Sky
Vittorio vb Bertola
Fasendse vëdde an sla Ragnà dal 1995

Dum 8 - 1:45
Cerea, përson-a sconòssua!
Italiano English Piemonteis
chi i son
chi i son
guida al sit
guida al sit
neuve ant ël sit
neuve ant ël sit
licensa
licensa
contatame
contatame
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vej blog
vej blog
përsonal
papé
papé
fotografie
fotografie
video
video
musica
musica
atività
net governance
net governance
consej comunal
consej comunal
software
software
agiut
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet e faq
usenet e faq
autre ròbe
ël piemonteis
ël piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
vej programa
vej programa
travaj
consulense
consulense
conferense
conferense
treuvo travaj
treuvo travaj
angel dj'afé
angel dj'afé
sit e software
sit e software
menagé
login
login
tò vb
tò vb
registrassion
registrassion

Archivio per il giorno 31 Maggio 2010


lunedì 31 Maggio 2010, 23:01

Lo sviluppo di Torino

Oggi, dopo qualche settimana, sono ripassato da via Cigna, nel tratto subito dopo corso Vigevano – il primo pezzo della cosiddetta Spina 4. Conosco la zona da tempo perché Vitaminic, dieci anni fa, si era installata proprio lì, in via Cervino angolo via Gressoney; all’epoca era un quartiere di relitti industriali (in buona parte ex Fiat, manco a dirlo), qualcuno più o meno occupato da attività ricreative installate alla bell’e meglio (i Docks Dora), il resto in abbandono.

C’ero tornato alcuni anni fa, a trovare un amico che aveva appena preso casa in uno dei nuovi palazzoni, esattamente di fronte a dove lavoravo, in un pezzetto di via Cervino che prima, nella storia, non era mai esistito (via Cervino è sempre stata spezzata in due, un tratto tra la ferrovia e via Gressoney e un tratto tra via Cigna e corso Vercelli, in mezzo una fabbrica). Erano i classici palazzoni nel nulla che caratterizzano la Torino dell’epoca Chiamparino; le vecchie zone industriali vengono ricoperte di cubi di mattoni tutti uguali, tutti anonimi, tutti vagamente pretenziosi, quasi tutti costruiti col cartone e/o su aree tossiche le cui bonifiche sono tutte da verificare (vedi Spina 3). Non si è ben capito chi ci dovesse andare ad abitare, e infatti molti di questi nuovi quartieri sono tuttora vuoti o quasi, caratterizzati da decine di alloggi con le persiane abbassate e mai alzate.

Oggi ci sono ripassato e ho scoperto che finalmente anche lì hanno fatto “i servizi”. Con tanto spazio a disposizione – le aree sono davvero immense – avranno sicuramente pensato ad allargare un po’ la strada, visto che via Cigna è storicamente uno stretto e trafficato asse di “circonvallazione” della Barriera di Milano verso nord, e poi a fare dei giardini, delle scuole, una pista ciclabile, qualche edificio pubblico… E invece no: la strada è rimasta stretta come prima, perché tutto lo spazio disponibile è stato occupato da… immaginate già, vero?

E certo: un fantastico centro commerciale, con il nuovo controviale che finisce direttamente dentro la discesa del parcheggio sotterraneo. Ospita un Brico e un Gigante, e poi immagino che ci sarà la solita infilata di negozietti in franchising, dagli affitti da strozzino, che tireranno a campare o chiuderanno presto. Ah, e pare che prima o poi apparirà anche un discount sull’angolo di via Valprato.

Ma se ne sentiva la mancanza: in fondo, a un chilometro di distanza ci sono solo il centro commerciale Snos (ex Vitali) di corso Mortara, con un altro Gigante; il Bennet di via Orvieto; e l’Ipercoop di via Livorno. Certo, avendo abbattuto la sopraelevata ora ci va un quarto d’ora ad arrivarci invece dei tre minuti di una volta…

La cosa più agghiacciante è il modello sociale che il piano di “sviluppo” torinese di questi anni ha messo in atto: la “crescita economica” realizzata mediante la costruzione di case-alveare, quasi tutte di scarsa qualità costruttiva (pura speculazione) e ancor più scarsa qualità estetica, completate da centri commerciali sparsi qua e là, tanto per ammazzare i negozi nel raggio di chilometri. Girando per Milano sono rimasto sorpreso dalla quantità di piccoli negozi, anche di alimentari, che ancora riempiono le vie; Torino, in compenso, sembra una città americana da quanti mall ormai ci sono. E poi ci si lamenta se intere aree sono abbandonate al degrado e alla desertificazione notturna, al massimo compensata dai negozi borderline degli immigrati.

E così, arriva il nuovo centro commerciale; era talmente urgente aprirlo che la strada non è ancora finita, e in zona si sono subito create code leggendarie, aiutate da qualche dosso alto come una muraglia e da inspiegabili fasce rosa in mezzo alla strada. Basta che i registratori di cassa comincino a girare; anche se il problema fondamentale di Torino – con quali attività lavorative dovremmo guadagnare i soldi da spendere in questi nuovi luccicanti negozi – continua a rimanere irrisolto. Però, dopo cent’anni di attesa, via Cervino è finalmente riunificata!

divider
 
Creative Commons License
Cost sit a l'è (C) 1995-2019 ëd Vittorio Bertola - Informassion sla privacy e sij cookies
Certidun drit riservà për la licensa Creative Commons Atribussion - Nen comersial - Condivide parej
Attribution Noncommercial Sharealike