Sky
Vittorio vb Bertola
Wandering on the Web since 1995

Mon 16 - 10:25
Hello, unidentified human being!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
about me
about me
site help
site help
site news
site news
license
license
contact me
contact me
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
old blogs
old blogs
personal
documents
documents
photos
photos
videos
videos
music
music
activities
net governance
net governance
town council
town council
software
software
help
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet & faqs
usenet & faqs
stuff
piemonteis
piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
ancient software
ancient software
biz
consultancy
consultancy
talks
talks
job placement
job placement
business angel
business angel
sites & software
sites & software
admin
login
login
your vb
your vb
register
register

Archivio per il giorno 18 Maggio 2009


lunedì 18 Maggio 2009, 15:03

Rifiuti e scontri

Il weekend √® stato molto interessante: sabato pomeriggio ho assistito a un convegno sulla decrescita in cui ci hanno fatto vedere come dovrebbe essere fatta la casa del futuro. Per esempio, sotto le finestre dovrebbe essere inserita una scatola scambiatrice di calore che faccia continuamente ricambiare l’aria evitando per√≤ di far uscire il calore, cio√© trasmettendo prima il calore dall’aria che esce a quella che entra (o in senso opposto d’estate); oppure, ai balconi potrebbero essere appesi dei pannelli solari per produrre energia e insieme ombreggiare i balconi stessi. Esistono tutta una serie di accorgimenti immediatamente fattibili per il risparmio energetico… purtroppo per√≤, finch√© l’edilizia sar√† mirata solo alla speculazione in assenza di regole e anzi con la connivenza del mondo politico, non si muover√† molto.

Idem per i rifiuti: ieri sera ho assistito alla conferenza di Paul Connett a Beinasco ed √® stata davvero interessante. Connett √® uno dei proponenti della strategia rifiuti zero – ossia, arrivare a vivere in una societ√† che non butta via niente. Vi sembra utopistico? Eppure a San Francisco (non un villaggetto) sono gi√† arrivati al 75% di riciclaggio e puntano al 100% per il 2020. La Provincia di Torino non √® messa male – siamo attorno al 50%, ma saremmo pi√Ļ avanti se l’estensione della raccolta porta a porta a Torino non si fosse “inspiegabilmente” bloccata causa inceneritore da giustificare; nei quartieri del porta a porta si arriva al 60-65%.

Tuttavia, secondo Connett, fino al 70-75% si pu√≤ arrivare con la raccolta rifiuti e con un trattamento intelligente; dopo, √® questione di progettazione dei prodotti stessi. Insomma, l’obiettivo √® arrivare a considerare il rifiuto come un errore di progetto: se non si pu√≤ riciclare, riusare o compostare (farne concime) allora √® sbagliata la progettazione del prodotto.

D’altra parte, da noi ancora vige la logica (logica?) secondo cui si usa energia per tirare fuori materie prime dal pianeta, poi le si lavora, si produce un oggetto, lo si trasporta, lo si vende, poi lo si usa una volta e poi lo si butta via, spendendo energia per interrarlo o bruciarlo, e poi si spende altra energia e si consumano altre risorse per ricominciare tutto da capo. Ma che logica √®? Vi sembra non dico sostenibile, ma anche solo razionale?

Chiudo con una nota sugli scontri di stamattina tra universitari (o presunti tali) e polizia contro il “G8 universitario” (perch√© quando si tratta di spender soldi in celebrazioni e magnate al Cambioimportantissimi incontri internazionali noi a Torino non ci facciamo mancare niente). Non so chi abbia ragione; la violenza come forma di protesta √® sbagliata a prescindere, ma non posso sapere chi l’abbia scatenata. So per√≤ che ormai, come dice Grillo, l’unico interlocutore politico del cittadino √® un poliziotto con un manganello: indipendentemente dalla protesta e dal suo livello di violenza, tutti quelli che hanno qualcosa da dire – studenti, operai, immigrati, agricoltori, tifosi… – vengono accolti cos√¨:

IMAGE_192s.jpg

Ditemi voi se ha senso: per quaranta professoroni si militarizza mezza citt√† e comunque, a scanso di equivoci, non si prevede nessun dialogo di nessun genere con la citt√† stessa; al cittadino, comunque la pensi, si dice “spostati e stai lontano o partono le manganellate”. Ormai tra il mondo del potere e la gente comune c’√® sempre un muro di poliziotti; e questo non √® affatto un bel segnale.

P.S. Per i miei affezionati, stasera dalle 19,30 alle 20 sarò in diretta su Videogruppo.

divider
 
Creative Commons License
This site (C) 1995-2022 by Vittorio Bertola - Privacy and cookies information
Some rights reserved according to the Creative Commons Attribution - Non Commercial - Sharealike license
Attribution Noncommercial Sharealike