Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Mer 16 - 6:53
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

Archivio per il giorno 22 Ottobre 2006


domenica 22 Ottobre 2006, 15:03

Psicopatologia del processo al SUV

Separatamente, però, vorrei spendere due parole anche per quelli che vivono la caccia al SUV come una battaglia di giustizia sociale.

Lo spunto me l’ha dato la puntata di Ballarò di martedì, dove un sindacalista della corporazione dei pubblici dipendenti si è messo a gridare come se fosse uno scandalo: “Le auto di lusso in Italia sono aumentate in un anno del 12%!” E a me è successa una cosa terribile, ossia di essere per la prima e spero ultima volta nella mia vita completamente d’accordo con Ignazio La Russa, e con la risposta che gli ha dato.

Il punto è che non si capisce perchè possedere un’auto di lusso debba essere una colpa in sè. Perchè se quell’auto è stata comprata con i soldi ottenuti evadendo le tasse, allora è ovvio che chi la guida si merita la riprovazione sociale, e la punizione della legge. Ma se è stata comprata con i soldi guadagnati con un normale mestiere, sia pure di quelli redditizi, una volta pagate le opportune tasse (che, come dicevo l’altro giorno, auspico estremamente salate), dove sta il problema? Anzi, dovremmo essere contenti se i consumi ripartono, e se tante persone in Italia possono permettersi qualcosa che prima non potevano comprare: è un segno che il Paese sta meglio di prima.

E invece, ci sono ancora in Italia troppe persone, specialmente nel sindacato e nella sinistra neoconservatrice alla Bertinotti, per cui la ricchezza è una colpa in sè. Più precisamente, la sensazione che danno queste persone è di una invidia infinita, l’invidia del mediocre e del pigro nei confronti di chi è capace e lavora duro, e grazie a queste due cose ha successo. E’ il solito meccanismo al ribasso per cui diventa una colpa non adeguarsi al fancazzismo naturale dell’italiano medio, che ha la propria apoteosi in quella consistente quota di lavoratori dipendenti intoccabili che vanno in ufficio solo a scaldare la sedia e a scaricare il proprio lavoro sui colleghi; e anzi quelli che si sbattono, creando ricchezza per sè e per gli altri, diventano “i ricchi” da “far piangere”, come dice nei suoi manifesti un partito dell’attuale governo.

Io spero che questo genere di mentalità possa infine sparire, perchè se così non sarà, una volta che tutti gli imprenditori italiani, stufi di pagare tasse crescenti per mantenere spese pubbliche insensate e fannulloni invidiosi, avranno spostato la produzione in Cina e la sede legale in Olanda, a piangere saranno i lavoratori dipendenti e precari. Compresi quelli che invece si sbattono per stipendi da fame.

divider
domenica 22 Ottobre 2006, 12:31

Ave, IE!

Stamattina, per totale caso, avevo acceso il mio PC Windows (ne ho uno, l’ho comprato un anno e mezzo fa per giocare a World of Warcraft e da quando ho smesso lo uso pochissimo). E così, ho provato ad aprire questo blog con Internet Explorer e… orrore! Succedeva di tutto: in particolare, nella pagina del singolo post l’intero articolo, invece di infilarsi tra il riquadro di sinistra e la colonna di destra, andava a finire in fondo, ben oltre la piega della pagina!

Così ho passato la mattinata a litigare con i fogli di stile; ora persino il pistinissimo validatore del W3C non trova nulla di cui lamentarsi, se non la scomparsa delle mezze stagioni; e anche su IE6 la visione dovrebbe essere a posto, se si eccettua il fatto che Internet Explorer ha di default dei caratteri enormi… ma quelle sono configurazioni a vostro piacimento.

Insisto a consigliare di installare e utilizzare Mozilla Firefox, che è un browser nettamente migliore. Allo stesso tempo, se qualche anima pia avesse Internet Explorer 7, potrebbe fare una prova? Più in generale… ecco, mi ero insospettito quando qualche giorno fa qualcuno si era riferito al mio blog come “quello con la pagina tutta bianca”, ma, se notate qualche problema di impaginazione col vostro browser, potreste segnalarmelo prontamente? Grazie!

divider
 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2019 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike