Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Mar 2 - 20:46
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
venerdì 24 Luglio 2009, 18:53

Malattie incurabili

Sì, è vero, noi tifosi del calcio – noi del Toro in particolare – siamo spesso lamentosi e complottisti. Quando scrissi che il Genoa (il cui presidente Preziosi è tuttora inibito per cinque anni per illecito sportivo) nel finale di campionato era stato tutt’altro che sportivo, e che nell’ambiente tutti parlavano di spintarelle di vario genere date al Bologna per restare in serie A, probabilmente sembravano soltanto dei vaneggiamenti da malato di tifo, non quello incurabile al 10% ma quello incurabile al 100%. Certo leggere dopo un mese l’annuncio di Moggi assunto come dirigente dal Bologna fece venire qualche perplessità anche ad altri, tanto è vero che la società fu costretta a fare rapida retromarcia e comunque a subire una inchiesta sportiva e persino l’onorevole ira dei propri tifosi.

Ma allora come si devono sentire ad Alessandria? Dopo aver dominato il campionato di seconda divisione (l’ex C2), persero la finale decisiva per salire di categoria contro il Como anche per un arbitraggio davvero strano, con una espulsione dopo pochissimi minuti e un’altra più tardi che segnarono la partita a svantaggio dei mandrogni. E in questi giorni cosa leggono sui giornali? Che il Como neopromosso sta per venire comprato da Marcello Dell’Utri, in società con Feltri e la Santanché.

Sicuramente non ci sarà nulla di strano sotto; tutto normale, tante belle partite segnate dalla massima sportività. Certo che la credibilità del nostro calcio ormai si avvia a raggiungere quella del nostro ciclismo (praticamente ogni ciclista italiano che abbia fatto qualcosa di decente a livello internazionale negli ultimi due anni è prontamente stato beccato per doping).

Ma allora, perché io in questi giorni sto guardando il Tour de France e domani andrò a rifare l’abbonamento al Toro? Per vedere sport truccati, non faremmo prima ad abbonarci al wrestling sulla pay-tv? Evidentemente c’è qualcosa di incurabile che ci tiene legati…

divider

8 commenti a “Malattie incurabili”

  1. for those...:

    Finalmente un post calcistico su cui concordo al 100%.
    Io ho avuto un po’ più di pudore però. Mi sono limitato al mini-abbonamento alle 3 partite di Champions League casalinghe e al terzo anello.
    Però considera che i miei soldi vanno a… no, non farmici pensare! :-(

  2. mfp:

    E che devi fare… la vita e’ questo, non ti puoi tagliare le palle da solo, smettere di vivere le tue emozioni, perche’ l’azienda di turno e’ Kattiva e i tifosi coglioni a non aver distrutto tutto l’establishment ai tempi di Calciopoli per ripulire lo sport… al piu’ puoi limitare temporaneamente mentre produci un’alternativa altrettanto attraente; quando lavori per far diventare cultura dominante l’alternativa. Io per esempio sono andato a consegnare i miei 8 euro alla Viacom (piu’ altri 10-15 tra poppicorni, birretta e gommosi vari, alla Warner) per l’ultimo Star Trek… che devo fare? Guardarmi il mio scifi preferito che esce una volta ogni 5-10 anni, in soli 24 pollici, e con un sourround scrauso della Trust, solo perche’ la Viacom e’ la peggiore tra le corp del copyright? Per una volta affanculo tutti i noglobal e tutti i non-noglobal (es: Paolo De Andreis) che consigliano di affittarsi il dvd per 3-6 ore perche’ il film non vale i soldi a Viacom. Diamine, faccio tre soli sgarri alla mia disciplina sociale: sigarette (e cmq ho mollato phillip morris un decennio fa, e a casa fumo tabacco sfuso… in giro non si puo’, anche perche’ ci sono tanti che ti guardano storto), star trek (che ho comprato tutto originale), apple (questa la stavo droppando; ma osx e gli ultimi macbook pro unibody sono roba seria; e cmq l’avrei sostituita con qualcos altro); e non mi sento per niente antisociale, anche e soprattutto se mi confronto con quella che e’ la norma… faccio una vita ben piu’ sostenibile/felice della media… cmq a confrontare le sommatorie tiro in alto, non in basso. E pure tu, cribbio, hai la passione per il tuo Toro; quanto altro sgarri? Fatti due conti tra te e te e se il bilancio e’ positivo, amen. Certo questo apre a derive solipsistiche pericolosissime… rischia di scardinare la funzione di controllo distribuito… ma ci sono vari modi sia tecnici che umanistici per rimanere con i piedi per terra. Rimane solo quello che io chiamo “Pussy Problem” (non solo con riferimento al mondo femminile, ma anche e soprattutto a tutti gli uomini con la schiena bifida e/o senza attributi che pendono alla base dell’Asta; paradossalmente i gay per via della pressione sociale che storicamente hanno addosso sono piu’ virili di tanti leghisti): la mia donna se le dico che non voglio piu’ andare al cinema (in aggiunta a centinaia di altre scelte scomode) mi molla… cio’ che ci tiene legati – nel bene o nel male – e’ l’amore, l’informazione, l’Etere (come inteso prima di Maxwell)… chiamalo come ti pare. Anche finanza: l’hai visto il video di oggi sul blog di Beppe? Le famiglie meno responsabili (“le sub-prime”) sono rappresentate con 200 marmocchi e le sigarette in bocca. O anche Internet. Qualunque sistema a rete va bene ;)

