Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Lun 25 - 20:21
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

Archivio per il giorno 3 Giugno 2006


sabato 3 Giugno 2006, 13:12

Brutti incontri a Caselle

Ieri mattina alle 5:30, a Caselle, con un amico, stavo aspettando l’aereo per Francoforte. Ci mettiamo in coda ai controlli di sicurezza, quando dietro di noi, cercando di non farsi troppo notare, arriva un tizio con una giacca blu e una maglietta gialla. E’ l’allenatore gobbo Fabio Capello, da noi granata ribattezzato “Fabio Pelodiculo” (in breve¬†PDC)¬†dopo¬†certe sue dichiarazioni caratterizzate da una discreta faccia tosta.

Accompagnato da due donne platinate, si mette in coda come gli altri, salvo buttarsi con uno scatto felino sul metal detector appena aperto, bruciando tutti quelli davanti a lui. Dopo il controllo, con aria soddisfatta per la coda risparmiata, lui e le signore prendono verso destra, mentre noi, subito dopo, prendiamo a sinistra verso il gate di Francoforte.

Ne deduco che sta andando a Roma o Napoli, ma mi sbaglio: dopo qualche minuto lo vediamo arrivare verso il nostro gate, meno soddisfatto di prima, arrancando con i bagagli delle signore;¬†forse aveva semplicemente sbagliato a leggere il gate sul biglietto…

Noi ci accodiamo per l’imbarco, e PDC resta l√¨ seduto, in attesa di entrare per ultimo e accomodarsi in business class. Notiamo per√≤ qualcosa di strano: oltre a un bagaglio a mano a testa, il signore ha un ulteriore bagaglio, che per√≤ ha l’etichetta che si mette ai bagagli inviati al check-in. Quella borsa non dovrebbe essere l√¨, n√® √® chiaro come ci sia potuta arrivare, in barba a tutte le regole e le sicurezze.

Difatti, una volta che ci siamo accomodati e tutti sono seduti e allacciati, lui sale e¬†la hostess tedesca, l’unica di¬†tutto l’aereo a non sapere chi sia quel tizio, lo guarda subito male: inizia una accesa discussione. L’aereo √® strapieno, anche a noi hanno fatto posare i bagagli a mano perch√® troppo pesanti: non si capisce davvero come si possa pensare di tenere una borsa extra, perdipi√Ļ imbarcata in modo irregolare. La hostess mostra a PDC l’etichetta, lui non √® convinto e protesta. Alla fine la hostess, d’autorit√†, prende la borsa ed esce dall’aereo, per farla mettere al suo posto, presumibilmente nella stiva.

PDC non si rassegna, evidentemente la prende come una¬†questione personale. Scuote la testa, va a parlare con le altre hostess, si affaccia persino alla cabina di pilotaggio, si lamenta. Alla fine esce dall’aereo (tenendoci tutti l√¨: difatti partiremo un po’ in ritardo). Ritorna dopo qualche minuto, con la borsa in mano, soddisfatto. Probabilmente, ci√≤ che non √® riuscito a ottenere dai tedeschi l’ha avuto senza problemi dagli italiani a terra.

Al solito, in Itala le regole sono uguali per tutti, ma c’√® chi √® pi√Ļ uguale degli altri. Specie se gobbo.

divider
 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2020 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike