Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Sab 22 - 14:27
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
giovedì 22 Marzo 2012, 16:09

Ascoltateli, una notte in piazza Castello

Il deterioramento della nostra societ√† si vede da tanti fattori; uno dei primi √® la crescente difficolt√† di ascoltare e comprendere gli altri. Qualsiasi discussione pubblica diventa immediatamente un confronto tra idee prefissate, in cui ognuno cerca di convincere gli spettatori prevalendo sull’altro, invece che ascoltarne le ragioni.

E’ per questo che un gruppo di persone provenienti da movimenti e partiti diversi, riunendosi attorno alla storica struttura nonviolenta del Centro Sereno Regis, hanno deciso di lanciare l’iniziativa Ascoltateli!, ovvero un digiuno a staffetta centrato attorno a un presidio permanente posto in piazza Castello. La richiesta dell’iniziativa √® semplice: riaprire il dialogo sul Tav Torino-Lione, chiedendo alle istituzioni di considerare veramente, per la prima volta, le ragioni di tutte le parti in causa, senza partire da preconcetti o da assunti non negoziabili.

Al presidio non troverete bandiere No Tav; questo ha un po’ sconcertato molti degli aderenti, dato che la maggior parte sono persone notoriamente contrarie all’opera, ma √® una scelta di coerenza con la richiesta di ascolto di tutte le posizioni, senza partiti presi. Troverete per√≤ la possibilit√† di sedervi e chiacchierare di ci√≤ che volete, con le persone che digiunano, con chi le accompagna e con ospiti prestigiosi.

Da molto tempo sentivo l’esigenza di una iniziativa nonviolenta su questo tema; non rinnego nulla delle manifestazioni No Tav, ma credo che sia importante ribadire, anche comunicativamente, che la violenza e gli scontri sono una conseguenza dell’atteggiamento di chiusura preconcetta dello Stato, e non una scelta o un’attitudine dei manifestanti. E cos√¨, mi sono subito offerto volontario per un turno di 24 ore di digiuno.

Il mio digiuno √® iniziato alle 20 di marted√¨ sera, in una situazione piuttosto particolare: con l’accordo degli organizzatori, sono andato al noto mobilificio svedese per acquistare di tasca mia una brandina da mettere a disposizione del presidio. Verso le 21 sono arrivato in piazza Castello, trovando l’altro digiunatore notturno e un paio di altre persone che ci hanno tenuto compagnia, oltre all’ormai famoso Turi – addirittura su Oggi in edicola c’√® un lungo servizio su di lui – che per√≤ era in una fase di silenzio (ci ha poi spiegato a gesti che sarebbe andato a dormire su un albero, e non l’abbiamo pi√Ļ visto fino al mattino). Cos√¨ appariva il presidio alle dieci di sera:

Avevo gi√† dormito in un presidio a Chiomonte (molti ricorderanno questa fantastica intervista alle sei di mattina), ma piazza Castello √® stata un’esperienza nuova. Gi√† a met√† serata la piazza √® deserta, con la sola eccezione del traffico che scorre sullo sfondo, di qualche frettoloso passante e di una mandria di cabinotti in libera uscita. Ben presto per√≤ si scopre la vera essenza della citt√† notturna: una litania continua di questuanti. Chi pazzo, chi furbo, chi venditore di rose, tutti passano dal gazebo e chiedono dei soldi: a Chiomonte questo non succedeva.

21032012131_544.jpg

Il massimo ci √® successo a notte fonda, verso le due: il centro era completamente deserto e stavamo per andare a dormire quando si presenta un ragazzo sui trent’anni, straniero, vestito piuttosto bene. Ci chiede qualche soldo, ci dice che √® albanese, poi subito chiede se pu√≤ fermarsi a dormire l√¨ – in cambio, offre alcuni cellulari “trovati” sul treno. Si siede, e nei primi dieci minuti ci racconta che il giorno prima √® andato a trovare sua figlia all’asilo, dopo tre anni che non la vedeva; e la maestra ha chiamato la mamma e i carabinieri, solo perch√© l’ultima volta, tre anni prima, suo fratello ha spaccato il naso con una testata al fratello della ex moglie. Al che lui ha spiegato all’ex moglie e ai carabinieri che non era l√¨ con cattive intenzioni, perch√© se avesse voluto portarsi via la bambina sarebbe venuto con cinque o sei amici tutti armati e due carabinieri non l’avrebbero certo fermato.

Noi eravamo rimasti in tre, due digiunanti e un vegliante, e non eravamo precisamente tranquilli, mentre il tizio proseguiva a raccontare della solidariet√† tra albanesi in galera (non come i romeni). Alla fine ha attaccato a raccontarci tutte le grandi imprese dell’Albania nella storia, di quando l’Albania ha conquistato l’Egitto, del fatto che Ataturk era albanese, di Madre Teresa. A un certo punto io sono entrato nella tenda e mi son messo a dormire sulla branda, nel sacco a pelo. L’albanese ha dormito fuori, steso su tre sedie, insieme al nostro vegliante: siamo stati molto contenti che fosse previsto qualcuno che rimanesse sveglio a controllare tutta la notte.

La notte è stata gelida e mi sono svegliato verso le sette, convinto che fuori avessero costruito nella notte un aeroporto Рma erano soltanto i tram. Anche al mattino la piazza è deserta, almeno fino alle sette e mezza, e lo spettacolo del sole che sorge sulle pietre è assolutamente insolito, e porta un tepore piacevole.

21032012132_544.jpg

Alle nove sono andato in Comune, dove come sapete √® stata una giornata travagliata e tutte le sedute sono state cancellate, il che mi ha permesso di non far troppo notare la mia stanchezza. In tutto il giorno ho assunto un caff√© non zuccherato (anche cos√¨, i pacifisti di stretta osservanza mi hanno guardato male) e un paio di bicchieri d’acqua.

Sono tornato al presidio a pranzo, con gli attrezzi per montare la nuova brandina che avevo comprato, e poi dopo le 18, per un altro paio d’ore di chiacchierata con il professor Zucchetti e con le altre persone che stavano l√¨, mentre sullo sfondo il jet set dell’antimafia cittadina celebrava le vittime di mafia, dopo aver chiesto rassicurazioni sul fatto che nessuno li avrebbe disturbati.

Verso le 20 sono arrivati i nuovi digiunanti, e ho fatto in tempo a salutare festeggiando la fine del digiuno. Tornato a casa, effettivamente avevo fame ed ero piuttosto stanco; durante la giornata, però, non ho sofferto particolarmente.

Ci avevano spiegato che il digiuno si fa innanzi tutto per se stessi, per purificare il corpo, per indebolirsi e dunque perdere l’aggressivit√†, e cos√¨ facendo scardinare l’aggressivit√† altrui. Effettivamente √® stata una esperienza interessante, e se potr√≤, finito il primo giro di digiunanti, lo far√≤ un’altra volta. Ho solo un augurio da farmi: dato che l’obiettivo √® creare il dialogo rompendo gli schemi, spero che la prossima volta non mi trover√≤ accanto altre persone contrarie al Tav, ma un vero S√¨ Tav pronto a costruire la pace e a raccontare pacatamente le sue motivazioni. Un bel digiuno con Stefano Esposito: perch√© no?

divider

Un commento a “Ascoltateli, una notte in piazza Castello”

  1. Cloud:

    Ciao Vittorio volevo sapere quanto prendono di stipendio gli assesori nel comune di Torino fammi sapere.

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2020 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike