Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Sab 31 - 6:01
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
sabato 30 Luglio 2011, 18:11

Da vedere a Phoenix

Alla fine abbiamo scoperto che anche a Phoenix ci sono delle cose interessanti da vedere – e non solo i centri commerciali, dove pure, in questo momento, si compra con poco e vale la pena fare un giro.

Ieri mattina alle sette e un quarto ci siamo presentati all’ingresso dei Desert Botanical Gardens: se l’ora vi sembra inusuale, sappiate che √® l’unico momento in cui vale la pena andare, dato che di giorno, con oltre 40 gradi sulla testa, la visita sarebbe devastante. Invece cos√¨ √® stato magnifico; nella pace e nel relativo fresco del mattino (solo 33 gradi), abbiamo scoperto ogni genere di cactus e le altre piante del deserto.

Quando pensiamo al deserto, noi abbiamo in testa il Sahara; ma il deserto americano √® ben diverso. E’ una distesa di sabbia grigia e rocciosa, frastagliata e piena di colline e catene montuose, coperta dai saguaro, i grossi cactus a tridente che arrivano a diversi metri di altezza e rappresentano una delle basi dell’ecosistema, accumulando acqua per tutti; e poi c’√® una variet√† infinita di piccoli cactus e di altri cespugli duri. Un giro nei giardini mostra come il deserto sia pieno di vita, al punto che a un certo momento due coyote ci hanno attraversato il sentiero, e uno dei due √® poi riapparso con un coniglio in bocca.

I giardini sono in mezzo alla citt√†, a dieci minuti dal centro, ma, data la bassissima densit√† di Phoenix, “in mezzo” √® una parola grossa; in molte zone le case sono sparsissime e vi sono intere colline rocciose tra un quartiere e l’altro, e anche i giardini erano assolutamente credibili nella loro naturalit√†. Le altre attrazioni della giornata, sulla mappa, erano “solo un po’ pi√Ļ in l√†”, eppure se non si imbocca l’autostrada diventano un miraggio: si va avanti a cinquanta all’ora per i grossi stradoni, un semaforo per volta. Solo alla fine abbiamo realizzato che tra noi e l’ultima destinazione c’erano trenta chilometri di citt√† senza interruzione.

La prima visita del pomeriggio √® stata a Taliesin West, la casa-studio-scuola di Frank Lloyd Wright; nonostante il biglietto esoso (32 dollari… ma qui i musei generalmente non sono sovvenzionati e sono dunque carissimi) vale davvero la pena. Quando fu costruita, alla fine degli anni ’30, era in mezzo al nulla, sulle prime pendici di una collina a venti chilometri dal centro di Phoenix; sotto c’era solo il deserto e qualche ranch. Ora, le distese di ville e villette arrivano fino alla fine della pianura, e l’esperienza si salva solo perch√© la casa comprende anche parecchi ettari di terreno tutt’attorno. Ci hanno detto che quando nel 1948 nella pianura sotto la casa misero la prima linea telefonica con i relativi pali, Lloyd Wright ne fu talmente turbato che voleva abbandonare tutto; non sopportava che l’uomo avesse devastato con una fila di pali la bellezza della natura. Alla fine rest√≤, ma ristruttur√≤ l’intera casa in modo da girare le stanze e guardare verso le montagne invece che verso la pianura. Chiss√† cosa direbbe oggi…

Effettivamente, lasciate le ultime nuovissime strade con le ultime nuovissime villette, l’ambiente cambia di botto e ci si trova comunque nel niente… per i nostri standard odierni. La casa √® ovviamente bellissima e fa venir voglia di fare l’architetto; √® costruita da una serie di locali concepiti a met√† tra interno e esterno, in cui aria e luce escono ed entrano continuamente. Durante la visita ti lasciano sedere sui mobili realizzati dall’architetto e ti raccontano una serie di aneddoti… e poi ti regalano delle bottiglie d’acqua per resistere, dato che ovviamente non c’era condizionamento. In sostanza, √® una visita molto istruttiva sulla vera qualit√† di un grande architetto, quella di creare insieme bellezza e comfort in modo che ci√≤ sembri talmente naturale da non notare nemmeno il lavoro intellettuale e tecnico che c’√® dietro.

L’ultima visita √® stata al museo degli strumenti musicali, perso in un posto dimenticato dal mondo vicino a una uscita dall’autostrada: non ci sono nemmeno ancora le strade, ma solo dei cartelli che dicono “qui ci sar√† l’incrocio con la sessantaquattresima strada quando la allungheremo”, e svincoli autostradali gi√† pronti per strade che non esistono ancora. Anche il museo √® tuttora in allestimento, pieno di bacheche vuote e semivuote, e nonostante questo √® impressionante; ci sono migliaia di strumenti di ogni provenienza.

Magari si poteva organizzare diversamente – in pratica √® una esposizione per nazioni, anche se per loro il Kurdistan √® gi√† indipendente – e magari la selezione di cosa mostrare √® un po’ arbitraria; il sistema elettronico di visita – ti danno delle cuffie e quando ti avvicini a uno schermo parte la musica corrispondente – ha ancora dei bachi. Eppure la visita √® molto interessante, con gli strumenti tradizionali di tutto il mondo, e dimostra bene come la musica sia un linguaggio universale e insieme una esigenza primaria dell’uomo. Per il visitatore medio, il pezzo forte della visita √® il piano su cui Lennon scrisse Imagine. Per me, il momento migliore √® stato trovarmi in una sola bacheca un minimoog e un theremin; non solo, ma alla fine c’√® una sezione “hands on” in cui puoi anche provare a suonare il theremin… e, per chi ha studiato il piano, c’√® anche un grande Steinway a disposizione. Ma non mi sono osato!

divider

3 commenti a “Da vedere a Phoenix”

  1. Pippo:

    Vado a memoria ma un mio collega di qualche ditta fa, andò proprio a Phoenix per fare un corso su un software specialistico. Lo stupì i locali che mentre il docente spiegava continuavano a mangiare e bere. Lui era fumatore e chiese dove poteva comprare delle sigarette. Credeva gli indicassero un tabaccaio lì vicino e invece fecero parecchie miglia in auto fino a trovare un centro commerciale!

  2. for those...:

    cavolo, a me venne voglia di fare l’architetto solo vedendo le foto della casa sulla casacata. Figuriamoci vedere una sua opera dal vivo… invidia!
    (che poi non so disegnare manco una linea senza sbavare per cui non avrei mai potuto farlo, l’architetto)

  3. Anonimo codardo:

    Molto OT, ma almeno rimane. Repubblica Torino pubblica questo [0] delirio estivo di Musy riguardo alla possibilit√† di applicare una tassa per l’ingresso in citt√† sul modello di Oslo.

    Ora, perch√© non girare le eventuali risorse (se si adotter√† il balzello) direttamente al GTT per rinnovare mezzi e potenziare linee (e perch√© no, risparmiare qualcosa per la futura linea 2 del metro) ? Inoltre, spero che i risulterebbero totalmente esenti…

    [0] http://torino.repubblica.it/cronaca/2011/08/10/news/road_pricing_modello_olso_pu_fruttare_8_milioni_al_mese-20243483/

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2020 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike