Sky
Vittorio vb Bertola
Fasendse vëdde an sla Ragnà dal 1995

Giò 29 - 3:37
Cerea, përson-a sconòssua!
Italiano English Piemonteis
chi i son
chi i son
guida al sit
guida al sit
neuve ant ël sit
neuve ant ël sit
licensa
licensa
contatame
contatame
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vej blog
vej blog
përsonal
papé
papé
fotografie
fotografie
video
video
musica
musica
atività
net governance
net governance
consej comunal
consej comunal
software
software
agiut
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet e faq
usenet e faq
autre ròbe
ël piemonteis
ël piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
vej programa
vej programa
travaj
consulense
consulense
conferense
conferense
treuvo travaj
treuvo travaj
angel dj'afé
angel dj'afé
sit e software
sit e software
menagé
login
login
tò vb
tò vb
registrassion
registrassion

Archivio per il giorno 1 Ottobre 2016


sabato 1 Ottobre 2016, 09:58

Sui nuovi assessori di Virginia Raggi

Va detto subito: chiunque la Raggi avesse scelto come proprio assessore, i giornali avrebbero trovato subito qualcosa da ridire. Eppure, una riflessione va comunque fatta.

20130415-gam-confapri-2

Ho conosciuto Massimo Colomban nel 2013, alla GAM; me lo presentò Casaleggio quando mi chiamò a partecipare al lancio del progetto che avevano costruito insieme, quello di una “Confindustria a cinque stelle” dedicata alle PMI. Il progetto non mi pare andato molto lontano, ma Colomban mi sembrò comunque una persona molto valida, però di un tipo particolare: il classico self-made-man del Nordest abituato a decidere tutto in prima persona, maneggiare soldi e affari e lamentarsi delle tasse e degli statali fancazzisti. Mettere una persona così nell’ambiente della politica romana è come versare l’acqua nell’olio bollente: vedremo sicuramente molti scoppiettii, ma l’esito è tutto da capire e il rischio è o di far evaporare lui in un attimo, o di bruciare la cucina.

Quanto a Mazzillo, il fidato collaboratore dietro le quinte ora messo sotto i riflettori come assessore al bilancio, il profilo mi ricorda molto quello di Paolo Giordana, il braccio destro di Chiara Appendino: una persona che è stata a lungo all’interno delle amministrazioni PD, non ha più trovato lì il suo spazio e lo ha poi trovato nel M5S. Questo non vuole dire che siano persone stupide (anzi, tutt’altro) e nemmeno che siano in cattiva fede, ma è preoccupante il messaggio che si manda: quello che il M5S non sia in grado di reperire al proprio interno o tra i propri simpatizzanti le professionalità necessarie, e che quindi, dopo tante promesse di “spazzare via” il vecchio sistema, per combinare qualcosa quando è al governo debba arruolare gente che viene dal PD, con tutta la rete di conoscenze e amicizie pregresse. A questo punto, il rischio è che la gente si chieda se non si faccia prima a rivotare direttamente il PD.

Per questo, al di là di augurarmi che la Raggi ora riesca a lavorare e a cambiare la sua città nei fatti, credo che sia urgente che il Movimento affronti la questione di come selezionare una nuova classe dirigente: perché presto governerà un po’ dappertutto, e le prossime volte sarà necessario essere più pronti.

divider
 
Creative Commons License
Cost sit a l'è (C) 1995-2020 ëd Vittorio Bertola - Informassion sla privacy e sij cookies
Certidun drit riservà për la licensa Creative Commons Atribussion - Nen comersial - Condivide parej
Attribution Noncommercial Sharealike