Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Lun 20 - 4:58
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
sabato 30 Dicembre 2006, 17:49

23C3 V

Ieri sera ho assistito a un grandissimo discorso di Larry Lessig, il fondatore dei Creative Commons. Più che un professore, sembra un attore o anzi un politico; il suo discorso è perfetto, studiato, sincronizzato con le slide, divertente, interessante, pieno di battute e di metafore da ricordare.

Qui, sembrava più che altro interessato a ricucire le differenze con i duri e puri del free software, che accusano Creative Commons di fare compromessi introducendo la clausola “non commerciale” tra le sue possibili licenze, il che è una contraddizione rispetto alla libertà totale offerta dalla licenza GPL della Free Software Foundation; Lessig ha giustamente spiegato che il principio del copyleft serve ad evitare il “free riding” – le persone che usano il lavoro altrui senza contribuire nulla – e che per musica e testo, a differenza che per il software, il free riding sarebbe possibile se non ci fosse una clausola contro l’uso commerciale non autorizzato del materiale.

La strategia che Lessig suggerisce per la vittoria del principio della condivisione libera del contenuto è quella di costruire una base di contenuto alternativo a quello delle major discografiche, magari non altrettanto buona, ma accessibile a condizioni molto migliori e quindi più facilmente utilizzata; il principio di Vitaminic insomma. Lessig ritiene che la battaglia non possa essere vinta nè craccando le tecnologie come si è fatto in questi anni, nè politicamente vista la forza delle lobby, nè tramite battaglie legali, visto che tutte le battaglie politiche e legali saranno perdute finchè il grande pubblico resterà convinto che l’obiettivo di tutti i fricchettoni dello sharing è soltanto quello di rubare gratis la musica altrui.

Avevo già ascoltato Lessig a Milano, due anni fa, nella conferenza organizzata da Fiorello Cortiana; ma lo spettacolo che lui ha messo in piedi qui è così avvincente che bisognerebbe mandarlo in TV, o farne uno spettacolo teatrale. In generale, avremmo bisogno di più discussione di massa su questi temi, anche in Italia.

divider

Un commento a “23C3 V”

  1. Danilo Paissan:

    E` forse simile a questo intervento qui?

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2020 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike