Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Mer 30 - 12:13
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

Archivio per il giorno 12 Luglio 2006


mercoledì 12 Luglio 2006, 22:44

[[Backyard Babies – The Mess Age (How Could I Be So Wrong)]]

Insomma, questa è la settimana del Traffic, domani Manu Chao e Caparezza, dopodomani Franz Ferdinand, sabato gli Strokes, tutto gratis alla Pellerina. Ma io ho sentito questa canzone per caso, stamattina su Radio Flash, e mi è subito entrata come un coltello nel cervello.

Ho detto: ehi! Ma √® Alice Cooper! No, aspetta, sono gli AC/DC! No, invece, sono quattro svedesi sconosciuti ai pi√Ļ (anche se hanno suonato da poco all’Hiroshima, e per questo Flash li manda ancora) che per√≤ da vent’anni fanno del dannato hard rock’n’roll come si deve, come si faceva prima che November Rain ce lo facesse ammosciare a tutti.

Il resto del disco √® carino ma non troppo all’altezza, anche se √® tutto orecchiabile, con un buon tiro, diciamo del livello dei pi√Ļ pubblicizzati The Darkness. Ma questa canzone, oh signori, l’avrebbe potuta scrivere davvero Alice a fine anni ’80, e non avrebbe sfigurato nemmeno dentro Trash. D’altra parte, guardate un po’ come √® conciato il cantante nel video

divider
mercoledì 12 Luglio 2006, 20:37

Voglio tornar bambino

Finalmente abbiamo scoperto che cosa ha detto Materazzi a Zidane, almeno stando alla denuncia televisiva dello stesso giocatore ex gobbo. A far infuriare Zidane non √® stato un invito a trasferirsi all’Inter, ma “parole pi√Ļ dure di un pugno” rivolte “a mia mamma e a mia sorella”. Anche fosse vera la versione del Guardon, pardon del Guardian, secondo cui Materazzi si sarebbe vantato di attivit√† sessuali svolte con la madre di Zidane – la quale, peraltro, dichiara ai giornali di non averle gradite – viene da chiedersi: ma √® realistico pensare che un giocatore di trentaquattro anni, che ha giocato ai massimi livelli in tutto il mondo, venga sconvolto in questo modo da uno scambio di piacevolezze di quelli che accadono tutti i giorni, non solo sui campi di calcio di qualsiasi categoria, ma anche tra i guidatori ai semafori e nelle code all’ufficio postale?

Se davvero Zidane √® cos√¨ puerile da non capire che le provocazioni di Materazzi (peraltro noto e odiato da sempre, nell’ambiente, esattamente per questo genere di bastardaggini) vanno prese con filosofia, tanto sarebbe valso che si fosse messo direttamente a piangere chiamando la suddetta mamma.

Eppure, pare che Zidane non sia il solo a cui il calcio provoca la regressione a stadi infantili: nientepopodimenoche il direttore del Corriere della Sera, Paolo Mieli, si è presentato a un serissimo convegno a cui presenziavano Giuliano Amato e il francese Jean-Claude Trichet, direttore della Banca Centrale Europea, portando teneramente per mano proprio Materazzi, solo per sfottere il suddetto Trichet. Non mi è dato sapere come faccia Mieli a disporre in questo modo di quel bel ragazzone, ma, ad ogni modo, anche questo episodio non mi è sembrato il massimo della maturità.

divider
 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2020 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike