Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Ven 22 - 18:40
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
venerdì 9 Febbraio 2007, 23:28

Tafaxxx

Pensavamo di essercene liberati, e invece è tornata sul tavolo da almeno un mesetto: è la proposta di creare un nuovo dominio di primo livello per i siti porno, il famoso .xxx.

Era già venuta fuori negli anni scorsi, prima nel giro di proposte del 2000 (quello che portò alla creazione di domini come .biz e .info), e poi in quello del 2004 (quello di .mobi). La prima volta, la proposta era stata accantonata come non immediatamente fattibile; la seconda volta, però, era stata accolta, quando il Board di ICANN nel giugno 2005 aveva dato un via libera di massima.

Subito dopo, però, si erano aperte le cateratte: in particolare, il governo americano era stato riempito di letteracce scandalizzate dai gruppi ultracristiani e conservatori, che hanno molti amici nel giro di Bush, e aveva provveduto per la prima volta nella storia a vetare – non formalmente, ma di fatto – la creazione del nuovo dominio.

Del resto, molti governi del terzo mondo, inclusi i paesi in cui la pornografia è illegale, si erano associati alle proteste; per loro, sarebbe come riconoscere che la pornografia in rete esiste ed è ufficialmente accettata. Al contrario, altri paesi, come la Svezia, si erano opposti sulla base del fatto che il mercato della pornografia è un insulto alla dignità delle donne; e vari gruppi per i diritti civili si erano opposti pensando che la creazione di un dominio specializzato avrebbe poi provocato un’ondata di leggi per costringervi dentro i vari siti e poi censurarli.

Dopo che, con gran soddisfazione dei vari governi, la domanda era stata cassata, si pensava che la questione fosse chiusa; e invece, con gran sorpresa di tutti, il proponente – la società americana ICM Registry – ha presentato una nuova bozza di contratto, che, a suo dire, risolve le obiezioni dei governi, affidando però a ICANN un ruolo censorio in materia.

Il Board di ICANN si trova però ora in difficoltà; da una parte, buona parte del mondo, tra cui il governo che tuttora ha potere di veto sui cambiamenti nel primo livello del DNS, non gradisce affatto la proposta; dall’altra, l’azienda suddetta ritiene di aver diritto al dominio, avendo rispettato tutte le clausole per la domanda, ed è pronta a cause miliardarie se non l’avrà.

Non è una situazione invidiabile, non solo in sè, ma perchè evidenzia come il mitizzato modello di “governance privata” tipico di ICANN faccia acqua da molte parti; per un verso, ICANN è pur sempre una entità di diritto americano, ed è quindi soggetta in modo vincolante alla legislazione di un singolo governo, quello americano, invece di essere indipendente da interessi e voleri delle varie nazioni; per l’altro, essendo una entità privata, chiunque può ritenersi danneggiato dalle sue decisioni e farle causa, persino accusandola di essere un cartello di malintenzionati che cercano di imporre il proprio controllo sul mercato dei domini.

Il vero problema, tuttavia, è capire a chi serva davvero questo nuovo dominio, visto che la maggior parte dei webmaster di siti per adulti hanno fatto sapere chiaramente che non ci pensano nemmeno, a spostarsi dentro una estensione che renderebbe più facile tagliar fuori dalla rete i loro siti; nè vi è segno di una qualsiasi possibilità concreta di costringerli a farlo per legge, in modo uniforme su di una rete globale.

Se non lo usano i siti porno, il vero business di questo nuovo dominio sarà la registrazione preventiva del proprio nome da parte di chiunque voglia evitare il rischio che esso venga associato a un servizio pornografico; le cosiddette “registrazioni difensive”, insomma.

A questo punto, le posizioni sono spaccate; c’è chi sostiene che ICANN non deve immischiarsi dell’uso che verrà fatto del dominio, e limitarsi a crearlo, purchè vengano soddisfatti i requisiti di affidabilità tecnica e finanziaria del gestore. Eppure, al di là di qualsiasi questione di principio, anche in una logica che (come quella che sostengo da anni) vorrebbe liberalizzare di molto la possibilità di creare nuovi domini di primo livello, pare poco sensato sostenere la creazione di un dominio il cui unico scopo apparente è quello di far spendere soldi al mondo per ingrassare ICM Registry. Creare un nuovo dominio solo per provare che lo si può fare anche quando non serve, magari dando fiato tra uno o due anni a tutti quelli che diranno “ecco, ve l’avevamo detto che creare nuovi domini porta solo guai”, mi pare un’idea un po’ tafazziana.

divider

2 commenti a “Tafaxxx”

  1. BlindWolf:

    Nella mia ignoranza: ma i domini di primo livello non dovrebbero essere creati per fare un piacere a chi fornisce un genere di servizio (es: .tv .info .bank .news) in modo tale da essere più facilmente identificabile e/o rimediare se qualche str…o ha già registrato il .com corrispondente?

    In tal caso il dominio .xxx nasce male dato che l’industria interessata non lo gradisce.

    P.S.: ma una volta (30 anni fa…) i film zozzi non erano prodotti generalmente in Svezia? E gli svedesi come si pongono nei confronti della pornografia gay?

  2. vb:

    Sui domini ci sono due scuole di pensiero: quelli dirigisti, per cui bisogna creare pochi domini e solo se “servono davvero molto”, e quelli liberisti, per cui bisogna creare tutti i domini che qualcuno vuol provare a fare e poi il mercato deciderà. Ovviamente, tra i dirigisti ci sono Verisign (che ha un quasi-monopolio da difendere), quelli della proprietà intellettuale (che non vogliono dover controllare i marchi in troppi posti) e il governo americano (per effetto del lobbying dei primi due); ma ci sono anche quei paesi dirigisti per natura, come molti del secondo e terzo mondo.

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2019 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike