Sky
Vittorio vb Bertola
Fasendse vëdde an sla Ragnà dal 1995

Giò 7 - 1:39
Cerea, përson-a sconòssua!
Italiano English Piemonteis
chi i son
chi i son
guida al sit
guida al sit
neuve ant ël sit
neuve ant ël sit
licensa
licensa
contatame
contatame
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vej blog
vej blog
përsonal
papé
papé
fotografie
fotografie
video
video
musica
musica
atività
net governance
net governance
consej comunal
consej comunal
software
software
agiut
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet e faq
usenet e faq
autre ròbe
ël piemonteis
ël piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
vej programa
vej programa
travaj
consulense
consulense
conferense
conferense
treuvo travaj
treuvo travaj
angel dj'afé
angel dj'afé
sit e software
sit e software
menagé
login
login
tò vb
tò vb
registrassion
registrassion
mercoledì 31 Marzo 2010, 16:55

Comunicato stampa del centrosinistra piemontese

Poi da domani, prometto, si parla di nuovo di problemi veri.

Cari elettori piemontesi,

dopo lunghe e approfondite analisi abbiamo potuto concludere che la ragione della nostra sconfitta è da attribuirsi all’incredibile e inqualificabile scelta, da parte della maggior parte degli elettori, di non votare per noi.

Questa scelta ci addolora profondamente, e anzi vorremmo denunciare che non può essere vera. I nostri esperti – che paghiamo coi vostri soldi –  ritengono che nessuno potrebbe mai votare Berlusconi o Bossi, dunque ci sono senz’altro stati dei brogli. Se però davvero esistessero degli elettori che non hanno votato per noi, vorremmo invitarli al dialogo dicendogli: coglione, pezzo di merda! Sei veramente una testa di cazzo. Siamo certi che in questo modo la prossima volta voteranno per noi.

Se ciò non fosse sufficiente, i preti, che ospitiamo abbondanti nella nostra coalizione, ci hanno consigliato di giocare sui sensi di colpa: suuuu, daaaai, Gesù Bersani è tanto triste, un votarello, disgiunto disgiunto, che ti costava? Una moneta dottò, una moneta per una povera nonnina, che non riesce più a camminare da tutte le botte che per mesi le ha dato Chiamparino.

Vorremmo denunciare anche l’incredibile qualunquismo di sedicenti liste civiche che si sono presentate alle urne senza sistemarsi in alcuna delle due curve da stadio della politica italiana. E’ indispensabile che gli elettori siano sempre accecati dal tifo, altrimenti potrebbero anche accorgersi che sotto sotto il risultato lo decidiamo noi negli spogliatoi insieme agli altri. Certo ci chiediamo perché tutte le volte noi decidiamo di perdere, ma ci sembra che gli elettori sottovalutino ingiustamente il valore dell’esperienza e della professionalità in politica: i professionisti della sconfitta siamo noi.

Non riusciamo a capire come mai i torinesi non abbiano reagito di fronte alle brillanti linee strategiche della nostra campagna, esposte con scioltezza dal segretario Morgando: riproporre sempre le stesse facce di prima, imbarcare chiunque in coalizione e dire che Milano ci sta sulle scatole. Il fatto che l’UDC faccia o meno parte della nostra coalizione è al giorno d’oggi uno dei problemi primari dell’Italia; infatti non si parla d’altro tra le persone che frequentiamo, tutte quadri del nostro partito – che paghiamo coi vostri soldi.

E poi non è vero che siamo lontani dagli operai, l’ultimo giorno Bresso e Bersani sono venuti a Mirafiori a regalare brioche al cioccolato – che paghiamo coi vostri soldi – in cambio del voto, dimostrando così la loro alta considerazione della gente comune, prima di salire su un’auto da 50.000 euro e andare a prepararsi per il pranzo al Cambio – che paghiamo coi vostri soldi.

Dunque è evidente, se abbiamo perso è colpa dei grillini: sono colpevoli di esistere. Basterebbe farli sparire, e poi eliminare anche Berlusconi, Bossi, Fini, Casini, Lombardo, Storace e tre quarti degli italiani, e poi governeremmo noi… per tre mesi: fino alla prima lite tra D’Alema e Veltroni!

[tags]elezioni regionali, piemonte, movimento 5 stelle, partito democratico, bresso, chiamparino, bersani, piagnisteo, strategie politiche brillantissime[/tags]

divider

11 commenti a “Comunicato stampa del centrosinistra piemontese”

  1. raccoss:

    A me le battute di Spinoza hanno fatto ridere anche se parlano di PD. Le tue un po’ molto meno.

  2. Sibia:

    fantastico!! :D

  3. Fabrizio:

    Accipicchia che raffinata analisi politica del voto. Politica, perché, del governo del Piemonte, poco ti interessa con buona evidenza. Se quelle ora trascorse fossero state elezioni politiche, francamente a me, di questa sinistra impagliata, imbolsita e soprattutto lontana da qualsiasi proposta di governo, sarebbe importato nulla. Parlando invece del Piemonte, la professoressa Bresso a te così invisa ha per esempio:
    – tenuto testa a Bondi che voleva imporre per la Presidenza di Venaria Reale un suo tirapiedi
    – disdettato il contratto con Trenitalia per manifesta inadempienza circa il trasporto regionale e già da settembre avrebbe dovuto debuttare una società privata facendoci viagiiare, forse, più decentemente. Mi porti tu sulla canna della bici a Novara tutti i giorni dove vado per lavoro e viaggio in piedi tanto fanno schifo i regionali?
    – ripianato il debito con la Sanità (riconosciuto peraltro dal governo nazionale)
    – …continuo?

    Questi banali esempi Bertola si possono con facilità ricondurre a un’espressione semplice di due parole due: “Buon Governo”. Me ne strafotto io della politica. Io voglio bene alla mia città e alla mia regione e non sto a godere, come fate voi o come facevo io da ragazzino nel mettere i sassi (oddio sassi, sassolini) sulle rotaie del tram nascondendomi per vederne l’effetto. Solo a ciò mostrate di esser buoni. Dalla mia ho l’intima consapevolezza che i votri amici No-Tav quando verranno ridotti all’impotenza senza troppe storie e senza troppo dialogo dai militari che cota avrà loro gentilmente inviato, ne godrò felice. In ultimo i messaggi vengono formattati male perché prima di “continuo” non ho aggiunto alcuna interlinea.

  4. vb:

    Nervosetti?
    Dai, su, da domani parliamo d’altro…

  5. Marco:

    aridanghete…
    La Bresso ha anche fatto altre cose mooolto più importanti. Al riguardo suggerirei a Fabrizio (per cultura personale) ed a VB (per pianificare una qualche azione di recupero di denaro pubblico) di approfondire l’argomento “Premio Grinzane di Cavour” ove ha dimostrato (al pari di alcuni suoi precedessori) una attenzione per i conti impareggiabile, quasi pari alla attenzione dedicata agli incarichi e consulenze esterne in Consiglio Regionale.

  6. Gian:

    Gentili pensatori vi voglio raccontare un episodio recente che spero possa essere di utilita’ e spunto per l’esigenza di rinnovamento .

    Ieri ho accompagnato un conoscente dall’oculista ,gia’ ritenendo di conoscere le cause della sua anomalia oculare .

    Bene , detto cio’ aggiungo che il soggetto e’ diabetico ma pensa di non esserlo (ovvero non accetta la sua condizione patologica) e inoltre e’ di buona forchetta (ha lavorato una vita nel settore alimentare) .

    La diagnosi e’ stata retinopatia da diabete con le conseguenze gravi che ognuno di noi puo’ dedurre .

    E allora ecco i verdetti (di tutti noi medico compreso) : devi avere rispetto per la tua persona ,non devi mangiare dolci ,meno carboidrati ,te lo metti in testa che non si deve scherzare su queste cose ,te lo avevo detto IO ecc …

    Poi ,passata la collera , mi sono soffermato e ho pensato al “mio” e al suo comportamento .

    “IO” ho trattato questa persona come un oggetto ,dimeticandomi della sua complessita’ ,delle variegate tonalita’ di colore che compongono il suo carattere ,il suo essere .

    “IO” mi sono elevato ad essere superiore che giudica ,emette sentenze ,urla dicendo : lei non sa chi sono io .

    Lui non uscira’ dalla sua condizione .

    Ci aggiungo anche un bel peso economico che noi tutti dobbiamo sostenere (coi nostri soldi come le brioches ) .

    Tutto chiaro ,siamo al “punto di non ritorno” …o forse posso cercare di fare qualcosa di piu’ ?

    Posso cercare di lavorare creando un contatto empatico per innescare un meccanismo di cura a 360° (scientifica e psicologica) ?

    Ci provero’ .

    Voi direte …cosa c’entra questa storiella con questo post ?

    Vorrei che vi fosse in ognuno di noi la convinzione che non esistono persone perfette e persone imperfette con il conseguente sconfinamento nelle nostre nervosi moderne che tendono a sentenziare tutto e tutti .

    Cota e’ il cattivo , Bresso e’ buona …cosa ne so (e cosa me ne frega di saperlo) ?

    Apparentemente sono entrambi persone “sane” che attuano moti per svolgere il loro lavoro secondo una morale educativa .

    Uno e’ giovane e quindi avra’ pur lo spirito del neofita ,l’altra e’ una donna e una madre .

    Posso dire che non sposo la loro morale , vorrei voltare pagina verso il progresso ( l’opposto del regresso a cui associo un uomo con una clava nella mano) .

    Ma 5 anni di Cota trasformeranno Torino in Kabul ?.

    Gentile Fabrizio ,gentile V.B. nelle vostre parole traspira irrequietezza e vi capisco (ma non mi interessa di chi e’ la colpa) .

    A me interessa che ognuno di noi prenda visione : nella nostra storia ci sono state guerre e genocidi ma la vita ha trovato terreno fertile per rinascere .

    Oggi stiamo distruggendo la vita ,l’uomo non si accorge del disastro che sta compiendo .

    Rimaniamo coesi perche’ noi siamo fortunati e abbiamo occhi per vedere ,molti politici di mestriere (non tutti per la legge dei numeri) sono in uno stadio terminale …a cui tendiamo tutti se non facciamo una “job rotation” .

    potremo unirci (se saremo umili) per il cambiamento nel nome della vita (e non delle aspirapolveri dell’ unieuro) .

    con sincerita’

    Gian

  7. luigi de troia:

    geniale, sei un grande, pur di votarti coem sindaco prenderei la residenza temporanea in citta’ :-)

  8. valeskywalker:

    ahahahah, fantastico…ma i nervosetti che vengono qui a prendersela con te perché invece non vanno a proporre idee per aiutare il pd?

  9. Fabrizio:

    @valeskywalker e i soloni che vengon qui per sgignazzare perché, ora, non cercano di convincere i valsusini che hanno scherzato e che nemmeno morti argineranno cota che gli manderà i militari?

  10. ermanno.l:

    Ho saputo che un consigliere del PD ha firmato per la lista Grillo No Euro, permettendo a Rabellino di evitare dover raccogliere firme per la strada almeno per questa lista.

    Questa se pur pratica lecita, la dice lunga sull’onestà intellettuale dei dirigenti del PD. Sicuramente ora avete accesso alle carte per verificarlo e per renderlo eventualmente pubblico.

  11. ermanno.l:

    Dimenticavo di dire che il danno per il Movimento 5 Stelle e’ di circa lo 0,62% che sarebbe stato utile sommare al 4,08 ottenuto.

    In realtà, senza la esplicita complicità del PD anche l’altra lista civetta No Tav/No Nucleare ha rubato voti al Movimento 5 Stelle e tra l’una e l’altra hanno bidonato i voti di circa 16000 elettori.

 
Creative Commons License
Cost sit a l'è (C) 1995-2023 ëd Vittorio Bertola - Informassion sla privacy e sij cookies
Certidun drit riservà për la licensa Creative Commons Atribussion - Nen comersial - Condivide parej
Attribution Noncommercial Sharealike