Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Mer 26 - 8:09
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
lunedì 17 Maggio 2010, 17:46

Dio è morto

La morte per cancro di Ronnie James Dio – aveva già 67 anni – segna davvero la fine di un’epoca delle nostre vite, almeno per chi da ragazzo è stato almeno un po’ metallaro. Dio era la voce epica per eccellenza, che cantasse le leggende fantasy dei Rainbow o i classici dei Black Sabbath; e anche la sua carriera solista non era stata da meno (Holy Diver è un disco magnifico che capita regolarmente nelle mie playlist).

Forse non aveva un grande physique du role, già stempiato all’epoca classica, ma i suoi completini chiodo + jeans e i suoi brani duri ma essenziali, rivisti ora, dimostrano quanta poca distanza ci fosse tra l’hard rock dell’epoca classica e i rocker alla Springsteen. Lui, in più, era noto per aver reso popolare il gesto delle corna, ereditato da una nonna italiana e trasformato nel simbolo dell’heavy metal.

I forum, le piattaforme, i siti di musica sono zeppi di commenti e condoglianze; noi lo ricordiamo con il suo inno spaccastadio (è arrivato persino a Zelig) e con il buffo video di Rainbow in the Dark, con l’assolo dell’allora ventenne Vivian Campbell; e, appropriatamente, con un Long Live Rock’n’Roll degli anni con Blackmore. E poi pensiamo con orrore che, se è morto Dio, potrebbe morire persino Ozzy Osbourne.

divider

4 commenti a “Dio è morto”

  1. simonecaldana:

    Il cervello di Ozzy e’ già morto da tempo…

  2. Redsox:

    che tristezza, è morto un mito. Piano piano se ne andranno tutti… quella delle corna l’ho scoperta oggi, fantastico!
    Ciao Ronnie

  3. MailMaster C.:

    Non è mai stato fra i miei cantanti preferiti, ma riconosco che ha lasciato un forte impatto e molte tracce sulla scena hard rock. Dispiace che ci abbia lasciato.
    Ma non conoscevo la produzione dei video: assurdi. Holy Diver sembra che abbiano girato tre minuti in tutto per 5 di canzone, con la logica “buona la prima”, e lui come attore è assolutamente non credibile.
    Rainbow in the dark è effettivamente simpatico, ma nulla più.
    Ma decisamente non è fra il tipo di hard rock a me più congeniale: lo sento ancora troppo anni ’80.
    Intanto, come al solito, mi fido di te Vittorio e recupero l’album intero.

    Mandi

  4. MCP:

    Neanch’io conoscevo questi video, pero’ molti video e protovideo dei primi anni ’80 non e’ che fossero dei capolavori, anzi, molto spesso erano un trionfo del kitsch e degli effetti di serie B o C (anche per i livelli dell’epoca). Il budget di Thriller, del resto, l’avevano in pochi :)

    Anche i primi degli Iron Maiden rivisti oggi fanno sorridere – ovviamente non parlo della musica. Eppure di sicuro all’epoca produttori e artisti coinvolti alla prima proiezione avranno esclamato: “Wow! This is terrific!” (nel senso di: ma e’ bellissimo!)

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2019 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike