Sky
Vittorio vb Bertola
Wandering on the Web since 1995

Thu 21 - 12:11
Hello, unidentified human being!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
about me
about me
site help
site help
site news
site news
license
license
contact me
contact me
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
old blogs
old blogs
personal
documents
documents
photos
photos
videos
videos
music
music
activities
net governance
net governance
town council
town council
software
software
help
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet & faqs
usenet & faqs
stuff
piemonteis
piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
ancient software
ancient software
biz
consultancy
consultancy
talks
talks
job placement
job placement
business angel
business angel
sites & software
sites & software
admin
login
login
your vb
your vb
register
register
lunedì 24 Novembre 2008, 19:04

Scienza e filosofia

Ultimamente mi √® capitato spesso di non essere particolarmente entusiasta di dover partire per l’ennesima conferenza. Certo, √® bello volare da un’altra parte per discutere di argomenti interessanti, ma √® anche faticoso; se poi questo si accompagna alla necessit√† pratica di infilare la preparazione non solo di una valigia, ma anche di una presentazione possibilmente intelligente, diventa una vera incombenza.

In questo caso, per√≤, mi sono davvero sbagliato: questa √® stata una delle conferenze pi√Ļ interessanti di tutta la mia vita. Di solito, infatti, finisco nel solito gruppo di ingegneri, manager, accademici che discutono da anni sempre delle stesse cose; e la cosa diviene un po’ frustrante. In questo caso, invece, sono finito in un ambiente totalmente nuovo, e totalmente diverso: pensate che su trecento persone eravamo solo una manciata ad esibire un portatile.

Eppure, pensate che questi francesi, nell’ambito del proprio semestre di presidenza europea, hanno organizzato una conferenza ai massimi livelli – aperta di persona dalla ministra dell’Universit√† francese e da quella tedesca – per interrogarsi sul rapporto tra scienza e societ√†. Per tutta la mattinata si sono poste domande come: che tipo di societ√† vogliamo costruire? come facciamo a usare la scienza per costruirlo? perch√© la gente da una parte vive in mezzo a gadget tecnologici di ogni tipo, e dall’altra ha sempre pi√Ļ spesso reazioni inconsulte contro il progresso scientifico? come pu√≤ la scienza dialogare con la societ√†? come ci assicuriamo che il progresso sia etico e democratico?

Non so, pu√≤ darsi che anche da noi si tengano discussioni di questo genere, ma dopo il terzo oratore che citava la ricerca sulle staminali come esempio negativo e preoccupante di folle impazzite che cercano di fermare la ricerca scientifica con argomenti del tutto irrazionali e con aperta ostilit√† verso i ricercatori, ho pensato che in Italia, invece di chiedersi come fare a riconciliare scienza e cittadini, i politici organizzano il “family day” e soffiano sulla protesta.

Fa effettivamente strano (ed √® un po’ inquietante) trovarsi in mezzo a professoroni di ogni genere che ogni cinque minuti citano uno tra Kant, Aristotele, Cartesio, Hegel, ma anche filosofi contemporanei e persino Hofstadter. E non li citano a sproposito solo per sembrare colti, ma entrano perfettamente nel loro discorso! E’ la prima volta, insomma, che mi capita di riconoscere alla filosofia una dignit√† scientifica superiore a quella dell’analisi della partita al bar sport; effettivamente per√≤, fatta da gente che ha studiato, non solo ha senso, ma pare persino una disciplina olistica per persone particolarmente profonde, con possibili conseguenze sulla direzione del mondo.

Nella mia sessione specialistica – quella sull’etica dell’ICT – c’√® tal Rafael Capurro, filosofo uruguagio-tedesco, uno dei quindici membri del Comitato Consultivo Etico della Commissione Europea: √® una di quelle persone che emanano un’aura di saggezza ed √® stato un piacere discutere con lui. Ma anche tutti gli altri interventi sono di alto livello, interessanti, ben esposti (ok, se riuscite a eliminare quel vago senso di ispettore Clouseau che danno i francesi che parlano inglese) e puntuali sull’argomento. Domani mattina c’√® il mio intervento, e spero di non dire troppe stupidaggini.

P.S. In compenso, sia la conferenza che l’albergo sono Internet-less e sono riuscito a collegarmi in modalit√† write-only dal wi-fi gratuito del Centro Pompidou, sempre sia lodato, che per√≤ funziona malissimo. Per la posta dovrete aspettare domani sera.

[tags]parigi, conferenze, ecosoc, etica, scienza, filosofia, ict, ricerca, europa[/tags]

divider

8 commenti a “Scienza e filosofia”

  1. Piero:

    L’uomo ha paura di ci√≤ che non conosce. “Filosofia” significa amore della conoscenza. La Filosofia quindi serve all’uomo per cercare di conoscere ci√≤ che ancora non conosce e dare un significato o una spiegazione a fenomeni naturali a lui ancora incomprensibili, come per esempio la morte, la vita, l’amore, il pensiero, per poter lenire la paura. La Scienza invece √® conoscenza, √® ci√≤ che l’uomo ha scoperto dopo anni di studi e sperimentazioni e che d√† per acquisito.

  2. simonecaldana:

    Piero: potresti essere un po’ meno italiano? Grazie

  3. Piero:

    Simone, il mio commento voleva solo dare uno spunto “filosofico” a VB per l’intervento di domani. Poi mi spieghi cosa intendi per “meno italiano”?

  4. francesco:

    ma va fai pena!!!!!!!!!!!!Ritirati!!!!!!!!!

  5. Piero:

    Francesco, Notte!

  6. simonecaldana:

    @Piero: hint: Boris.

  7. elena:

    Beh, fino a che recluti nel sistema accademico e di ricerca il raccomandato di turno o livelli verso il basso la conoscenza ovvero l’accesso alla conoscenza non puoi pretendere di “volare alto”, ti devi accontentare di ripetere le medesime cose “n” volte, un po’ perch√® la consuetudine rassicura, un po’ perch√® altrimenti passi per sovversivo, anti-sistema e quindi rischi l’isolamento.

    Quando dicono che i ricercatori italiani all’estero sono apprezzatissimi, pensate solo una cosa: pensate all’entusiasmo di chi, soffocato dai lacci e lacciuoli vari, d’improvviso si trova di fronte alla libert√†: libert√† in tutti i sensi, intellettuale, di ricerca, di finanziamento, di trattare temi “scomodi” etc. Posti di fronte a queste condizioni (nel 99,9% dei casi impensabili al di sotto delle Alpi), come minimo si rifiorisce!

  8. mfp:

    vb, detesto quelli che con una mano si preoccupano della lentezza del progresso etico rispetto a quello tecnico (rif. Russel, Flores D’Arcais, Schiavone, Galimberti)… e con l’altra mano, magari per necessita’ dialettiche, degradano la filosofia a mero anti-pragmatismo. La formazione culturale “a contorno” dei tecnici (giuristi, economisti, informatici, medici, etc) e’ di fondamentale importanza. Insomma, sono felice che apprezzi la filosofia… ma tu davvero ti ricordi cosi’ chiaramente tutti quegli autori da riuscire a seguire i filosofi in una conferenza!?

 
Creative Commons License
This site (C) 1995-2023 by Vittorio Bertola - Privacy and cookies information
Some rights reserved according to the Creative Commons Attribution - Non Commercial - Sharealike license
Attribution Noncommercial Sharealike