Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Mer 21 - 14:47
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
martedì 24 Maggio 2011, 17:25

Pisapia, cosa pensa del Tav?

Caro avvocato Pisapia,

da diversi giorni ormai, in vista del ballottaggio milanese, i suoi sostenitori approcciano in ogni modo il Movimento 5 Stelle, chi con i complimenti, chi con le minacce, cercando di ottenere da noi una chiara indicazione di voto a suo favore.

Il Movimento non possiede i propri elettori; l’unica posizione possibile è quella che abbiamo sempre espresso, cioé che ogni nostro elettore decida liberamente secondo coscienza. Ciò nonostante, io mi rendo perfettamente conto del valore politico nazionale del voto di Milano, e per questo stavo per scrivere che, fossi residente a Milano, sarei forse venuto a votare per lei.

Poi, però, la scorsa notte è successo qualcosa. E’ iniziata la battaglia di Chiomonte: cinque anni e mezzo dopo Venaus, di nuovo la Valsusa è stata invasa, scontrandosi con la resistenza popolare. Ieri c’è stato solo un antipasto, ma in una delle prossime notti arriverà quasi certamente la replica delle violenze di allora. Se in quel bosco di notte partiranno le cariche, la polizia caricherà anche rappresentanti democraticamente eletti, tra cui i consiglieri regionali e comunali del nostro Movimento, che presidiano il cantiere e vi hanno aperto addirittura una sede formale del nostro gruppo consiliare regionale.

Tutto questo è sostenuto con forza dai partiti della sua coalizione: non solo Virano, compagno di gioventù di Chiamparino e Fassino, minaccia i sindaci che si oppongono all’opera, ma due onorevoli PD chiedono addirittura di dichiarare il cantiere sito militare, il che implicherebbe di poter sparare a vista su chi vi si avvicini.

E allora, capisce – capite voi Bersani, Pellizzetti, Flores d’Arcais, De Magistris, persino Scanzi – che in ognuno di noi, con rabbia, viene fuori una sola domanda: con che faccia gli stessi partiti che ci manganellano a Torino ci chiedono i voti a Milano?

Pisapia, vuole i voti dei nostri elettori? Parli con loro, gli dica chiaramente se condivide o no le loro idee. A cominciare da questo: per lei il Tav Torino-Lione va costruito oppure no? Per lei è giusto mandare l’esercito a imporre con la forza la realizzazione di una grande opera contro la volontà della popolazione? Quando gli elettori di cui chiede i voti occuperanno pacificamente le strade di Milano per bloccare un inceneritore o una colata di cemento, la sua maggioranza invocherà e applaudirà l’uso della forza contro di loro, come ha sempre fatto la maggioranza di centrosinistra a Torino?

Pisapia, parli chiaramente, tenga fede alla sua storia, ci dimostri che veramente non siete tutti uguali. Si dissoci apertamente da quel che sta avvenendo in Valsusa, ne chieda la fine; oppure taccia, e non prendeteci più in giro.

divider

24 commenti a “Pisapia, cosa pensa del Tav?”

  1. Claudio C.:

    Il problema è che oggi non si fa più politica ma metapolitica (alleanze, coalizioni, percentuali e bunga bunga) e delle questioni reali e specifiche non si parla mai. Per cui del TAV non si sa nulla e lo si immagina un bel treno che ad alta velocità ci porterà a Lione in un’ora da Torino. Così se Pisapia dovesse dire “si, appoggio il TAV” magari tutti lo applaudirebbero per il suo essere per il futuro e per il progresso. Bene, io a Pisapia non darei una chance. Fa parte di una coalizione che si alimenta di cemento, imparentata con i Chiamparino, i Bresso, i Bassolino e i De Luca. Ed è un errore tradire la propria simpatia personale (come sta facendo Calise quando lo intervistano) verso un determinato candidato. Come è anche un errore non riconoscere che il M5S non è nè di destra nè di sinistra, visto che io conosco simpatizzanti sfegatati che precedentemente avevano votato sia a destra sia a sinistra.

  2. rccs:

    Sono convinta che moratti sia contraria alla TAV: se le scrivi su twitter ti risponderà così.

    Ma non solo, da quando c’è moratti a Milano ci son due piste ciclabili per ogni strada! E i parchi in città sono quintuplicati, grazie all’abbattimento di inutili palazzi regionali. La moratti, in fin dei conti, è una grillina infiltrata!

    Mi viene solo una domanda. Ma i consiglieri dell’ M5S (che in regione, non hanno mosso un dito contro la TAV, n.d.r.) hanno l’immunità consiliare per eventuali reati commessi in val susa? No perchè se è “guai chi ci tocca, siamo consilieri!” allora fate che sparare sugli operai così risolvete la questione, no?

  3. Luca:

    @ rccs: ma come si fa a dire che Bono e Biolè non abbiano fatto nulla per fermare la TAV??
    http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/piemonte/2011/05/resistenza-no-tav.html#more

    http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/piemonte/miniblog-del-consigliere-regionale-davide-bono.html

    http://www.cuneoannunci.it/notizie_Davide-Bono-MoVimento-5-Stelle-Propaganda-politica-sulla-TAV-8-marzo-2011_2731

    Inoltre se non usano violenza ed insulti nei confronti delle Forze dell’Ordine non commettono nessun reato, si spera semplicemente che il fatto che 2 consiglieri regionali siano in prima linea nella battaglia NO TAV dia maggior enfasi alla protesta e che la Polizia abbia un maggior rispetto evitando l’uso della violenza.
    Io mi chiedo perchè i cittadini abbiano uno spirito critico così forte nei confronti del M5S e dei relativi membri e non siano altrettanto critici verso l’attuale classe politica che è a dir poco vergognosa.

  4. Fabio Varesano:

    che in regione, non hanno mosso un dito contro la TAV

    Mah, non proprio.. vedasi qui.

  5. Claudio C.:

    @ rccs

    anche a Torino con la giunta Chiamparino i parchi sono quintuplicati. La zona delle ex Ferriere (via Orvieto, via Livorno) è adesso diventata la nuova residenza di caccia dei Savoia, ci sono daini e cerbiatti in libertà. Fra i corsi Inghilterra e Vittorio E. si sta creando una torre per la nidificazione delle cicogne più alta della Mole Antonelliana. Piazzale Valdo Fusi è diventato un giardino dei semplici dove si coltivano le erbe medicinali. Lo stadio delle Alpi costruito nel ’90 è stato abbattuto per far posto al parco della rimembranza. Potrei continuare all’infinito nel testimoniare l’amore per la natura della giunta centrosinistra.

  6. maz:

    due sole cose, che non riesco a capire:
    1) cosa c’entra il sindaco di milano con la TAV in Valsusa?
    2) Pisapia NON è dello stesso partito (PD) di quelli citati.

  7. .mau.:

    da diversi giorni ormai, in vista del ballottaggio milanese, i suoi sostenitori approcciano in ogni modo il Movimento 5 Stelle,

    davvero? non me ne sono accorto.

  8. vb:

    @maz: Non solo per noi il TAV è una questione nazionale, ma vorremmo capire che modello di sviluppo ha in mente Pisapia e comunque come si pone sull’uso della forza per realizzare opere pubbliche. Il fatto che lui personalmente non sia del PD è irrilevante, il PD è il primo azionista della sua maggioranza e sarà quello che gestirà la maggior fetta di potere…

  9. Polemico74:

    bravo vb continua a difendere i fascisti di casapound e a dare addosso alla sinistra

    fascista di merda

  10. Polemico74:

    Visto che riporti quello che dicono i senatori PD perche’ non riporti anche quello che ha detto il senatore PD Della Seta?

    Guarda che la campagna elettorale è finita, hai vinto il tuo posticino in consiglio comunale dove potrai rubare i soldi pure tu, manipolatore fascistello.

    ”La proposta di trasformare l’area del previsto cantiere della Tav in Val di Susa in un sito militare e’ totalmente insensata: sarebbe il modo piu’ sicuro per cancellare in maniera irreversibile e definitiva ogni possibilita’ didialogo tra fautori e avversari dell’opera”. Lo sottolinea il senatore del Pd, Roberto Della Seta, che aggiunge: ”le lacrime versate oggi da chi si accorge della radicalizzazione dello scontro sulla Tav sono quantomeno tardive, perche’ questo e’ il risultato di anni nei quali la scena e’ stata monopolizzata da due opposte ideologie: da un lato chi considera la Tav in Val di Susa un totem, e dall’altro chi la vede invece un tabu”. ”Ammesso che non sia troppo tardi -prosegue – sarebbe bene che finalmente questi opposti estremismi venissero costretti ad un passo indietro dalla scelta di ritornare a discutere del merito.L’alternativa -conclude Della Seta- e’ consegnare un intero territorio a una guerra di posizione priva di senso e prospettiva”.

  11. .mau.:

    “per noi”? ma il M5S non era assolutamente indipendente nelle varie sue emanazioni?

  12. vb:

    Della Seta non è nemmeno torinese… Esposito è il capoccia di una delle principali correnti del PD nostrano. Spero ben che il PD altrove abbia posizioni meno destrorse, infatti basterebbe che Pisapia e il PD milanese dicessero che loro non concordano con le dichiarazioni di Esposito: è appunto la domanda che gli ho fatto…

    @.mau.: C’è un programma nazionale uguale per tutti, non è che qui diciamo No Tav e no nucleare e da un’altra parte siamo favorevoli… il Tav Torino-Lione e il ponte sullo Stretto sono due opere pubbliche a cui siamo esplicitamente contrari come posizione nazionale.

  13. .mau.:

    @vb: già avrei dei dubbi se Calise facesse questa domanda a Pisapia (o alla Moratti), che la faccia tu mi pare illogico… a meno che tu sia diventato un leader nazionale del M5S.

  14. Polemico74:

    Della Seta non è nemmeno torinese…

    Tu invece sei milanese…

    Ti rendi ridicolo ogni volta che pigi due tasti

  15. Sergio:

    Ciao VB… siamo in tempo di domande…
    Tu le fai a Pisapia, che chiede al movimento voti per il ballottaggio (ma tu cosa c’entri? i MeetUp non sono indipendenti l’uno dall’altro? Calise mi pare che abbia già detto che se fosse residente in Milano voterebbe Pisapia…). Ma tutto sommato siamo in una polemica sterile…

    Ora tu il voto lo hai chiesto a noi torinesi, e sta a me farti una domanda. Dando per scontato che esiste una linea generale che i vari MeetUp devono seguire (poi magari ci spiegherete anche da chi è dettata, per favore), o che per lo meno ogni “nodo” della vostra rete ha libertà di ingerenz… ops… interazione con gli altri, ti sarei grato se potessi dirmi come tu e gli altri aderenti al movimento considerate il comportamento dei vostri “compagni” bolzanini…
    (è successo questo: http://www.wakeupnews.eu/a-bolzano-il-movimento-di-beppe-grillo-a-sostegno-dei-neofascisti/ . Te lo dico perchè non vorrei che, vista l’indipendenza dei vari meetup non ne fossi a conoscenza)

    Per favore, non scivolare in scuse scontate sul “diritto di…” anteponendo forma a sostanza. Primo perchè non è nello stile del movimento (vedi VDay); secondo perchè nella Repubblica Italiana determinate forme associative per legge non devono trovare cittadinanza (vd. legge 20 giugno 1952, n. 645).

    Attendo risposte.

    Nel frattempo ti faccio un grosso in bocca al lupo per la tua nuova avventura in consiglio… Io non ti ho votato. Spero vivamente tu possa farmi ricredere.

    Sergio

  16. Claudio C.:

    Forse la domanda a Pisapia “cosa pensi del TAV?” e’ un po’ troppo da torinesi ma l’idea di mettere Pisapia di fronte a un caso in cui il PD agisce esplicitamente e spudoratamente da difensore delle lobbies del cemento e chiedergli la sua posizione non e’ per niente sbagliata. Pisapia, cosa pensi del…Expo 2015? grattacieli? non so quale sia la domanda giusta “da milanese” ma l’idea della domanda “dello cento pistole” e’ condivisibilissima.

  17. buzzer:

    Chi lo dice che la cittadinanza ‘non ‘ vuole la TAV? Diciamo invece che chi non la vuole interviene con violenza e prepotenza per imporre le proprie scelte. Vittorio, ti ho votato, ma perchè penso tu possa fare molto per Torino, da torinese. Il resto lascialo ai centri sociali.

  18. Massimo Manca:

    Secondo me è dirimente sapere come Pisapia si pone nei confronti della bagna cauda.

  19. Danilo:

    Cosa vuol dire TAV? Denaro pubblico a imprese private, che potrebbe esser utilizzato per molti altri più utili scopi. In particolare il tunnel per il quale si vogliono ora aprire i cantieri è l’unico pezzo per il quale c’è un finanziamento europeo, ma è un tunnel che servirebbe a qualcosa solo come galleria di sicurezza e di servizio tra decine di anni, quando venisse realizzato il mega tunnel cosiddetto di base. E’ lo stesso appalto che era già stato assegnato nel 2005 a Venaus al consorzio delle cooperative “rosse” Cmc. Mentre uscivano le notizie del nuovo tentativo di aprire i cantieri, usciva la nuova relazione della Corte dei Conti. Per rispettare i nuovi vincoli europei sul debito occorrerà un intervento “del 3% all’anno, pari, oggi, a circa 46 miliardi nel caso dell’Italia” dice la Corte dei Conti. Si tratta di “un aggiustamento di dimensioni paragonabili a quello realizzato nella prima parte degli anni Novanta per l’ingresso nella moneta unica”.

    Quante scuole e quanti ospedali dovremmo chiudere per rispettare i capricci della lobby piemontese della Tav Torino-Lione?

  20. maz:

    danilo, diciamo che uno è d’accordo al 100% con te. Ma questo cosa c’entra col sindaco di Milano? no perchè sennò parlerei anche della guerra in Libia, dell’Afghanistan, del Darfur e della fame nel mondo, non limiterei il discorso al nostro bel orticello piemontese che pensa solo alla propria TAV

  21. Sergio:

    VB… starei ancora attendendo una risposta da parte tua…

    Grazie

    Sergio

  22. vb:

    Io sto ancora cercando di capire cosa è successo esattamente a Bolzano, ho chiesto e mi hanno detto che stanno preparando un video di spiegazioni e dunque volevo aspettare quello. In generale, è ovvio che una solidarietà a Casa Pound è inaccettabile, pare però che i due consiglieri volessero soltanto contestare i metodi usati dalla giunta comunale per valutare le domande e in generale una attitudine della giunta alla discriminazione verso il dissenso politico (conta che Bolzano è un posto molto particolare, dove la politica ha un valore di contrapposizione etnica). Solo che hanno scelto il caso sbagliato e, molto ingenuamente, non hanno capito il valore simbolico della discussione.

  23. Sergio:

    … compagni che sbagliano… capisco…

    detto questo, sì, la situazione bolzanina è particolare (non scomoderei il termine “etnico”, ma capisco). Soprattutto perchè proprio lì fu sgominata un’organizzazione neo-nazista (caso più unico che raro in Italia).

    http://www.blitzquotidiano.it/cronaca-italia/bolzano-sgominata-banda-di-neonazisti-la-gioventu-hitleriana-di-naturno-146008/

    Speravo in una condanna senza se e senza ma di coloro che negli atti e in questa occasione (non mi sognerei mai di sostenere che sia così tout-court, non conoscendo di persona i consiglieri) sono stati dei fiancheggiatori dei nazifascisti di Casa Pound…
    Mi accontenterò del fatto che sono degli “ingenui”…

  24. vb:

    Ti ripeto, prima di esprimermi in termini più netti vorrei sentire anche la loro versione nel dettaglio… non pochi nel Movimento hanno detto “dovremmo buttarli fuori a calci”, ma farlo senza una discussione approfondita e oggettiva mi sembra sbagliato.

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2020 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike