Sky
Vittorio vb Bertola
Fasendse vëdde an sla Ragnà dal 1995

Dum 5 - 21:17
Cerea, përson-a sconòssua!
Italiano English Piemonteis
chi i son
chi i son
guida al sit
guida al sit
neuve ant ël sit
neuve ant ël sit
licensa
licensa
contatame
contatame
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vej blog
vej blog
përsonal
papé
papé
fotografie
fotografie
video
video
musica
musica
atività
net governance
net governance
consej comunal
consej comunal
software
software
agiut
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet e faq
usenet e faq
autre ròbe
ël piemonteis
ël piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
vej programa
vej programa
travaj
consulense
consulense
conferense
conferense
treuvo travaj
treuvo travaj
angel dj'afé
angel dj'afé
sit e software
sit e software
menagé
login
login
tò vb
tò vb
registrassion
registrassion
mercoledì 28 Novembre 2007, 17:46

Diritti e solidarietà

Oggi, mentre giravo in macchina, ho sentito per ben due volte su Radio Flash un servizio da una sala torinese, in cui si teneva la presentazione di un rapporto sull’immigrazione in Piemonte. Il corrispondente raccontava di come una cinquantina di immigrati-rifugiati (cio√® provenienti da paesi in guerra) avessero occupato la sala e interrotto i lavori per ottenere che il Comune provvedesse a dare loro una casa.

Con un tono fortemente indignato, il giornalista della radio e un suo intervistato si lamentavano di come il diritto all’assistenza di questi immigrati fosse violato; e di come il Comune non volesse nemmeno discutere la questione, e di come lo stanziamento comunale per questa categoria di persone fosse stato solo di un milione e mezzo di euro, sufficiente appena per una soluzione temporanea, mentre queste persone, pur avendo avuto il permesso di soggiorno, non riescono a pagarsi una abitazione decente – tanto da occupare abusivamente una palazzina – perch√© trovano soltanto lavori interinali.

La questione √® interessante per vari aspetti: stiamo parlando del diritto d’asilo, cio√® di una prescrizione riconosciuta da decenni da varie convenzioni internazionali, secondo le quali chi proviene da una zona di guerra ha diritto a venire accolto (non pu√≤ essere respinto alla frontiera) e assistito. Il problema √® che negli ultimi anni il numero dei rifugiati √® in forte crescita, non tanto perch√© siano in aumento le guerre, ma perch√© l’industrializzazione dell’emigrazione permette a molte pi√Ļ persone di arrivare fino in Italia a costi accettabili; e anche perch√© la stessa industria suggerisce ai suoi poveri clienti di dichiararsi alla frontiera come proveniente dal Darfur o dalla Somalia, e prova tu, davanti a un immigrato senza documenti, a capire se √® vero. Peggio ancora se l’immigrato si dichiara perseguitato politico.

Per l’Italia poi, la situazione √® ulteriormente complicata dal fatto che, da accordi europei, l’assistenza √® di competenza del primo paese UE in cui il rifugiato sbarca, anche nel caso in cui poi si sia spostato clandestinamente altrove. Ovviamente le nostre frontiere di burro e brava gente sono l’approdo pi√Ļ battuto.

Si potrebbe discutere su dove possa arrivare questo diritto; comprende solo il permesso di soggiorno, o dovrebbe, come sosteneva l’intervistato, comprendere anche una casa e magari un lavoro stabile? Perch√©, in questo caso, la domanda seguente √® ovvia: in una situazione in cui una percentuale consistente degli italiani sotto i quarant’anni non ha n√® l’una n√® l’altro, come si pu√≤ pensare che l’Italia possa assistere a quei livelli tutta la popolazione in fuga dalle guerre di mezzo mondo?

Quello che colpiva nell’intervista era proprio questo: il parlare di diritti in modo totalmente avulso dalla realt√†, come se il livello di realizzazione dei diritti (che √® cosa diversa dal diritto in s√®) non dovesse necessariamente scendere a patti con la societ√† circostante e con la quantit√† di ricchezza disponibile nel sistema; al punto da giustificare persino il tentativo di imporne il soddisfacimento con la forza, occupando sale e palazzine.

La situazione economica generale √® evidente a tutti; vero, ci saranno abusi e sprechi, ma non c’√® dubbio che le risorse collettive per l’assistenza siano scarse e che, visto il gi√† alto livello di tassazione, non potranno certo aumentare; si tratta di decidere come dividerle equamente tra tutti i diritti esistenti, sapendo che non sar√† possibile soddisfarli tutti completamente per tutti.

Se è vero che un diritto è un diritto, è anche vero che in un momento del genere tutti Рa maggior ragione chi ne parla sui media Рdovrebbero avere senso della misura; e magari ricordarsi che anche per esercitare un proprio diritto Рche però si basa sulla solidarietà altrui, in un luogo dove si è ospiti Рinvece di sbraitare e aggredire gli altri sarebbe gentile chiedere per favore, e ringraziare.

divider

2 commenti a “Diritti e solidariet√†”

  1. simonecaldana:

    mettiamo su una bella guerra civile, cosi’ siamo in guerra anche noi.

  2. BlindWolf:

    A sentire i politici di tutti colori siamo già in uno stato di guerra civile, in una dittatura e con persecuzioni politiche. E questo senza neppure guardare dentro gli stadi di calcio!

 
Creative Commons License
Cost sit a l'è (C) 1995-2023 ëd Vittorio Bertola - Informassion sla privacy e sij cookies
Certidun drit riservà për la licensa Creative Commons Atribussion - Nen comersial - Condivide parej
Attribution Noncommercial Sharealike