Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Ven 1 - 10:21
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
lunedì 22 Ottobre 2007, 10:00

Ho scritto al ministro

Parliamo sempre della cosiddetta “internet tax” – anche se il termine non mi piace, perch√© il problema non √® tanto quello economico, quanto quello delle barriere all’ingresso per chi vuole esprimere in rete le proprie opinioni, insomma della possibile restrizione e controllo dell’espressione online.

Stamattina ho letto il post al riguardo del ministro Gentiloni – persona con cui ho anche avuto modo di chiacchierare cinque minuti, al WSIS di Tunisi, e mi aveva anche fatto una buona impressione – in cui si scusa e dice che lui non aveva letto la legge prima di approvarla, il che conferma la mia interpretazione di venerd√¨. Anche io ho pensato che non si pu√≤ approvare una legge di riforma dell’editoria (mica un decreto sul diametro delle banane) senza leggerla in dettaglio, ma sorvoliamo.

Però, ho notato che il ministro ha sul suo blog una form per scrivergli. E così, ho pensato di vedere se è solo per bellezza; e gli ho lasciato un gentile messaggio, suggerendo che forse è il caso che prima di legiferare sulla rete ne parlino con qualcuno che ne capisce, partendo dagli esperti che hanno già in casa (e non intendo certo questi), e magari mettendo in piedi una bella consultazione aperta a tutti via Web.

Sarebbe bello se si scoprisse che il sito del ministro √® come quello di tutti noi, cio√® non soltanto una vetrina ma anche un modo per essere contattati. Comunque, scrivere gentilmente ai politici in questione mi sembra pi√Ļ produttivo che continuare a dirci tra noi quanto siamo incavolati, o riempire di insulti i commenti sui loro blog.
[tags]internet tax, gentiloni, riforma dell’editoria[/tags]

divider

6 commenti a “Ho scritto al ministro”

  1. Attila:

    Guarda che anche il diametro delle banane pu√≤ diventare una questione fondamentale per la sopravvivenza del Governo Prodi…

  2. Patroclo:

    Fosse un impiegato di qualche ufficio privato lo avrebbero già licenziato.
    Gentiloni √® indubbiamente meglio del suo predecessore ma suuuuu, come fa un ministro a non leggere le leggi che approva. Paradossalmente parlando; potrebbero anche mettergli sotto al naso in Consiglio dei Ministri una proposta di legge per un golpe e lui l’ approverebbe?
    Tanto non le legge.
    Io credo che nemmeno gli altri l’ abbiano letta perch√® sono quasi (e ripeto quasi) convinto che se gente tipo la Bonino o Ferrero l’ avessero letta non avrebbero approvato. Credo…perch√® ormai tutto √® possibile.

  3. vb:

    Chiunque sia stato membro di un CdA di una grande azienda o di un consiglio elettivo di un ente pubblico di medie dimensioni sa che non √® materialmente possibile leggere tutto ci√≤ che arriva per l’approvazione; ci si deve fidare dello staff e del briefing che esso fornisce. Ci√≤ nondimeno, √® dovere di ogni buon membro del consiglio di fare le domande giuste, ossia di individuare al volo le questioni potenzialmente controverse e di chiedere tutti i chiarimenti necessari finch√© non √® soddisfatto e convinto.

    In altre parole, non mi scandalizza il fatto che il Consiglio dei Ministri non legga tutto ci√≤ che deve approvare, ma mi scandalizza che nessuno dei ministri abbia considerato la riforma dell’editoria sufficientemente importante da chiedere a chiunque abbia istruito il provvedimento di fornire un riassunto dei punti principali, in modo da accorgersi di potenziali problemi.

  4. .mau.:

    vb, post: Sarebbe bello se si scoprisse che il sito del ministro è come quello di tutti noi, cioè non soltanto una vetrina ma anche un modo per essere contattati.

    vb, commento: Chiunque sia stato membro di un CdA di una grande azienda o di un consiglio elettivo di un ente pubblico di medie dimensioni sa che non è materialmente possibile leggere tutto ciò che arriva per l’approvazione

    c’√® una simpatica contraddizione.

    (s√¨, lo so che si pu√≤ immaginare che ci sia qualche galoppino pagato per fare la cernita dei messaggi arrivati al blog e presentare al ministro quei pochi sensati. L’immaginazione √® una gran cosa)

  5. Elojsa:

    Tra desideri e realt√† c’√® sempre contraddizione, purtroppo.

  6. vb:

    Mi sembra che un ministro che si apre un sito non possa che mettere nel conto il galoppino, no? Tra l’altro glielo paghiamo noi cittadini…

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2023 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike