Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Gio 4 - 23:15
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
domenica 24 Giugno 2007, 13:01

Incendi

Negli aeroporti inglesi e americani, sul vetro che protegge l’estintore di emergenza appeso alla parete c’√® scritto “BREAK IN THE EVENT OF FIRE”, ossia “Rompi in caso di incendio”. Si tratta, insomma, di un imperativo categorico: se tu ti trovi l√¨, e si verifica un incendio, √® tuo dovere rompere il vetro ed intervenire.

Negli aeroporti italiani, sul vetro c’√® scritto “ROMPERE IN CASO DI INCENDIO”. Ossia, non c’√® pi√Ļ un imperativo, ma una indicazione d’uso: se tu ti trovi l√¨, e vuoi intervenire, puoi rompere il vetro. Il soggetto dell’azione, comunque, non √® specificato: pertanto, tu puoi decidere autonomamente se ti ritieni coinvolto o se preferisci far finta di niente.

Negli aeroporti spagnoli e sudamericani, infine, sul vetro c’√® scritto “ROMPASE EN CASO DE INCENDIO”, ossia “Si rompa in caso di incendio”. Il verbo, quindi, √® al passivo, e non pu√≤ esserci un soggetto; √® esclusa qualsiasi implicazione di responsabilit√† o suggerimento di possibile azione per chiunque passi di l√†. In caso di incendio, il vetro si dovr√† rompere da solo, presumibilmente per intervento di Dio, della Madonna, di Maradona o di qualsiasi altra autorit√† superiore; e se non si rompe, non sar√† colpa di nessuno.

divider

4 commenti a “Incendi”

  1. .mau.:

    beh, no: il si passivante equivale a un “noi”, e quindi questo significa che l’operazione di rottura in caso di incendio non deve essere legata a una singola persona, ma bens√¨ concertata.
    (e poi diciamola tutta: in ufficio da me la scritta Рin Engrish Рè TO BREAK IN CASE OF FIRE)

  2. BlindWolf:

    No, in Engrish sarebbe: “To bleach in case of fire” :-D

  3. simonecaldana:

    tutto cio’ mi ricorda il mitico pezzo di Gioele Dix sulla targhetta “E’ pericoloso sporgersi” dei treni.

  4. Nick:

    In Cina, in vista delle Olimpiadi, stanno facendo grandi sforzi per migliorare l’inglese di cartelli e indicazioni.
    Sulla porta della mia stanza d’albergo a Pechino c’era scritto: “In case of fire, reach the nearest fire”.
    Il dubbio √® se si tratti di un refuso (si sono dimenticati un “exit” alla fine della frase) oppure se sia anche questa una forma di population control, per evitare la proliferazione.
    ;-)

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2020 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike