Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Dom 21 - 15:05
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
lunedì 31 Agosto 2009, 23:58

Non ritorno

Il punto di non ritorno può essere il più vario. Per esempio, può essere atterrare a Malpensa e trovarti ad aspettare i tuoi bagagli per quasi mezz’ora; a un certo punto ne sono apparsi sul nastro due o tre, poi tutto si è fermato e sei rimasto lì ad attendere all’infinito, con i finnici che scuotono la testa e non capiscono e si lamentano e chiedono disperati informazioni su come mai i bagagli ci mettano così tanto tempo, finché alla fine non arrivano. E’ solo mentre vai via con le tue valigie che noti che sul pannello luminoso – l’unico che dà informazioni in mezzo a tanti altri che sparano a volume fastidioso la pubblicità dell’ennesima puntata di un qualsiasi telefilm o saga sui vampiri – c’è scritto “Ora di atterraggio: 10:24. Ora di consegna primo bagaglio: 10:40”. In altre parole, i sagaci dipendenti di Malpensa mettono subito due o tre bagagli sul nastro in modo che le misurazioni di qualità risultino ottime, poi vanno a farsi i cazzi loro e tutti gli altri li scaricano mezz’ora dopo, quando hanno voglia.

Poi esci e aspetti la navetta per il parcheggio, che ha il suo punto di sosta riservato, che però deve venire costantemente presidiato dagli addetti e marcato coi coni di plastica per evitare che venga occupato abusivamente. Nonostante questo, arriva un fuoristrada targato Varese e tira giù tutti i coni pur di piazzarsi proprio lì con le magiche quattro frecce, per aspettare “un minutino” della gente in arrivo che non ha voglia di fare cinquanta metri a piedi. Ne deriva una epica lite in longobardo stretto, che blocca decine di persone.

Ecco, con tutto che i finnici sono anarchici e un po’ maleducati (ma sempre ad anni luce da noi), tornare in Italia è davvero sconfortante: tanto da farti venire la voglia di non tornarci più.

P.S. Poi però vai allo stadio, in una serata in cui le cose girano bene, e ti ricordi che qualcosa di bello resiste anche in Italia.

Tag Technorati:
divider

7 commenti a “Non ritorno”

  1. simonecaldana:

    sei il bello dell’Italia e’ il calcio parto subito per Altrove.

  2. .mau.:

    »Poi però vai allo stadio, in una serata in cui le cose girano bene
    Zigh.

  3. .mau.:

    Quanto ai bagagli, basterebbe indicare la consegna del primo e dell’ultimo bagaglio… ma ho come il sospetto che non capiterà mai.

  4. maxxfi:

    Eh, infatti, con tutto che i finlandesi sembrano un po’ maleducati (io la chiamo sindrome dell’orso solitario, si muovono in una folla dritti per la loro via, quasi incuranti di chi e’ intorno, come un orso nella foresta) io quella decisione l’ho presa un po’ di anni fa e il biglietto di ritorno non l’ho fatto piu’.
    (E finche’ posso, in Italia arrivo con solo bagaglio a mano)

  5. mfp:

    L’aereo che mi ha appena riportato da Venezia aveva sedili con schermo e a fianco lettore per strisciare la carta di credito, ma non la presa per caricare il portatile su cui avevo qualche decina d’ore di film… apro il lid e mi viene segnalata una rete wireless, non ho voglia di smanettare per indagare, quindi chiedo allo stewart e mi dice che il wireless e’ vietato… allora gli dico che forse era di qualcun altro… e lui si impunta che devo disabilitare il mio nonostante gli stessi spiegando che se non c’e’ connessione la mia radio non trasmette, e’ piuttosto importante trovare chi lo sta facendo… un teatrino durato 3-4 minuti (ie: nonostante io avessi immediatamente disattivato la radio durante la chiacchiera, appena saputo cioe’ che era – formalmente – pericolosa per l’aereo). L’Italia ha una posizione strategica… abbiamo il sole… ma non lo sappiamo metabolizzare bene; ne’ noi, ne’ le nostre macchine.

  6. vb:

    Comunque il calcio è una delle poche cose in cui l’Italia ancora eccelle sulla scena mondiale, anche se ormai siamo ben dietro agli inglesi e agli spagnoli :-P Ma poi che ve ne parlo a fare, se uno non capisce il calcio non lo capisce e bon, ognuno ha le sue passioni…

  7. Massimo Manca:

    Sul calcio basta sapere questo e poi si può passare ad altro:
    http://cattomoderasta.splinder.com/post/21189268/Il+cattomoderasta+vi+impara+il

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2019 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike