Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Gio 1 - 2:07
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

Archivio per il giorno 23 Luglio 2006


domenica 23 Luglio 2006, 21:10

Misteri stradali

Oggi sono andato a Prali, in val Germanasca, e ho percorso per la prima volta la nuova autostrada fino a Pinerolo e poi la nuova variante alla ex statale 23 attraverso la valle Ovina, da Porte a Perosa Argentina.

Sull’autostrada non ho niente da dire, ma la variante, che √® stata costruita dopo trent’anni di weekend a passo d’uomo e di proteste dei paesi d’origine dell’Avvocato, mi ha lasciato molto perplesso: √® una nuova strada a una corsia per senso di marcia, con un certo numero di viadotti e gallerie, ma su cui ovviamente il traffico viaggia ugualmente a passo d’uomo; anzi, almeno sulla vecchia statale ogni tanto si poteva superare, mentre sulla nuova il sorpasso √® rigorosamente vietato; in pi√Ļ, ogni paio di chilometri c’√® una rotonda prima della quale si formano regolarmente da cinquanta a cinquecento metri di coda.

Allora mi chiedo: qual √® il senso di aspettare trent’anni e di spendere millanta milioni di euro, per spostare la coda di cento metri in linea d’aria? Probabilmente ci saranno meno macchine sfreccianti che disturbano il sonno dell’Avvocato nel cimitero di Villar Perosa, ma per chi da Torino va a Sestriere o negli altri paesi di quelle vallate non √® cambiato sostanzialmente nulla, anzi la situazione √® un po’ peggiorata.

P.S. Ne approfitto per ringraziare il signore con una utilitaria che al ritorno si √® piazzato sulla corsia di sinistra dell’autostrada a 130 all’ora e non si √® spostato per almeno cinque chilometri. Vero, il traffico sulla corsia di destra era intenso, ma c’erano parecchie occasioni per rientrare; e dietro di lui si √® formata subito una fila di almeno una ventina di auto e moto che attendevano di passarlo, cercando continuamente di segnalare con frecce, spostamenti, clacson e tutti gli altri strumenti utili allo scopo, e allo stesso tempo di evitare il tamponamento dovuto al continuo accelerare, avvicinarsi, rallentare per non centrarlo, spostarsi a destra e a sinistra per farsi vedere e cos√¨ via.

Dopo il primo chilometro di fisarmonica e mancati tamponamenti, e dopo aver tentato in ogni modo un sorpasso regolare, un motociclista lo ha passato a destra e si √® girato a mandarlo affanculo; l’auto successiva, quando finalmente si √® spostato, ha abbassato il finestrino e gli ha fatto il dito medio sfrecciando a 160; quello subito dietro ero io, che dopo il quarto chilometro di tappo e di tensione mi ero spostato un po’ verso il centro, in modo che mi vedesse bene negli specchietti, e avevo attaccato direttamente a lampeggiare con gli abbaglianti.

Spero almeno che fosse solo uno stordito, e non lo facesse apposta, visto il rischio tremendo di incidente di massa in autostrada a cui siamo stati esposti per tutti quei chilometri.

divider
domenica 23 Luglio 2006, 10:46

Montagne

Sono a casa per un attimo tra una montagna e l’altra: scendo da casa mia in val d’Aosta, e vado su a Prali per uno spettacolo teatrale in cima ai Tredici Laghi, di cui spero vi sapr√≤ dir bene.

Effettivamente la citt√† √® intollerabile in questo weekend: quaranta gradi, e quaranta chilometri di auto ferme nell’altra direzione sulla Torino-Aosta. In compenso, √® come sempre meraviglioso fare all’ingi√Ļ gli incredibili tornanti che scendono dal colle di Joux verso Saint Vincent, di mattina presto, con niente e nessuno in vista se non lo spettacolo mozzafiato di cinquanta chilometri di valle, un buco in mezzo alle montagne coperte di boschi; qualche mucca e qualche vecchia casa di pietra, l’aria fresca nel sole indisturbato, la macchina che corre e tira le curve come un’emozione, e la radio che spara a commento un pezzo da uno dei migliori dischi dell’ultimo paio d’anni (promesso, questa settimana lo metto sul blog): “Got to ask yourself the question, where are you now?”.

divider
 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2020 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike