Sky
Vittorio vb Bertola
Fasendse vëdde an sla Ragnà dal 1995

Màr 7 - 17:16
Cerea, përson-a sconòssua!
Italiano English Piemonteis
chi i son
chi i son
guida al sit
guida al sit
neuve ant ël sit
neuve ant ël sit
licensa
licensa
contatame
contatame
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vej blog
vej blog
përsonal
papé
papé
fotografie
fotografie
video
video
musica
musica
atività
net governance
net governance
consej comunal
consej comunal
software
software
agiut
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet e faq
usenet e faq
autre ròbe
ël piemonteis
ël piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
vej programa
vej programa
travaj
consulense
consulense
conferense
conferense
treuvo travaj
treuvo travaj
angel dj'afé
angel dj'afé
sit e software
sit e software
menagé
login
login
tò vb
tò vb
registrassion
registrassion

Archivio per il giorno 25 Maggio 2009


lunedì 25 Maggio 2009, 10:52

Oh basta là, quante macchine

In questi giorni √® di nuovo elevata la polemica sulla vita notturna in piazza Vittorio. Io non sono un festaiolo e non mi viene nemmeno in mente di infilarmi un sabato sera all’una di notte in quelle zone, ma non dubito che i racconti siano veri: pare che gi√† verso le undici la zona sia completamente intasata, con il parcheggio sotterraneo esaurito, e che progressivamente le auto vengano abbandonate per ogni dove, creando il caos totale. Ovviamente i residenti si lamentano e per questo motivo il Comune sta studiando il progetto di chiudere la piazza al traffico di notte.

Sarebbe facile, non essendo interessato alla vita notturna, accodarmi alle proteste e cominciare a dire: ma perch√© questi devono arrivare tutti l√¨ di notte con la macchina, ma che senso ha fare le vasche in via Po tutti in coda alle due di notte, ma quanto inquinamento inutile, ma non basterebbe mettere dei bus, oppure direttamente far chiudere prima i locali e se necessario mandar via la gente con la forza. Sarebbe facile ma non terrebbe conto che oltre al diritto dei residenti esiste anche il diritto per i giovani di avere una vita sociale, e che, se per i ventenni questa vita sociale si esplica nell’esibizione della macchina pi√Ļ o meno agghindata e nello sballarsi fino alle sei di mattina, la risposta non pu√≤ essere semplicemente “no”.

In ogni città europea si verificano situazioni di questo genere; e in ogni città europea esistono delle zone dedicate alla vita notturna, dove è considerato perfettamente normale che ci sia rumore e animazione per tutta la notte. A Torino queste zone sono due, il quadrilatero e piazza Vittorio, a cui si sta aggiungendo un pezzo di San Salvario; onestamente non capisco come si possa pensare di chiuderle a mezzanotte.

L’inquinamento acustico √® una delle cose pi√Ļ difficili da sopportare, e a nessuno fa piacere avere giovani schiamazzanti sotto casa per tutta la notte; ma la soluzione √® organizzare la citt√† in modo che le zone dedicate alla vita notturna siano ben delimitate, dopodich√© ognuno sceglie dove vuole abitare. Chi vuole tranquillit√† va nei quartieri residenziali, che a Torino certo non mancano; chi piace l’animazione abita le zone della movida. Abitare in piazza Vittorio e poi lamentarsi per il rumore mi sembra un controsenso; capisco che fino a vent’anni fa Torino fosse un grande dormitorio e in piazza Vittorio di notte non volasse una mosca – ricordo una scena da bambino, una sera tornando da Pecetto, di totale deserto – ma credo che nessuno possa auspicare il ritorno alla citt√† grigia di una volta.

Resta il problema del traffico; e anche qui non pu√≤ che far ridere il commento dell’assessore Sestero, che dice che hanno istituito una navetta notturna dai vari parcheggi a piazza Vittorio, ma “non capiamo perch√© viaggia sempre vuota”. A vent’anni, chi arriva in bus √® uno sfigato, punto e basta; l’auto √® per i maschi (ma crescentemente anche per le femmine) la prima esibizione del proprio status sociale, nonch√© elemento fondamentale per arrivare all’accoppiamento. Anche questo √® un fenomeno che non pu√≤ essere cambiato se non (forse) sul lungo periodo, e che per ora va semplicemente accettato e gestito.

Quindi, speriamo che non mettano due transenne in mezzo alla piazza, perch√© il risultato sarebbe semplicemente una estensione dell’ingorgo e del rumore per mezzo centro. O si realizzano in zona nuovi parcheggi sotterranei (come quello in piazzale Aldo Moro), o si accetta la ri-trasformazione notturna della superficie della piazza in parcheggio, cosa che gi√† ora avviene e che tanto vale avvenga in modo regolato, tanto di notte non ci saranno certo i famosi turisti a fare le foto; oppure si riesce (ma mi pare difficile) a spostare la vita notturna verso qualche altro luogo.

Onestamente, però, a me il vero problema pare la facilità con cui si concedono licenze per locali notturni rumorosi fuori dalle zone della vita notturna, nel bel mezzo dei quartieri residenziali; ecco, lì invece si potrebbe intervenire, cercando magari di piazzarli nei grandi centri commerciali, di notte altrimenti deserti, dove non darebbero fastidio a nessuno.

divider
 
Creative Commons License
Cost sit a l'è (C) 1995-2020 ëd Vittorio Bertola - Informassion sla privacy e sij cookies
Certidun drit riservà për la licensa Creative Commons Atribussion - Nen comersial - Condivide parej
Attribution Noncommercial Sharealike