Sky
Vittorio vb Bertola
Fasendse vëdde an sla Ragnà dal 1995

Lùn 13 - 7:39
Cerea, përson-a sconòssua!
Italiano English Piemonteis
chi i son
chi i son
guida al sit
guida al sit
neuve ant ël sit
neuve ant ël sit
licensa
licensa
contatame
contatame
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vej blog
vej blog
përsonal
papé
papé
fotografie
fotografie
video
video
musica
musica
atività
net governance
net governance
consej comunal
consej comunal
software
software
agiut
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet e faq
usenet e faq
autre ròbe
ël piemonteis
ël piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
vej programa
vej programa
travaj
consulense
consulense
conferense
conferense
treuvo travaj
treuvo travaj
angel dj'afé
angel dj'afé
sit e software
sit e software
menagé
login
login
tò vb
tò vb
registrassion
registrassion
venerdì 15 Maggio 2009, 18:56

Giornalismo (2)

Parlando ancora di giornalismo, oggi mi ha colpito questa notizia: non il fatto che in Spagna i tifosi del Barcellona e dell’Atletico Bilbao – squadre simbolo di regioni da sempre separatiste – abbiano fischiato l’inno nazionale all’inizio della finale della Coppa nazionale, né il fatto che tali fischi siano stati censurati dalla televisione di Stato spagnola, ma il fatto che il giornalista che ha ordinato la censura sia stato immediatamente cacciato.

Da noi, manipolazioni del genere sono all’ordine del giorno; in qualsiasi convegno con un politico le inquadrature sono sempre sapientemente scelte per far sembrare piena la sala, quando non si montano in mezzo alle immagini del palco le immagini di repertorio del numeroso pubblico di eventi completamente diversi. L’ultima moda nel pastone politico – non so se l’avete notato – è quella di fingere che il politico di turno parli davanti a degli intervistatori, anche se in realtà si vede benissimo che lo sfondo è finto e che lo sono anche le mani, caratterizzate da microfoni completamente anonimi tenuti perfettamente fermi da braccia ignote di cui si vedono solo le maniche del vestito: una tristezza orwelliana che fa accapponare la pelle.

E così, da noi succede regolarmente che eventuali contestazioni vengano ridimensionate abbassando il volume degli effetti o azzerandolo del tutto; solo che da noi il giornalista che si comporta in questo modo, invece di essere licenziato, fa velocemente carriera. Quali telegiornali hanno mandato in onda queste immagini? Ma non succede solo con Berlusconi; succede anche a livello più piccolo, nelle regioni, nelle città, con politici di destra e di sinistra; spesso con un coro zelante di adoratori che tacciano chi contesta di “disfattismo” o “populismo”.

P.S. Siccome la fortuna aiuta gli audaci, ieri al sorteggio siamo usciti per primi e così occuperemo sulla scheda la prima posizione in alto a sinistra: almeno non dovrete faticare per trovarci. Inoltre, stasera esordisco in televisione su Primantenna alle 20,50, in un dibattito con una dozzina di altri candidati; sono molto curioso di sentire le posizioni altrui.

divider

4 commenti a “Giornalismo (2)”

  1. ff:

    Beh scopri un po’ l’acqua calda, in italia il giornalismo è a un livello pietoso, tranne rare eccezioni (e chi ha in mente travaglio sbaglia di grosso) si tratta quasi sempre di articoli “a tema” fatti per compiacere, non solo i propri padroni, ma lo stesso pubblico. In giro mi sembra di trovare pochissime persone disposte a cercare di capire, ma quasi tutti cercano conferme ai propri preconcetti, magari vantandosi di avere idee ben chiare. In altre parole, più che la libertà di stampa, mi pare morta la pratica del dubbio.

  2. elena:

    quel che davvero è morto, nel pubblico, è la capacità (o anche solo l’interesse) di distinguere tra fatti e opinioni.
    a tutti i livelli, dal dibattito mediatico alle conversazioni del bar, prevale ormai la pseudo-logica: argomentazioni non vere e spesso neppure attinenti con l’argomento della discussione, che vengono accettate per buone se chi le enuncia lo fa con sufficiente convinzione/fascino/potere.
    temo che i giornalisti realmente minacciati o costretti a comportarsi come si comportano non siano poi molti: penso che prevalgano i pecoroni, i leccaculo e quelli che semplicemente tirano a campare piegandosi ad ogni alito di vento. tanto noi ci beviamo qualsiasi cosa…

  3. ff:

    yep, vendono il prodotto schifoso che vuole il pubblico e poi si lavano la coscienza con una supposta censura

  4. elena:

    il punto non è tanto se sia più colpa dei giornalisti o del pubblico (che di fatto sono due parti di un circolo – vizioso), il punto è che quando in una democrazia il popolo smette di esigere chiarezza, informazione, onestà intellettuale… la democrazia è pronta per essere spazzata via.
    la censura non so, ma l’intimidazione certamente c’è. solo che non è il solo problema.

 
Creative Commons License
Cost sit a l'è (C) 1995-2020 ëd Vittorio Bertola - Informassion sla privacy e sij cookies
Certidun drit riservà për la licensa Creative Commons Atribussion - Nen comersial - Condivide parej
Attribution Noncommercial Sharealike