Sky
Vittorio vb Bertola
Fasendse vëdde an sla Ragnà dal 1995

Giò 30 - 11:13
Cerea, përson-a sconòssua!
Italiano English Piemonteis
chi i son
chi i son
guida al sit
guida al sit
neuve ant ël sit
neuve ant ël sit
licensa
licensa
contatame
contatame
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vej blog
vej blog
përsonal
papé
papé
fotografie
fotografie
video
video
musica
musica
atività
net governance
net governance
consej comunal
consej comunal
software
software
agiut
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet e faq
usenet e faq
autre ròbe
ël piemonteis
ël piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
vej programa
vej programa
travaj
consulense
consulense
conferense
conferense
treuvo travaj
treuvo travaj
angel dj'afé
angel dj'afé
sit e software
sit e software
menagé
login
login
tò vb
tò vb
registrassion
registrassion
giovedì 7 Aprile 2011, 20:15

Il nostro tempo è adesso

Uno dei grandi problemi irrisolti dell’Italia, a livello nazionale, √® il welfare della nostra generazione: degli attuali trentenni, pochi hanno un posto fisso e una situazione contributiva regolare. Gli altri o non lavorano, o hanno lavori precari, o hanno una delle “nuove forme di lavoro” con tanti doveri e pochi diritti, dalla partita IVA all’amministratore della piccola societ√† di amici che tira a campare.

La mia esperienza di precario di lusso – persona a partita IVA che quando lavora guadagna bene, ma che lavora quando capita, incassa dopo anni e non ha alcuna certezza per il futuro – √® quella di pagare ogni anno il venti per cento del mio reddito – se lavoro poco anche di pi√Ļ, perch√© c’√® un minimo di contribuzione sotto il quale non puoi scendere – in contributi INPS, che vanno essenzialmente a pagare la pensione di mia mamma, che negli anni ’80 ha potuto averne una dopo quindici anni di lavoro, di cui quattro di riscatto degli studi; nonostante tutto quel che ho pagato, io una pensione non l’avr√≤ mai; anche se fanno apposta a non dircelo per farci stare buoni, come ha candidamente ammesso il presidente dell’Inps Mastropasqua in una dichiarazione improvvida e subito insabbiata.

Senza voler generalizzare e senza volerne fare uno scontro generazionale, se √® vero che i giovani oggi vivono (spesso non per scelta) in casa dei genitori o comunque a loro spese fino alla soglia dei quarant’anni, √® anche vero che il sistema pensionistico realizza un trasferimento costante di ricchezza dai giovani ai vecchi, cos√¨ come lo realizza il fatto che mentre i posti di alta responsabilit√† e ben pagati in tutta Europa vanno ai quarantenni, da noi vanno ai settantenni.

Per fortuna qualcosa si comincia a muovere: sabato pomeriggio alle 15 √® prevista una manifestazione in piazza Vittorio, che fa parte di una manifestazione nazionale trasversale, Il nostro tempo √® adesso, che si diffonde a macchia d’olio. Questo √® il video del flash mob che √® stato realizzato la settimana scorsa per promuoverla.

Naturalmente io provo disgusto quando leggo che a queste manifestazioni aderiscono gli stessi partiti di entrambi gli schieramenti (specialmente quelli di sinistra) che per vent’anni hanno promosso e approvato la precariet√† e tolto i diritti alle giovani generazioni, per√≤ sono contento di vedere che qualcosa si muove.

[tags]torino, manifestazione, precari, giovani, welfare, generazioni[/tags]

divider

3 commenti a “Il nostro tempo √® adesso”

  1. Pippo:

    Purtroppo la situazione di precariet√† non √® pi√Ļ solo dei trentenni ma oramai conclamata nei quarantenni e cinquantenni.
    La precariet√† all’inizio dell’attivit√† lavorativa ha un senso come maggior libert√† da entrambe le parti. Ricordo il mio primo lavoro si chiamava “contratto di formazione” ed aveva durata di 24 mesi (met√† anni ’80). Alla fine l’azienda aveva anche il diritto di licenziarti ma non ho mai sentito nessuno farlo. Dopo che un’azienda aveva investito per due anni su una persona non la lasciava a casa con leggerezza.
    Ora mi ritrovo a 45 anni con un contratto a termine di tre anni di cui uno già passato. E sono fortunato a lavorare!
    Per quanto riguarda la destra e la sinistra a braccetto alle manifestazioni basta ricordare le immagini di due giorni fa a Roma: la bandiera di Rifondazione comunista insieme a quella di FLI.
    Chissà perché rimpiango Berlinguer ed Almirante.

  2. ArgiaSbolenfi:

    Non mi sembra la prima volta che si muove qualcosa su questo fronte. Lasciatemi essere pessimista, spero che i promotori non me ne vogliano: anche questa volta vedremo un po’ di gente, verr√† fatto un bel sito, dei bei video, qualche servizio commentato in modo solenne al TG3, poi continuer√† ad andare avanti tutto come prima.
    Il fatto è che la nostra società mi sembra così disgregata, divisa in mille interessi ed esperienze non comunicanti o in conflitto tra di loro, che non so proprio come possa nascere qualcosa di abbastanza significativo per cambiare le cose. Oppure, chissà, quando verrà il momento sarà del tutto inaspettato..

  3. vb:

    Io spero che ci sia un po’ di movimento, certo che viene subito il sospetto di possibili strumentalizzazioni di queste manifestazioni: finch√® cos√¨ tanti italiani anche giovani sono prigionieri del teatrino del “meno peggio” e del “destra vs sinistra”, sono destinati a rimanere politicamente schiavi di quelli che li affamano…

 
Creative Commons License
Cost sit a l'è (C) 1995-2024 ëd Vittorio Bertola - Informassion sla privacy e sij cookies
Certidun drit riservà për la licensa Creative Commons Atribussion - Nen comersial - Condivide parej
Attribution Noncommercial Sharealike