  3. Bruno:

    A proposito di malattie croniche e livori insopibili, sono appena tornato da una visita a parenti mantovani e tifosi.
    Mi hanno ricordato questo
    http://www.mantovanotizie.com/sport/20090602-sfotto-per-il-torino-in-b-sulla-voce-di-mantova.php
    episodio e mi assicurano che a Mantova non è stato dimenticato il 2006. Boh.

  4. vb:

    Beh ma ti assicuro che non l’abbiamo dimenticato nemmeno noi: se per caso la trasferta di Mantova non sarà vietata ci saranno incidenti di sicuro. L’altra sera ero con gente di un club e scherzando (ma non troppo) si diceva che quest’anno ci saranno solo 5000 abbonati ma a Mantova ci si presenterà in diecimila…

  5. Bruno:

    Tutto può essere – anche che i tifosi si raddoppino pur di fare a botte e vandalizzare una città.
    Certo che, a questo punto, spero che la trasferta sia vietata, eccome.

  6. Alberto:

    Vb, l’accostamento indiretto tra Moggi e Dell’Utri era ironico oppure davvero ritieni che siano personaggi di paragonabile potere politico ed economico? Te lo chiedo perché mi è sempre difficile comprendere fino a che punto persone che hanno fonti informative che vanno oltre alla Gazzetta dello Sport possano davvero pensare che un ex-dirigente di squadra di calcio sia portatore di un potere tale da poter essere paragonato, ad esempio, a colui che ha fondato Forza Italia e che è stato considerato il tramite tra Berlusconi e Cosa Nostra.

  7. vb:

    Bruno: Nessuno va lì a vandalizzare una città (anche se fosse, quelli che menano le mani sarebbero al massimo venti su diecimila). Però non è normale che nella città X facciano festeggiamenti e annunci sul giornale alla retrocessione della squadra della città Y… una rivalità sportiva di questo tipo implica che la partita diventi sentitissima da entrambi i lati e che tutti i tifosi ci tengano ad esserci e a sostenere le squadre. In situazione normale ci si limita a lanciarsi altri sfottò, poi se qualche cretino vuol menare le mani allora si rischia effettivamente l’incidente. Non so se la vieteranno, ma di sicuro eviterei di andare là in un gruppetto con la mia macchinina, magari parcheggiando in zona stadio e scendendo bello bello con una sciarpa granata al collo in mezzo ai locali che vanno allo stadio.

    Però se conti che si temono incidenti già per l'”amichevole” estiva Vicenza-Toro di giovedì… l’anno scorso, stessa “amichevole” estiva e un paio di persone all’ospedale per cinghiate e denti rotti; quest’anno è facile che “ci aspettino”, e se in condizioni normali non sarebbe andato nessuno perché quest’anno siamo in contestazione fredda, vedrai che qualche gruppetto dei nostri ultrà ci andrà apposta perché se “ti aspettano” e non ti fai vedere poi fai “la figura del coniglio”… le logiche di quel mondo lì sono queste.

  8. Bruno:

    Non potrei mai tifare nessuna squadra: il sapermi anche solo minima parte di questi prodromi di nazionalismo e razzismo mi disgusta.

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2021 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike