Sky
Vittorio vb Bertola
Wandering on the Web since 1995

Sun 29 - 21:07
Hello, unidentified human being!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
about me
about me
site help
site help
site news
site news
license
license
contact me
contact me
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
old blogs
old blogs
personal
documents
documents
photos
photos
videos
videos
music
music
activities
net governance
net governance
town council
town council
software
software
help
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet & faqs
usenet & faqs
stuff
piemonteis
piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
ancient software
ancient software
biz
consultancy
consultancy
talks
talks
job placement
job placement
business angel
business angel
sites & software
sites & software
admin
login
login
your vb
your vb
register
register
sabato 1 Dicembre 2012, 11:06

Un impegno etico per i candidati a 5 stelle

Come avrete letto, è giunto il momento delle primarie del Movimento 5 Stelle: appena possibile saranno pubblicati gli elenchi dei candidati, e da lunedì a giovedì sceglieremo insieme in rete non la faccia del candidato premier, ma ogni singolo componente di ogni lista a cinque stelle per il Parlamento. E’ un grande esperimento, sia politicamente che tecnicamente, e per questo sono state scelte modalità restrittive: abbiate pazienza (faremo il possibile per migliorarle ancora) e sappiate che la cosa importante non è la candidatura o il voto del singolo, ma il risultato collettivo.

Abbiamo anche preparato una pagina di riferimento per le primarie, sia per i votanti che per i candidati di Torino e provincia, che verrà costantemente aggiornata e che vi invitiamo a far circolare.

Nel frattempo, ieri sera abbiamo fatto un primo incontro tra i candidati. Tra gli argomenti della serata, abbiamo proposto ai candidati un impegno etico simile a quello già firmato dai candidati per le elezioni comunali del 2011.

Difatti, un gruppo di attivisti che si è riunito dal basso nelle scorse settimane aveva segnalato alcuni punti su cui si sarebbe gradito un impegno più preciso da parte dei candidati rispetto a quanto già scritto a livello nazionale: la retribuzione economica, le modalità di selezione dello staff, il rimanere nel Movimento una volta eletti, e – aggiungo io – il contatto col territorio, l’assiduità nelle presenze, la fedeltà al programma…

Così abbiamo avuto l’idea di stendere un impegno etico aggiuntivo che ogni candidato potesse firmare, opzionalmente e su base volontaria, fissando da solo anche la penale a cui si impegna in caso di violazione; si tratta di un impegno morale, difficile da far valere in sede legale, ma comunque che resta scritto a futura memoria. L’abbiamo proposto in sala ed è stato un successo: praticamente tutti i candidati presenti l’hanno firmato.

Pubblichiamo l’impegno invitando tutti i candidati a firmarlo e farcelo avere entro domenica sera (i dettagli sono nella pagina di riferimento); lunedì pubblicheremo l’elenco di chi l’ha firmato e chi no. Starà poi ai votanti decidere se privilegiare chi ha assunto l’impegno oppure no: io, di mio, lo farò senz’altro.

divider

4 commenti a “Un impegno etico per i candidati a 5 stelle”

  1. rccs:

    Ma è vero che i votanti scopriranno il nome dei candidati direttamente “dentro le urne”? Certo, il modo migliore per scegliere il più adatto.

  2. Antonio Fucile:

    @rccs
    No, non ̬ vero. Le varie liste locali stanno ospitando da parecchi giorni Рsui propri siti, su Fb, nei canali YouTube, eccetera Рle rispettive candidature.

  3. Lollo:

    @rccs
    No, non è vero. Li scopriranno solo dopo avere votato, sulla fiducia. Come nei listini bloccati, ma la lista te la dicono dopo.

  4. Piero:

    E’ già un passo avanti, ma secondo me non basta. Sarebbe ora d finirla con queste “pagliacciate” delle primarie e delle elezioni. Non vedo perché non possa essere il cittadino stesso su base volontaria o obbligatoria a svolgere i servizi pubblici che lo riguardano e che pretende, dedicando loro parte del suo tempo in forma totalmente gratuita, in cambio dell’esonero dalle tasse.

    Personalmente non accetto più che sia una élite eletta dai cittadini, assunta e stipendiata ad amministrare il potere e la cosa pubblica. Non la ritengo una scelta equa, ma la ritengo una forma di discriminazione sociale, sebbene democratica, pur sempre discriminatoria e iniqua, soprattutto quando ci sono tanti cittadini che si ritrovano disoccupati o precari, abbandonati a se stessi. Tutte persone che potrebbero essere valorizzate dando loro la possibilità di impegnarsi gratuitamente in attività e servizi utili a tutta la collettività, responsabilizzandole e formandole, facendole sentire parte integrante della società.

 
Creative Commons License
This site (C) 1995-2023 by Vittorio Bertola - Privacy and cookies information
Some rights reserved according to the Creative Commons Attribution - Non Commercial - Sharealike license
Attribution Noncommercial Sharealike