Sky
Vittorio vb Bertola
Fasendse vëdde an sla Ragnà dal 1995

Sab 24 - 19:58
Cerea, përson-a sconòssua!
Italiano English Piemonteis
chi i son
chi i son
guida al sit
guida al sit
neuve ant ël sit
neuve ant ël sit
licensa
licensa
contatame
contatame
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vej blog
vej blog
përsonal
papé
papé
fotografie
fotografie
video
video
musica
musica
atività
net governance
net governance
consej comunal
consej comunal
software
software
agiut
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet e faq
usenet e faq
autre ròbe
ël piemonteis
ël piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
vej programa
vej programa
travaj
consulense
consulense
conferense
conferense
treuvo travaj
treuvo travaj
angel dj'afé
angel dj'afé
sit e software
sit e software
menagé
login
login
tò vb
tò vb
registrassion
registrassion

Archivio per il giorno 11 Febbraio 2007


domenica 11 Febbraio 2007, 12:53

Mistero

Mistero è quello che succederà tra un paio d’ore allo stadio, dove ci recheremo senza sapere bene quel che sta per accadere.

Ieri la giornata di serie B si è svolta, tifosisticamente parlando, nel caos: in alcuni stadi era tutto come prima, con i tifosi in piedi, le bandiere, gli striscioni degli ultras. In altri c’è stato l’azzeramento, vietati gli striscioni con i nomi dei gruppi, vietate le bandiere e le aste, vietati persino i megafoni e le sciarpe (note armi improprie). In alcuni casi i gruppi in trasferta sono partiti e sono rimasti fuori dello stadio ospite, in altri sono stati bloccati, più spesso hanno dichiarato la sospensione delle proprie attività.

Oggi c’è la serie A, e a Torino si preannuncia il pugno duro: la Digos, si dice, si è fatta sentire per tutta la settimana a casa dei capi ultrà, preannunciando i famosi sette anni di guai. Il risultato prevedibile è stato che i gruppi organizzati hanno comunicato il passaggio in borghese, o se preferite in clandestinità: ogni ultras, se vuole, sarà allo stadio per conto proprio. Inoltre, i “vecchi” hanno girato al forum le minacce della Digos: visto che basta che un poliziotto abbia il sospetto, a proprio insindacabile giudizio, che tu possa voler compiere un atto violento, sarà sufficiente passare davanti allo stadio con una sciarpa sulla faccia per rischiare i suddetti sette anni di guai.

Certamente sarà una partita surreale; se davvero non potranno entrare nemmeno i megafoni, i tamburi e le aste di plastica (che, ricordo, come oggetto contundente sono inutili, perchè si flettono completamente), è probabile che ci sia il silenzio. Non è chiaro se si dovrà anche stare seduti, tantomeno se si dovrà andare al proprio posto – il che, ricordando che il Toro ha assegnato i posti a caso per cui ci sono famiglie con un posto qui e l’altro dall’altra parte della curva, e che da un buon terzo dei posti dell’Olimpico non si vede nulla, si preannuncia fonte di interessanti discussioni. E’ invece certo che il settore ospiti sarà chiuso e vuoto.

Nel frattempo, c’è anche chi ne dà una lettura politica. Certo è che, non importa quanto grave sia la situazione e quanto beceri siano i violenti da stadio, con i loro diritti civili, in mezzo agli applausi del popolino, Romano Prodi ci si è pulito il posteriore.

Tag Technorati: , , ,
divider
 
Creative Commons License
Cost sit a l'è (C) 1995-2020 ëd Vittorio Bertola - Informassion sla privacy e sij cookies
Certidun drit riservà për la licensa Creative Commons Atribussion - Nen comersial - Condivide parej
Attribution Noncommercial Sharealike