Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Lun 9 - 13:16
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
domenica 15 Luglio 2007, 09:18

Traffic, day 4

Come pu√≤ cominciare la serata del pi√Ļ atteso concerto dell’estate cittadina (a parte il giapponese a nastro all you can eat)? Beh, √® facile; percorrendo via Lessona gi√† in ritardo in mezzo al traffico, cercando di azzeccare un parcheggio impossibile – le auto gi√† sin sui marciapiedi, alla milanese – e poi spaventarsi vedendo piombare da una via laterale una macchinina rossa a tutta velocit√†; la macchinina rossa inchioda proprio sul bordo della via, io mi giro per mandare affanculo il guidatore, e… ehi, √® Fabbrone! Pensate che figo sarebbe stato inaugurare il concerto con un CID tra blogger torinesi: in tutta la blogosfera cittadina non si sarebbe parlato d’altro, men che meno del concerto.

Comunque, sono le dieci passate quando, con un colpo di genio, mollo la macchina nel parcheggio del Pam di via Crevacuore, lasciato incautamente incustodito, e a cui pochi avevano pensato; cos√¨ arriviamo relativamente in fretta alla Pellerina, dove per√≤ il concerto di Battiato √® gi√† iniziato. Non √® un problema aver perso i gruppi di supporto, ossia un paio di carneadi (per quanto Ivan Segreto sia passato abbastanza spesso sulle radio) e i Subsonica; certo che non potr√≤ il mattino dopo dire “mi’ raga, visto che fighi i Subsonica l’altra sera?”. Per√≤ mi spiace perdere il Maestro, e allora ci infiliamo nella folla strabordante, un muro che comincia gi√† duecento metri prima dell’ingresso nel vascone della Pellerina; tanto che entro cinque secondi perdiamo i nostri amici.

Finiamo cos√¨ a vedere il concerto circa sulla luna, tipo a ottanta metri dal maxischermo che sta dietro il mixer a cinquanta metri dal palco. Sar√† anche per questo, sar√† perch√® a quella distanza Battiato √® un puntino e la gente intorno √® pi√Ļ che altro intenta al coma etilico o a dirsi quanto erano fighi i Subsonica, ma il concerto stenta a decollare.

Battiato fa i pezzi degli ultimi dischi, che a me piacciono molto, ma certo non sono materiale di massa; in pi√Ļ, li vuol rifare uguali come nel disco, il che vuol dire che suona con le basi. Il palco √® astronautico, la batteria chiusa in una galera di plexiglass perch√® non disturbi i mille microfoni attorno, e poi tonnellate di strumentisti, compreso un quartetto d’archi, una seconda batteria elettronica, manciate di chitarristi e di accompagnatori, pile di tastiere, e almeno due portatili, di cui uno √® un iBook identico al mio. I problemi sono due: il primo √® che il Maestro, soverchiato da tanta complessit√†, fa fatica a capire e spesso attacca a cantare fuori tempo; il secondo √® che, a forza di sentir sovraincisioni e vocine che emergono dal vuoto, non √® chiaro in che misura io stia davvero vedendo un concerto, e quanto invece un playback alla Top of the Pops.

L’unico episodio degno di nota in una prima mezz’ora raffinata ma fredda – a parte la cover di Ruby Tuesday – √® l’ingresso sul palco di Sgalambro, che si esibisce nientepopodimenoch√© nella Canzone della galassia; peccato che sia tradotta maluccio e cantata peggio, perch√© la trovata √® comunque eccellente. Ah, e poi Battiato cerca di mettere in evidenza una delle sue band di sostegno – le MAB, un quartetto di donne che si lavano poco i capelli – facendogli suonare un loro pezzo; e queste attaccano una roba che poteva stare tranquillamente in Powerslave nel 1984. Ok, a me gli Iron Maiden piacciono, e la cantante √® effettivamente potente di voce come Bruce Dickinson, carica di energia come Bruce Dickinson, e sexy come Bruce Dickinson; per√≤ non so se fare heavy metal venticinque anni in ritardo sia una grande idea. Complimenti per√≤ per la grinta.

Comunque, dopo un po’, finalmente succede il miracolo: Battiato attacca una Tra sesso e castit√† che rapisce, e fa seguire al doloroso pensante Chiss√† com’√® la tua vita oggi / Chiss√† perch√© avr√≤ abdicato la scena magnifica di un temporale di luci nel tratto tempestoso del pezzo. Subito dopo, insieme a un buon terzo dei centomila presenti (gli altri erano l√¨ essenzialmente per il casino), canta La cura, e a me viene per la prima volta lo strano pensiero che sia una canzone da dedicare a se stessi; ad ogni modo, √® una canzone talmente perfetta che completa i dieci minuti che valgono la serata.

Di l√¨ a poco, peraltro, anche il Maestro si scioglie, e attacca con i classici che accontentano la folla: Voglio vederti danzare e Cuccurucucu; poi la fine teorica; e poi, come bis, L’era del cinghiale bianco e Centro di gravit√† permanente. Cosa volere di pi√Ļ? Beh, praticamente tutti i brani del periodo 1979-1983, ma non sottilizziamo.

E’ mezzanotte, quindi √® finita? No, perch√© c’√® la sorpresa finale; quando Battiato termina i bis, attacca un terribile martellamento di cassa, e dopo tre minuti salgono sul palco loro: i Subsonica! I Take That sabaudi attaccano subito una lagna mortale, in pratica cinque minuti di tastierone effetto seta con sopra Samuel che miagola frasi ad effetto. Poi continuano con Disco Labirinto, che almeno √® un gran pezzo; penso che l’abbiano scelto perch√® √® in sette, per non sfigurare. Il problema √® che i Subsonica, messi su un palco dopo Battiato, sembrano finti, finti come musicisti, finti come autori e finti come persone; √® come se dopo aver mangiato un gran tagliere di formaggi italiani ti mettessero sul piatto una bella confezione colorata e accattivante, per√≤ piena di sottilette. Samuel, per ribadire la propria figaggine, scende dal palco per gridare “Su ‘ste maniiiiii!!!” – e quello lo grida bene, quasi come Toni C. in curva Maratona – e poi, tornando su a favor di camera, spara uno sputazzo olimpico in primo piano. Ma si pu√≤?

La cosa peggiora ancora, perch√® trascinano sul palco Battiato e, in suo onore, “suonano” Up patriots to arms. La suonano come… ecco, avete presente quando siete in sala da tre ore, e mancano cinque minuti, e avete esaurito i pezzi, e allora qualcuno dice “dai, improvvisiamo, proviamo a suonare X”, dove X √® un pezzo molto famoso di un’altra band, che per√≤ non tutti si ricordano e quindi lo si suona un po’ a orecchio, come viene? Ecco, questa √® l’impressione che mi ha dato la versione dei Subsonica di Up patriots to arms (anche se, intendiamoci, non dubito che loro l’abbiano coscienziosamente preparata per una settimana; e a pensarci bene forse questo aggrava le cose). In pi√Ļ, hanno scelto proprio il pezzo in cui Battiato si lamenta della vacuit√† della musica commerciale moderna; forse pensavano di essere autoironici, o forse non l’hanno proprio capito; fatto sta che Battiato, canticchiando Non √® colpa mia se esistono spettacoli con fumi e raggi laser / se le pedane sono piene di scemi che si muovono, guarda il tarantolato Samuel e si trattiene a stento dal ridere.

Sarebbe finita qui, se non fosse per le scene da panico per andar via, dovute alla bella idea di aver ristretto a un budello di due metri, a forza di stand e bancarelle, la principale via d’uscita per centomila persone. Certo che organizzativamente ‘sto Traffic fa proprio schifo; l’annunciatrice giuliva urla che si sono superate le duecentomila presenze in quattro giorni (stima effettuata col Bracciomatic), e tu pensi che invece di considerarti uno spettatore un tanto al chilo per il comunicato stampa finale, forse dovrebbero avere un minimo di rispetto per te e per gli artisti, e organizzare il tutto in modo che la musica si senta, il pubblico ci veda, e nessuno rischi di essere calpestato. Anche costasse dieci euro l’ingresso.

divider

18 commenti a “Traffic, day 4”

  1. Fabrizio:

    Potevi chiamarmi, per farmi perdedonare ti avrei fatto parcheggiare ;-)

  2. vb:

    Ma non √® stato grave, solo buffo…

  3. Lobo:

    Just remember that you’re standing on a planet that’s evolving…

    Fede

  4. AndreaC:

    “I Take That sabaudi attaccano subito una lagna mortale, in pratica cinque minuti di tastierone effetto seta con sopra Samuel che miagola frasi ad effetto.”

    Era “Fetus” di F. Battiato :)

  5. vb:

    Sempre lagna mortale era, almeno nella loro interpretazione…

  6. AndreaC:

    …e devi sentire la pallossissima versione di Battiato! :)

  7. MCP:

    Tsk, ‘sti giovani d’oggi che si annoiano dopo pochi minuti di Fetus! Se attaccava L’Egitto prima delle sabbie che facevate? :P

  8. Mir:

    Ma no ma no, non stropicciarmi i Subsonica cosi’, che’ anche se son dei zamurroni li aveva notati all’inizio la nientepopo’dimenoche Antonella Ruggero.
    E poi quante sudate che ci ho fatto in discoteche insospettabili come l’Hiroshima o il Cafe Blue il venerdi
    stretti stretti a ballare anche i Red Hot Chili Peppers, in mezzo a donne sbracate e etiliste il giusto! Un groviglio umano sudato caldo e palpitante. Su, su, coltiviamo un po’ il minotauro ch’e’ in ognuno di noi.
    Poi, comunque, sul fatto che quest anno l’abbiano organizzato male son daccordo. Compresi i venditori ambulanti di birre con tanto di compressorino portatile che affumicavano la platea e venivano mandati a cagare un minuto si e uno no! PRICELESS!
    Comunque (cronaca zarra), quando han terminato Up Patriots to arms ho pensato “Ale’, ora il Gran Vecchio si ritira, e noi ci si sbraca..” Macche’! L’annunciatrice giuliva “Grazie per essere stati qui e la serata continua ai Murazzi..”. E ho sentito una carica di vaffanculo, e poi.. via, tutti nel budello delle bancarelle : 2007, Fuga dal Traffic Turin Festival!

  9. Mike:

    Io c’ero… essendo arrivato prima delle nove mi son visto anche il concerto di Antony and The Johnsons. Che non erano malaccio. In ogni caso i Subsonica non han suonato prima di Battiato, ma han fatto solo quella parte di bis “estesi”.
    Per i commenti su Fetus… quando era uscito il disco era il 1972 e Battiato lo aveva usato per cambiare completamente genere musicale e spiazzare la critica musicale, con l’uso massiccio di elettronica e tastiere.

    Per le MAB, caruccie… ma se fanno il metal di 25 anni fa che c’e` di male? Anche i Metallica fan lo stesso…

    Per l’organizzazione… beh, lasciamo perdere… anche io mi son trovato bloccato all’uscita, e non e` stata una bella senzazione.

    Per poi quel che riguarda i venditori di birre con puzzolente generatore… ma non gli costava di meno una bella batteria deep charge da 100 Ah?

  10. giaggio:

    i carrozzoni degli schifosi dai panini puzzolenti sono una maledizione per l’organizzazione di traffic, anche perch√© vendono il vetro che provoca problemi una volta calpestato. Sono in realt√† una questone di ordine pubblico mal gestita dai vigili urbai Il Traffic quest’anno ha ricevuto il plauso organizzativo da parte di tutte le produzioni straniere, per efficienza organizzativa. Ed √® responsabile dell’area. nessuno si aspettava 70.000 persone per la serata di battiato, che si √® svolta senza problemi. p.s Fetus √® un gran pezzo, per intenditori veri. Come i subsonica.

  11. vb:

    Giaggio: Pensa che fino alle ultime tre parole pensavo fossi serio…

    Comunque io non mi riferivo ai carrozzoni dei panini, ma agli stand che stavano tra la vasca e la piscina, e alle bancarelle che stavano dietro la piscina verso l’uscita principale di corso Appio Claudio. L√¨, a fronte di 50-100.000 persone, √® gi√† stretto di suo – non dovrebbe esserci proprio un bel niente.

    Per quanto riguarda l’organizzazione, almeno potrebbe evitare gli insopportabili venditori di birre con compressore nel mezzo della vasca, che coprono la musica…

  12. elena:

    Non √® che ci volesse una gran fantasia ad immaginarsi settantamila persone la serata finale di battiato in un concerto estivo gratuito. Eppure se quelli dell’organizzazione sono cos√¨ contenti del loro lavoro cos√¨ unanimemente applaudito e cos√¨ allergici alle critiche, beh, che se la godano, soddisfatti come sembrano e sicuri che non sia migliorabile. Alla fine del concerto ho visto persone entusiaste di venire schiacciate tra la massa e le bancarelle, quindi perch√® lamentarsi?
    Per i subsonica, beh, mi limito a tacere nel coro di laudeamus, del resto non ho pretese di essere un’intenditrice… Sui compressori deambulanti non solo sono assordantemente rumorosi, ma pure sufficientemente pericolosi, ma evidentemente gli omini (o i loro datori di lavoro) sono abbondantemente coperti da assicurazione, vero?

  13. giaggio:

    dicevo che avendoci lavorato da faticatore conosco un po’ le cose e il traffic √® responsabile solo della vasca. la commissione ha preteso il restringimento area con transenne , a mio avviso pi√Ļ pericolose che altro. tutti i carrozzoni e gli stand fuori dalla vasca sono puro spontaneismo, che i vigili urbani hanno (√® uno scandalo) problemi a contenere. Agli orgnanizzatori del festival che dallo scorso anno hanno impedito con blocchi di cemeno l’accesso dei camion bancarelle all’area sono pervenute minaccie di morte tramite svariati oggetti da taglio. I tip in questione non sono proprio modelli di una pubblicit√† del bagnoschiuma e agiscono nella pura illegalit√†, attraverso cavilli di vario genere. Per quanto riguarda i bar in area, magari qualcuno √® anche contento di potersi godere una bibita dopo 4 ore di concerti. L’unica cosa possibile data la crescita della manifestazione(da quest’anno la prima in italia) sarebbe cambiare il luogo. ma dove?

  14. vb:

    Il problema non sono gli stand della birra ufficiali, anche se forse – dal lato piscina – si potrebbero mettere un po’ meno in mezzo al passaggio; il problema maggiore √® che bisognerebbe riuscire a evitare l’ingresso in vasca dei venditori ambulanti con compressore, che disturbano davvero. In teoria ci sono solo un paio di ingressi, anche se capisco che ci si intrufoli.

    I paninari in realt√† non hanno dato fastidio, ma le bancarelle sono invece un serissimo problema di ordine pubblico, messe dove erano; oltretutto a un certo punto sono state quasi rovesciate dalla folla che tracimava, con conseguenti litigi tra i gerenti e i passanti…

    Sull’altro posto, ma l’arena rock davanti alla Continassa che la costruiscono a fare? Capisco che il parco sia suggestivo, per√≤ oltre le ventimila persone secondo me √® insostenibile. Oppure, un parco meno angusto e pi√Ļ prativo, come la Colletta o come la stessa Pellerina dall’altro lato della Dora.

  15. giaggio:

    la colletta ha qualche cazzo di pennuto protetto che gli ambientalisti non vogliono turbare con i db. e l’area pellerina in quel punto forma un anfiteatro naturale, che degrada verso il palco. comunque s le cifre retano quelle almeno i baacconi ambulanti dovrebbero farli sparire. concordo.

  16. MCP:

    Satvo giusto guardando i video del Traffic su Youtube… non me lo credevo che lo zio Franco riuscisse ancora a convincere 70mila a urlare in coro Sveglia Kundalini!

  17. paolo:

    Ho visto il concerto di Battiato ieri sera a Vicenza e non son d’accordo su come hai trattato con aria di spocchiosa superiorit√† le MAB… secondo me hanno uno stile molto particolare e non capisco perch√® non si possa suonare heavy metal nel 2007… mah! Inoltre penso che Battiato sia da lodare per come ha dato fiducia a queste ragazze, dimostrando di essere uno sperimentatore incallito e di non fossilizzarsi mai! Sarebbe stato facile vivere di rendita riproponendo sempre gli stessi arrangiamenti invece magari rischiando di essere criticato preferisce sperimentare nuove soluzioni sonore e affiancare ai suoi vecchi collaboratori dei giovani talenti… BRAVO!

  18. giaggio:

    you su you tube mi sono goduto il maestro che accennna divertitissimo passetti di danza sui pezzi dei subs.

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2019 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike