Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Ven 5 - 9:15
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
sabato 12 Marzo 2011, 10:23

Di chi è la Costituzione?

Oggi in tutte le piazze d’Italia si terr√† l’ennesima manifestazione del sabato pomeriggio: dopo quelle contro Berlusconi e quella per le donne contro Berlusconi, arriva quella per la Costituzione contro Berlusconi. E non √® solo un gioco di parole…

Infatti, una persona dell’organizzazione aveva invitato anche me a parlare oggi in piazza Castello; non come candidato, dato che non si parlava di argomenti elettorali e legati al Comune, ma come cittadino pubblicamente attivo che espone le proprie idee. Io avrei ribadito il ruolo e l’importanza della Costituzione, e poi avrei affrontato due aspetti che mi stanno particolarmente a cuore, ovvero come promuovere la partecipazione dei cittadini alla vita democratica migliorando gli strumenti costituzionali di democrazia partecipativa, e come proteggere meglio i beni comuni, compresa la costituzionalizzazione di Internet proposta da uno dei massimi giuristi italiani, Stefano Rodot√†.

Peccato che, dopo che anche Beppe Grillo ha parlato del primo dei due aspetti, io mi sia ritrovato un’altra persona dell’organizzazione a gridare sulla mia bacheca Facebook che “difendere la Costituzione” voleva dire non toccarne neanche una virgola, e che i grillini non erano graditi alla manifestazione.

Dopo un po’ di discussione √® venuto fuori il vero problema, cio√® che si voleva evitare che la manifestazione potesse dare spazio al candidato sindaco del Movimento anzich√® a quello del centrosinistra. Ora, l’idea di non far parlare candidati o politici √® anche condivisibile, ma sono stati loro a invitarmi in prima istanza; dunque viene naturale pensare che ci sia stata qualche pressione dall’alto per cancellare il mio intervento, anche considerando che la persona dell’organizzazione che ha insistito per non farmi parlare ha in tasca la tessera di Italia dei Valori.

Questa situazione finisce dunque per dare ragione a quelli che nel Movimento sostengono che a queste manifestazioni noi non ci dobbiamo andare, visto che (anche se chi vi partecipa lo fa con rabbia e in perfetta buona fede) sono soprattutto un tentativo dei partiti del centrosinistra di mettere il cappello sulla protesta degli italiani e di riportarla nell’alveo del sistema. Del resto, la manifestazione non ha un sito ufficiale ma ne ha due, questo e questo, corrispondenti alle due diverse bande del centrosinistra che cercano di metterci sopra il cappello (il secondo sito √® di Gianfranco Mascia, autoproclamato leader del Popolo Viola e responsabile della comunicazione di Italia dei Valori); e poi ci sono i siti dei gruppi viola in dissenso con Mascia, come questo e questo.

Resta la tristezza di vedere la Costituzione usata come arma politica di parte; non √® da oggi che i partiti del centrosinistra, che pure non si sono fatti problemi a metterci mano con la riforma costituzionale di una decina d’anni fa, la considerano una loro propriet√† privata. Io penso che questa loro scelta spinga verso una china pericolosissima, proprio perch√© contribuisce a far passare nella testa degli italiani il concetto che la Costituzione √® una roba di sinistra e dei partiti, e dunque che chi non √® di sinistra o non sostiene i partiti del centrosinistra ha tutto il diritto di non riconoscersi in essa. Sono proprio atteggiamenti come questi che minano alla base le nostre istituzioni; invece di usare la Costituzione per dividere, bisognerebbe usarla per unire.

divider

4 commenti a “Di chi √® la Costituzione?”

  1. Piero:

    Io riformerei il primo articolo della Costituzione scrivendo: L’Italia √® un popolo (di cittadini) fondato sulla comunione dei beni. Dove per comunione dei beni si intende anche Internet.

  2. LucianoMollea:

    Gentile Bertola, lo sa che ha scoperto l’acqua calda?

  3. Claudio C.:

    “un tentativo dei partiti del centrosinistra di mettere il cappello sulla protesta degli italiani e di riportarla nell‚Äôalveo del sistema”. Questi sono concetti metafisici e quindi non facilemnte comprensibili dall’italiano medio in buona fede. Mi sono ricordato di certi concetti che avevo letto nel libro “No logo” di Naomi Klein su come le multinazionali riescono a inglobare e rendere innocua la protesta contro di loro. Che fare? La strada √® impervia. Perch√®, nonostante lo slogan “n√® di destra n√® di sinistra ma oltre (o in alto)” noi simpatizzanti del M5S siamo rimasti “culturamente” di sinistra e questo ci porta inconsciamente ad aderire a manifestazioni come quella di sabato (o dei sabati passati). Dobbiamo agire diversamente. Noi non dobbiamo genericamente difendere la costituzione, difendere le donne, ecc. ma concretamente (uniti e con dati alla mano) contrastare il grattacielo, l’inceneritore, la gestione non pubblica dell’acqua. E portare progetti e soluzioni.

  4. Giuseppe:

    Almeno una volta tanto la colpa non √® del PD o dell’IDV‚Ķ

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2020 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike