Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Ven 24 - 17:16
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
sabato 18 Settembre 2010, 21:03

Una giornata in Lituania

Oggi era la mia giornata libera per girare un po’ questa citt√†, e ho guardato l’inverno negli occhi: c’√® un’aria da neve che, per la citt√† vecchia di Vilnius, mi ha fatto pensare che avrei presto incontrato i mercatini di Natale. La febbre √® passata quasi completamente, ma per precauzione mi ero portato comunque dietro una maglietta aggiuntiva; alla prima folata di vento, sulla penisola di Trakai, mi sono rifugiato nell’anticamera di una chiesa e ho improvvisato uno strip per mettermela. Nessuno si √® formalizzato; stavano preparando la chiesa per un matrimonio, ma di l√¨ non passava nessuno, dentro c’era soltanto il prete e non era ancora giunto nessuno (anche se ho poi visto l’uscita del corteo quando sono ripassato l√¨ davanti un paio d’ore dopo). E il bello √® che la chiesa era in pieno restauro, con tanto di scavi e passaggi nella sabbia per entrare; credo che da noi gli sposi si sarebbero scandalizzati.

Comunque, anche questo √® stato un elemento caratteristico: o oggi era la giornata nazionale della cerimonia religiosa, oppure qui c’√® un’epidemia di matrimoni e battesimi. Nel centro di Vilnius √® impressionante quante chiese ci siano, eppure erano tutte occupate da celebrazioni – in una addirittura c’erano in contemporanea un matrimonio nella chiesa e un battesimo nella cappella adiacente. Ho un po’ l’impressione che, dal punto di vista della laicit√†, i lituani ce li siamo giocati: dopo cinquant’anni di comunismo, saranno papalini per i prossimi seimila.

Le differenze culturali, comunque, non finiscono qui; per esempio √® stato interessante trovarsi fermi ad un lunghissimo semaforo rosso in mezzo a una folla di pedoni in attesa di passare, notare che sulla strada non c’erano auto per chilometri, cominciare dunque ad attraversare col rosso e trovarsi ad essere assolutamente l’unico, mentre tutti gli altri rimanevano fermi con gli occhi sgranati; sono passato senza problemi, ma non ho ben capito se gli sfigati sono loro o siamo noi.

Un’altra differenza culturale sta nell’uso dei supermercati; alle quattro del pomeriggio sono entrato per prendere qualcosa da mangiare, e davanti a me alla cassa c’era una lunga coda di almeno una decina di persone. Tutte, ma proprio tutte, hanno comprato birra, o superalcolici, o superalcolici e birra; non uno che abbia comprato, che so, una coca cola, una bottiglia d’acqua, delle caramelle, dei panini… Anche nei supermercati pi√Ļ grandi √® facile capire dov’√® il settore degli alcolici, basta seguire la fiumana di gente. Certo l’assortimento √® ottimo, in media i superalcolici occupano un terzo del supermercato; dal nostro punto di vista per√≤ la situazione √® inquietante.

Invece, al mattino ho quasi perso il pullman perch√©, pur arrivato con consistente anticipo, dalla giornalaia alla fermata – praticamente ogni fermata ha accanto un chiosco di giornali che vende anche i biglietti, penso sia un residuo di pianificazione sovietica – c’era una persona che ha cominciato a fare non so cosa, porgendo dei fogli stampati da internet con dei codici a barre che la giornalaia leggeva, batteva sulla cassa due o tre volte, poi sbarrava a matita e poi non so che altro e infine chiedeva il pagamento mettendoci delle ore a contare i soldi tutta tranquilla; eravamo ormai una decina a friggere in coda, ma questa giornalaia circa sessantenne non sembrava assolutamente interessata all’efficienza, n√© le √® venuto in mente di bloccare l’operazione per dar via un po’ di biglietti o cos’altro; se la mettessero all’edicola di Milano Centrale dopo dieci minuti o le verrebbe un infarto o sarebbe linciata da bauscia inferociti.

In compenso, stamattina ho preso il bus extraurbano per andare a Trakai, e il treno per tornare indietro; e in entrambi i casi il sistema ha funzionato bene (ovviamente ci sono gli orari su Internet, sia del treno che dei bus). Menzione speciale per i due binari recintati che si trovano in mezzo alla stazione di Vilnius; sono i binari dove fermano i treni russi che collegano Kaliningrad alla madrepatria, attraversando da stranieri la Lituania e la Bielorussia. Nel sottopassaggio della stazione infatti c’√® un vero e proprio posto di frontiera, con dogana e controllo passaporti, visto che sul treno si √® sostanzialmente gi√† in Russia; √® anche un confine non da poco, essendo uno dei punti di contatto diretto tra la Russia e l’area Schengen. Chiss√† se durante l’attraversamento della Lituania le porte dei vagoni vengono sbarrate…

A Trakai l’attrazione √® il castello, una delle immagini simbolo della Lituania; Trakai √® l’antica capitale (precedente a Vilnius) ed √® attualmente un paesino su una stretta penisola chiusa tra due laghi. Su un’isoletta nel lago si trova il castello; dentro mi ha ricordato molto quello di Turku, ma la posizione sul lago lo rende ovviamente pi√Ļ affascinante, anche se il fatto che sia stato quasi interamente ricostruito nella seconda met√† del Novecento, dopo secoli di abbandono, lo rende pure un po’ finto. Altrettanto interessanti sono le rovine dell’altro castello, quello sulla penisola – ma tanto sono al lavoro per ricostruire come nuovo pure quello.

La citt√† vecchia di Vilnius, invece, √® carina ma niente poi di cos√¨ speciale; la tipica citt√† mitteleuropea. Tra un matrimonio e l’altro, sono arrivato al viale Gedimino, che parte dalla cattedrale e arriva vicino al mio albergo, davanti al Parlamento (dev’essere per questo che in questa zona ci sono anche vari night club). Il viale era occupato da un lungo mercato di materiale vario, tra cui ogni tanto degli stand di cibo locale; dunque ci sono tornato per cena, e ho mangiato un ottimo spezzatino con melanzane, patate e peperoni. Considerando che non mangiavo un pasto vero da mercoled√¨ a pranzo, mi ha fatto molto piacere.

Tag Technorati: , ,
divider

Un commento a “Una giornata in Lituania”

  1. valeskywalker:

    non ho pensato di suggerirti la zuppona nel pane (c’√® sia di barbabietole sia di funghi, servita dentro un pane scavato e chiuso, cosi quando finisci la zuppa di mangi anche il pane-pentola :-D)..sar√† per il prossimo viaggio in europa centrale :-D
    per l’epidemia matrimoniale..ricordo il mio sconcerto nei miei primi giri in polonia…√® che in lituania, nelle altre repubbliche sul baltico come anche in polonia e slovacchia non va di moda convivere, solo nelle grosse citt√† le persone che hanno studiato e hanno una mentalit√† pi√Ļ moderna convivono oltre i 2 o 3 anni, prima di sposarsi (I cechi invece sono super pragmatici, perlopi√Ļ atei..insomma un altro tipo di mentalit√†) E sposarsi √® considerato ovvio e preliminare al far figli. Ma anche l√¨ √® come con l’aspettare il semaforo rosso se non passano auo , √® tutto da vedere se siamo sfigati noi o lo sono loro :-)

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2019 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike