevole: quella della donna somala che denuncia che all’arrivo all’aeroporto di Ciampino √® stata maltrattata e spogliata “in quanto nera”. Dal titolo sembra una cosa vergognosa, poi leggendo l’articolo si scopre che l’episodio sarebbe avvenuto tre mesi fa ma la signora se l’√® ricordato soltanto adesso; che la signora aveva precedenti per traffico di droga – ma Repubblica si dilunga a spiegarci che il khat √® droga, s√¨, ma poi non √® cos√¨ tanto droga – e quindi la perquisizione era motivata dal cercare se avesse nello stomaco ovuli di stupefacente; e che, secondo la polizia, lei avrebbe resistito e dato in escandescenze.

Ora, sappiamo tutti che la polizia italiana pu√≤ fare le peggio cose (vedi Genova), ma questa √® un’altra cosa che stupisce dell’approccio di Repubblica: per principio, la parola di un nero √® verit√†, mentre la parola di dieci poliziotti, un questore, un sindaco e cos√¨ via non conta assolutamente niente. Questo √® particolarmente evidente nell’altro caso di un ghanese picchiato dai vigili di Parma e poi insultato, fino a ridargli la busta coi documenti con sopra scritto “negro”. La polizia municipale spiega che l’occhio nero del ragazzo √® legato alla colluttazione avuta con gli agenti al momento del fermo, con due agenti finiti al pronto soccorso con tanto di referto; e che la busta gli √® stata consegnata bianca, “negro” se l’√® scritto da solo. Ora, io non so; √® anche possibile che ci sia stato un complotto dei vigili, aiutati dai medici dell’ospedale, con conseguenti rischi di licenziamento e reati penali, tutto per il dubbio piacere di scrivere “negro” su una busta; prima di darlo per scontato e di gridare al razzismo, per√≤, aspetterei un’inchiesta o perlomeno qualche prova.

Un altro episodio di giornalismo d’assalto √® coinciso con il recentissimo caso, a Milano, di un ambulante senegalese abusivo rimasto coinvolto in una rissa al mercato con il verduriere italiano davanti al cui banco si era piazzato, che gli avrebbe detto anche “sporco negro”. Prima Repubblica pubblica una breve notizia, poi spara la cosa in prima nazionale. Anche qui, per√≤, leggendo l’articolo si scopre che i testimoni hanno visto la rissa, ma non hanno sentito insulti razzisti; ci√≤ nonostante, l’articolo – riprendendo anche un pronto comunicato della Cgil che denuncia il clima di razzismo crescente alimentato dal governo Berlusconi ecc. ecc. – conclude che si √® trattato di una aggressione per via del colore della pelle.

Peccato che i primi commenti all’articolo, tra cui il mio, siano un po’ perplessi, visto che a ben vedere pare una rissa qualsiasi e che lo stesso articolo dice che gli insulti razzisti potrebbero anche non esserci stati (ma anche se ci fossero stati, una volta che si perde il controllo e ci si mena ci si grida qualsiasi cosa; quanti di noi da incazzati hanno detto delle cose che non pensavano veramente, solo per ferire l’altro?); in pi√Ļ, alcuni fanno notare che sono altrettanto frequenti gli episodi opposti, di neri che molestano italiani, ma Repubblica non li riporta.

Apriti cielo! Stamattina l’articolo originale √® sostituito da uno nuovo; sono apparse magicamente le testimonianze che giurano che s√¨, √® stato detto “sporco negro” – per quanto si dica anche, ovviamente alla fine e en passant, che nessuno √® stato disposto a metterlo per iscritto davanti alla polizia – e che sarebbe stato chiamato un sicario, mentre dell’amatissima Cgil, a scanso di equivoci, non si parla pi√Ļ. E non √® la prima volta che Repubblica si rimangia le proprie parole quando si accorge che non sono sufficienti a convincere la gente della propria tesi.

Quindi? Di casi di razzismo ce ne sono comunque: ad esempio il pestaggio del cinese a Roma. A ben vedere, per√≤, sono bravate compiute da sedicenni; razziste s√¨, ma nell’ambito del generale bullismo verso il diverso, perch√© la mia sensazione dalle cronache successive √® di generale incultura, e quindi che cos√¨ come hanno pestato il cinese quei ragazzini avrebbero pestato il primo della classe o il disabile della porta a fianco, tanto per divertirsi in branco.

Insomma, come gi√† scrissi tempo fa, il problema non √® tanto il razzismo, quanto il sentirsi dei “noi” opposti a “loro”; il dissolversi del senso di comunit√†, sostituendolo con l’appartenenza a trib√Ļ in guerra tra loro, alcune definite dalla nazionalit√†, altre dallo status sociale o dalle opinioni politiche. I fatti, quindi, diventano superflui; ogni episodio √® soltanto un teatrino in cui, a seconda della trib√Ļ di appartenenza, si assegnano dei ruoli a ciascuno degli intervenuti e si salta subito alle conclusioni (come peraltro avranno fatto varie persone di sinistra, che leggendo questo articolo avranno pensato “ecco il solito fascista-razzista-liberista-conservatore-evasorefiscale” senza veramente valutare i fatti e le argomentazioni che sto portando, n√© tutto il complesso delle mie idee, che certo non sono classificabili con le categorie politiche tradizionali).

La trib√Ļ dei giornalisti, ormai, √® tra le pi√Ļ odiate; un sondaggio dell’altro giorno diceva che per circa due terzi degli italiani i giornali non sono credibili, e che strumentalizzano le notizie per fini politici o economici. A leggere Repubblica, si capisce perch√©.

Peccato che l’effetto di questi articoli sia l’opposto: nelle intenzioni di Repubblica dovrebbe servire a spaventare i moderati, facendo loro pensare che Berlusconi sia il nuovo Mussolini e portandoli a votare PD. Nella realt√†, la gente non √® cos√¨ scema; vede ogni giorno cosa avviene per strada, e sa perfettamente che c’√® una parte di immigrati dediti a non far nulla, all’accattonaggio, all’abusivismo o addirittura alla criminalit√†, che per√≤ non viene punita un po’ per difficolt√† pratica, un po’ per lo sfascio della giustizia italiana, un po’ per paura e un po’ per ideologia. Leggere le distorsioni e le verit√† precotte di Repubblica fa soltanto crescere la rabbia contro queste persone; e, man mano che il tempo passa, sar√† questa rabbia a trasformarsi davvero in razzismo.

divider
venerdì 3 Ottobre 2008, 12:29

Votare con un dito

Da qualche giorno sta girando in rete l’anteprima dell’annuale puntata dell’orrore dei Simpson, che come tutti gli anni andr√† in onda subito dopo Halloween, a inizio novembre, un paio di giorni prima delle presidenziali americane. Nel trailer, Homer prova a votare per il ticket democratico Baracca & Bid√©, ma…

La cosa che colpisce non √® tanto che si dia per scontato che anche stavolta, come in passate occasioni, i repubblicani possano “aggiustare” dei voti. E’ invece il fatto che, in America, diventi mainstream l’idea che il voto elettronico √® quanto di pi√Ļ imbrogliabile ci possa essere. Questo √® un tema su cui molti si sono scervellati, senza trovare grandi soluzioni: come si fa infatti ad accertare che il software che conta i voti non bari?

Su piccole dimensioni – ad esempio per elezioni associative – la soluzione trovata √® stata quella di pubblicare al termine delle elezioni i singoli voti in maniera anonimizzata, associati a un codice noto solo al votante. In questo modo, ciascun votante pu√≤ verificare che il proprio voto sia riportato correttamente, mentre tutti possono sommare i singoli voti e verificare i totali. Il problema, per√≤, √® che pochi si prendono la briga di verificare il proprio voto; inoltre, resta la possibilit√† per il sistema di aggiungere voti associati a chi non si √® presentato alle urne, che molto difficilmente andr√† a controllare che tra i voti pubblicati non compaia il proprio. Tutto questo diventa ancora pi√Ļ difficile su scala nazionale, con molti milioni di voti.

E’ comunque possibile prendere delle precauzioni; sicuramente il software dei sistemi di voto dovrebbe essere di tipo libero (ma poi come si pu√≤ verificare che il software che gira nel singolo seggio sia lo stesso che √® stato pubblicato?); anche avere ricevute cartacee rilasciate in privato dalla macchina al singolo elettore, o messe in un’urna per un successivo conteggio cartaceo, pu√≤ aiutare.

Resta però il fatto che imbrogliare alle elezioni, con qualsiasi sistema, è piuttosto semplice per chiunque gestisca la macchina elettorale; di solito questa cosa viene passata sotto silenzio per non minare la fiducia delle persone nello Stato, ma a me piacerebbe sapere quanto spesso ciò sia davvero avvenuto.

divider
giovedì 2 Ottobre 2008, 14:16

Ex Italia

Oggi La Stampa √® in sciopero e quindi mi tocca Repubblica: √® stato comunque interessante osservare che, toh, Ezio Mauro ha finalmente scoperto i problemi del nuovo ordine mondiale, la crisi degli stati nazionali, il problema di una economia non pi√Ļ a braccetto con la politica; che √® giusto che la politica non faccia direttamente economia (come invece √® norma in Italia), ma √® ancora pi√Ļ giusto che la politica regoli l’economia e non l’opposto. Sono contento che ci arrivi anche Mauro, ma a livello mondiale si discute di queste cose sin da Seattle ’99; solo che a livello mondiale se ne parla guardando al futuro, in funzione dei nuovi modelli a rete che societ√† ed economia vanno assumendo, e non come una riproposizione nostalgica delle lotte di classe degli anni ’70, stile bertinott-casarinico per intenderci.

Soltanto chi √® rimasto agli anni ’70 pu√≤ quindi trovare strana la marcia su Roma dei sindaci veneti, leghisti e democratici insieme, o irridere i primi cittadini perch√© invece di discettare della guerra in Iraq e dei casi giudiziari di Berlusconi si lamentano dei conti che non tornano nei loro bilanci. Ben vengano i sindaci che si preoccupano dei propri bilanci, invece di far approvare al consiglio comunale del loro paesino, come hanno fatto centinaia di comuni italiani, ridicole mozioni sulla guerra in Iraq; ridicole non perch√© il loro contenuto sia sbagliato o non condivisibile, ovviamente, ma perch√© cosa c’entra il consiglio comunale di un paesino con la guerra in Iraq?

La verit√† √® che basterebbe depurare le nostre riflessioni sul federalismo dal tifo pro o contro la Lega che le ha caratterizzate in questi vent’anni per accorgersi che la dimensione nazionale, specie del tipo dell’Italia, non ha pi√Ļ senso n√© utilit√†, a parte per generare una valida Nazionale di calcio. Uno stato nazionale delle nostre dimensioni √® troppo piccolo per contare a livello mondiale o per governare fenomeni ormai globalizzati: tanto √® vero che la nostra economia va a rotoli qualsiasi cosa i vari governi facciano, e che tutte le volte che mettiamo becco su ci√≤ che accade su Internet facciamo figuracce. Allo stesso tempo, uno stato nazionale delle nostre dimensioni √® troppo grosso per essere efficiente, e il risultato sono lentezze e burocrazie che frenano il nostro progresso, accumuli di risorse pronte per essere sprecate o girate agli amici, e una evidente e crescente distanza dai problemi dei cittadini.

Non √® un caso che i maggiori casi di successo nazionale negli ultimi anni in Europa vengano da Stati piccoli, dall’Irlanda ai paesi baltici; o da nazioni fortemente federaliste, perennemente quasi sull’orlo della secessione, come la Spagna. Tempo fa lessi sull’Economist un interessante articolo sul modello danese, quello che, nella regolamentazione dei rapporti di lavoro, √® riuscito contemporaneamente a garantire flessibilit√†, protezione, efficienza e ricchezza; bene, una delle conclusioni era che tra le principali ragioni per cui esso funziona sta il fatto che, in una comunit√† omogenea di pochi milioni di persone, tutti si sentono coinvolti e motivati a lavorare in quanto parte del soggetto comune, invece di vedere lo Stato come una entit√† mentalmente, culturalmente e fisicamente lontana (laggi√Ļ a Roma) e quindi pi√Ļ da fregare che da aiutare.

In altre parole, nessuno Stato pu√≤ avere successo se i suoi cittadini non sono motivati a lottare per farglielo avere, e questo √® molto pi√Ļ facile se lo Stato √® percepito come locale, vicino, simile a noi.

Per questo motivo, solo un forte federalismo pu√≤ salvare l’Italia; una scelta che lasci grande autonomia alle amministrazioni locali, e che lasci loro anche la gestione quasi integrale delle tasse prodotte dal territorio; che rompa la sensazione di Stato nemico, e riporti le persone ad identificarsi con esso. Il federalismo fiscale √® dunque non il fine, ma il mezzo imprescindibile per ricreare il senso di appartenenza delle persone allo Stato.

Certamente, in una unit√† nazionale da preservare vi √® anche la necessit√† di una solidariet√† dalle zone pi√Ļ ricche verso quelle pi√Ļ povere; √® quindi giusto che una parte delle tasse prodotte dal territorio vada verso il centro e venga di l√† redistribuita. Tuttavia, intanto deve trattarsi di una parte ridotta, perch√© pi√Ļ sono i soldi a disposizione e pi√Ļ √® facile per la politica sprecarli senza ritegno; mentre un amministratore locale √® comunque tutti i giorni sotto gli occhi dei propri elettori, lo stesso non si pu√≤ dire per i dirigenti di un ministero. E poi, la solidariet√† deve essere mirata, legata a obiettivi e a progetti di sviluppo.

D’altra parte, da sessant’anni le parti pi√Ļ ricche dell’Italia buttano soldi in quelle pi√Ļ povere, e da sessant’anni questi soldi vanno soltanto a finanziare la mafia, gli sprechi e il clientelismo, visto che di sviluppo non c’√® l’ombra. Mi sembra quindi una considerazione oggettiva – non certo legata a razzismi o egoismi – notare che il metodo del finanziamento a pioggia del Sud non funziona, altrimenti in questi sessant’anni il Sud si sarebbe sviluppato gi√† un bel po’. Il finanziamento a pioggia e incondizionato ha il solo effetto di deresponsabilizzare le persone; di abituarle a pensare che non c’√® bisogno di prendere in mano il futuro del proprio territorio, tanto bene o male arriveranno sempre dei soldi donati da qualcun altro.

Le poche speranze di salvezza dell’Italia passano quindi da un forte federalismo fiscale e da una forte devoluzione dei poteri; questo √® gi√† evidente a chi, come i sindaci, deve fare i conti tutti i giorni con la situazione disperata sia delle proprie casse che di molti dei propri cittadini. Se questo non avverr√† presto, comunque, la pressione imposta dalla competizione globale non si fermer√† di certo; l’unico risultato sar√†, di fronte all’impossibilit√† delle pubbliche amministrazioni di mantenere attivi i servizi essenziali, l’esplosione dello Stato e dell’unit√† nazionale.

divider
mercoledì 1 Ottobre 2008, 12:50

Uè, figa

Da ieri, lo confesso, sono un po’ milanese anch’io. E’ che Elena ha preso casa a Milano, e dopo infinite vicissitudini ieri sera l’abbiamo inaugurata; gli impegni lavorativi sono i suoi, ma √® probabile che ci capiti anch’io, una sera o due ogni paio di settimane.

Noi torinesi amiamo sbeffeggiare Milano: gi√† il nome della citt√† sembra scelto apposta per permettere grevissimi giochi di parole sul mio buco del culo, tipo GiraMilano, PulisciMilano, LeccaMilano eccetera. Il massimo divertimento per noi √® la praticit√† ingegnosa dei milanesi: dove altro troveresti un tizio la cui casa d√† sulla ferrovia che appende sul balcone uno striscione tutto bello stampato a laser con scritto “EUROSTAR… PER FAVORE FERMATE PRIMA DEL PONTE”? In compenso, alle fermate dell’ATM le deviazioni sono scritte a pennarello, con grafia da quinta elementare; noi almeno c’abbiamo la stampante, e spero che Chiamparino valorizzi questo fondamentale asset nella prossima svendita all’ATM (pardon, “fusione alla pari”) del nostro GTT.

E poi, i bus di Milano hanno una cosa geniale. Invece di aprire le porte a ogni fermata, ci sono sia fuori che dentro dei pulsanti in modo che ognuno possa aprirsele da s√©, solo se serve: sai che risparmio! E’ per√≤ indicativo il fatto che abbiano messo i pulsanti di apertura sia dentro che fuori anche sulle porte da cui si dovrebbe solo salire o solo scendere: cos√¨, se devi infrangere la regola, puoi farlo con maggior comodit√†. Fai solo attenzione, perch√© appena scendi sul marciapiede potresti essere investito dai ciclisti che vi circolano, dalle auto che vi stanno parcheggiando o dagli scooter che, percorrendo normalmente le corsie preferenziali, deviano un attimo sulla zona pedonale per sorpassare i bus in fermata.

Comunque, stringi stringi, si avverte subito che Milano è un altro mondo: sorprendentemente, qui non regna quel senso di decadenza, miseria e prossima apocalisse che permea Torino ormai da decenni. Pare quasi che qui le persone pensino di avere un futuro, e per noi è una sensazione davvero sconvolgente.

Come prima serata in questo mondo alieno, facciamo l’unione dei locali da noi gi√† conosciuti e poi l’intersezione con la zona centro: se si esce, almeno andiamo a far lo struscio. Un dritto e morbido cinquantaquattro pieno di puzza di cingalese sporco (a scanso d’equivoci ribadisco cingalese sporco e non sporco cingalese) ci porta cos√¨ fino in via Larga alla pizzeria Flash, locale intitolato non si sa se alla velocit√† del servizio (effettivamente notevole), al personaggio dei fumetti o al leggendario quiz con Mike Bongiorno. Le pizze base costano 7-8 euro invece dei 5-6 di Torino, idem la pasta, ma alla fine ce la caviamo con 27 euro senza scontrino fiscale. Io avevo la media chiara e quindi mi esalto.

Prendiamo piazza Duomo dal lato dove pisciano i barboni, e anch’io mi adeguo: desidero unirmi a questo eccitante clima di prossima ricchezza e di grandi possibilit√†, e proclamo quindi la mia intenzione di salire su tutti i pinoli della piazza per gridare “Libert√†! (prooot) Libert√†!”. Dando libert√† sia al mio corpo che al mio cervello, intendo compiere un’opera d’arte estetico-provocatoria degna di un finanziamento dell’assessore Alfieri. Elena, invece, non afferra cosa io intenda per “pinoli”, nonostante gliene indichi alcuni che si rivelano per√≤ essere vacui, cavi e inutili cestini della spazzatura. Aggiungo esempi da tavola di nomenclatura, “i pinoli delle statue”, “i pinoli della seggiovia”, ma niente. Alla fine, anche in piazza Duomo l’estetica dannunzian-scorreggiona, simbolo dell’Italia da bere, esce sconfitta, nonostante sui bus campeggino perentori proclami di una “FESTA DELLA LIBERTA’ – BERLUSCONI – FINI” (presumo si parli di libert√† condizionata).

Per sentirci pi√Ļ a casa andiamo da Grom, non senza esserci chiesti perch√© ci siano sedi del Credit Suisse a mazzi e che razza di banca sia la Banca Cesare Ponte. Qui almeno non c’√® coda, per√≤ il gelato √® lo stesso di Torino, ma costa mezzo euro in pi√Ļ; e inoltre, sommo insulto, hanno finito lo zabaione. Cio√®, parliamone: chi diavolo pu√≤ chiedere lo zabaione in piena Milano, se non un piemontese in trasferta? Ditemi pure che non l’avete mai avuto perch√© qui nessuno lo apprezza, no? E poi che razza di gelateria artigianale siete, se quando finite un gusto dovete aspettare che ve lo riportino?

Per finire, torniamo gi√Ļ per la galleria, al centro della quale – e insistono che sia un ottagono, pur se il centro √® un punto, per cui non ha forma n√© dimensioni – c’√® un’adunata di pessima musica sotto la sconcertante insegna “Franco Nisi incontra i Mod√†”, presentata come se fosse ovvio di chi si parla. Sul palco, almeno a un primo sguardo, c’√® un tamarro da antologia che canta canzoni da napoli, accompagnato da alcuni giovanotti firmatissimi. Ma non potevano incontrarsi da qualche altra parte? In piazza Duomo, in compenso, c’√® una balera romena. Ora, non ho nulla contro la Romania, ma ha veramente rotto le scatole, visto che c’era una balera romena pure domenica in piazza Castello a Torino, con l’aggravante che invece di liscio romeno eseguivano una cover della musichina dell’Ultimo dei Mohicani. Ma non si pu√≤ avere almeno ogni tanto un po’ di musica nostrana, di qualsiasi genere purch√© prodotta a meno di duecento chilometri dal Po?

Chiudiamo con un avvistamento: sempre in piazza Duomo, c’√® una Feltrinelli dentro un autogrill, oppure un autogrill dentro una Feltrinelli, non √® chiaro. La Feltrinelli √® al piano cantina e puzza di fogna; Elena guarda i libri e a me verrebbe voglia di rendermi utile, che so, mettendomi l√¨ davanti alla pila di copie del nuovo libro postumo della Fallaci ad aggiungere col pennarello sulle copertine tutte le i che mancano. Per√≤ la libreria √® enorme, mica come la stiva pigiata che abbiamo noi in piazza Castello a Torino; e poi vuoi mettere la voglia di cultura che ti viene dopo una rustichella? Ma √® tutta Milano ad essere cheappissima: in galleria di fronte al Savini c’√® McDonald’s e in piazza Duomo campeggia una gigantesca pubblicit√† non di Prada o di Bvlgari, ma di un cappotto a trenta euro. Fa strano che non si scandalizzino.

In un dedalo di strade marmoree il cinquantaquattro ci riporta sul dritto, e poi a casa, quasi al fondo di viale Argonne. Questo √® il posto pi√Ļ interessante, una serie di viuzze che sembrano congelate negli anni ’60, dove c’√® tuttora un verduriere (un verduriere! e non ricostruito in un museo, ma vero e in piena azione!) e un Caff√® Jesi ad un angolo da cui non passer√† mai nessuno, coi tavolini di formica, l’insegna di lettere al neon e gli arredi rigorosamente fermi ai tempi delle figurine di Facchetti. E’ strano, perch√® a Torino non √® praticamente rimasto nulla di tutto questo; sulle vecche viuzze di periferia incombono i palazzoni di cartone di Franco Costruzioni, al posto delle fabbriche c’√® una colata di cemento olimpica dietro l’altra (tutte gi√† quasi in disuso) e verdurieri e latterie sono stati sterminati dalla politica di una Citt√† Mercato (Fiat) qui, uno Sma (Fiat) l√†, un Auchan (joint venture Fiat-francesi) l√¨ dietro e cos√¨ via. Pensa, mi sa che adesso siamo noi la citt√† senz’anima.

divider
 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2020 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike