Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Mer 8 - 12:34
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
martedì 3 Luglio 2007, 16:48

Il fu servizio civile

Sono tornato da un paio di giorni, e ho scoperto che non si può accendere Radio Flash senza venire bombardati da una serie di pubblicità che hanno tutte lo stesso oggetto. No, non si tratta del TFR, che ormai è scaduto: si tratta invece del servizio civile volontario, per cui bisogna presentare domanda entro il 12 luglio.

Questi spot sono curatissimi e ben fatti; alcuni esibiscono tanto di attori professionisti che recitano le parti della vecchietta in lacrime e del giovane virgulto che le corre in soccorso. Essi magnificano le grandi opportunit√† di crescita offerte ai giovani dai 18 ai 27 anni, che possono lavorare non soltanto pi√Ļ nell’assistenza sanitaria o nel volontariato di base, ma addirittura in centri culturali, associazioni di ogni genere, burocrazie e amministrazioni pubbliche, cooperative rosse e bianche, persino circoli e locali. Il tutto per 433 euro al mese pagati dallo Stato (cio√® da me).

Eppure, io avrei sperato che almeno una radio giovanile e progressista mandasse in onda la verit√†. Uno spot onesto dovrebbe dire qualcosa come: “Sei un giovane tra i 18 e i 27 anni, parcheggiato all’universit√† o disoccupato senza speranza? Vieni da noi! Potrai finalmente ottenere un contratto di un anno come sguattero precario, sottoinquadrato e sottopagato, e noi non tireremo fuori nemmeno quelle due noccioline che ti arriveranno come stipendio! E poi, tra un anno, ti daremo un calcio nel sedere e troveremo nuovi sguatteri precari a spese dello Stato!”

Forse sarebbe un po’ troppo onesto? Eppure, una volta il servizio militare, e di riflesso il servizio civile, avevano una loro dignit√†. Avevano delle regole chiare e una motivazione morale, a vantaggio della collettivit√†. Poi, col tempo, tutto divent√≤ una farsa, fino all’abolizione dell’obbligo per sopraggiunta e contemporanea cessazione delle idee che la societ√† avesse il diritto di richiedere un anno della vita dei propri cittadini, e che essa potesse sapere come farne buon uso. Adesso, il servizio civile √® solo un parcheggio per sovvenzionare attivit√† no profit (buona parte delle quali sono attivit√† commerciali travestite da no profit solo per eludere le tasse) a spese di tutti. Che tristezza.

divider

7 commenti a “Il fu servizio civile”

  1. BlindWolf:

    Vedi il lato positivo: prima era obbligatorio, se non ti andava di fare il militare… (ovvero 10/12 mesi a spese dello Stato a fare qualcosa che non √® neppure socialmente utile)

  2. Attila:

    Prima anche se avevi da fare qualcosa di + importante (anche x il Paese) dovevi lo stesso andare a fare questa baggianata o quell’altra vestito di verde con le macchie!

  3. Mir:

    Certamente, tutto vero e sono daccordo. Poi ai vecchi tempi se ne vedeva di gente che arrivava a naja senza nemmeno esser capace di provvedere come si deve alla propria igiene personale.
    E magari li’ imparavano a lavarsi. Qui in Italia ci vorrebbe (la vecchia naja) anche per le donne come in Israele, altroche’ gonfiarsi le labbra..

  4. Bruno:

    Prima ti pagavano 120.000 lire (se non sbaglio) al mese e facevi comunque lo sguattero non pagato per qualche associazione, spesso Caritas o altro pretume. Per cui, meglio com’√® adesso.

  5. Alberto:

    Il servizio civile √® uno dei diversi modi che utilizza lo stato per aiutare le attivit√† private, ma “socialmente utili”, senza assumersi direttamente la responsabilit√† di tali attivit√† (altri esempi sono il 5 per mille o le detrazioni per i finanziamenti alle ONLUS). Il costo sociale che per lo Stato ha l’emarginazione, l’inquinamento, il degrado del patrimonio culturale √® tale da indurre chi ci governa a trovare sistemi per investire in questi campi ma visto che creare strutture pubbliche che se ne occupino √® considerato dai pi√Ļ costoso e forse inefficiente √® meglio aiutare e finanziare strutture private.
    Che poi alcune di queste strutture approfittino della cosa per avere mano d’opera gratis per attivit√† che non hanno nulla di sociale, ci√≤ rientra nella propensione italica alla truffa ed al raggiro, ma quello √® un altro discorso…
    Ciao

  6. vb:

    L’investimento va benissimo. Il punto √® perch√© lo Stato debba investire creando posti di lavoro sottopagati per i giovani a vantaggio di privati che in moltissimi casi svolgono normali attivit√† commerciali, invece di creare posti di lavoro normali in attivit√† private ma strettamente legate al bene pubblico.

  7. Alberto:

    Sei sicuro che ci siano cos√¨ tanti casi di normali attivit√† commerciali? Di seguito un link all’elenco dei progetti per il servizio civile nella provincia di Torino.

    http://www.comune.torino.it/infogio/sercivol/bando.htm
    Non mi sembra che siano tante attivit√† commerciali…

    Per quanto riguarda la tua proposta in realt√† le associazioni di volontariato hanno gi√† moltissime agevolazioni che permettono di assumere personale a condizioni fiscali decisamente favorevoli. Ci√≤ non toglie che fintanto che l’associazione deve spendere anche solo un Euro per assumere qualcuno tende a non farlo. A meno che, come nel caso del Servizio Civile, lo Stato non si sobbarchi per intero il costo del personale.
    Ciao

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2020 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike