Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Gio 22 - 5:10
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

Archivio per il giorno 28 Dicembre 2008


domenica 28 Dicembre 2008, 10:38

I cantieri anticrisi

Anche oggi sul giornale cittadino c’√® un articolo cementizio: sotto il titolo propagandistico, “Via ai cantieri anticrisi”, si esalta il nuovo piano di far buttare gi√Ļ a privati tutta la vecchia zona industriale compresa tra via Monginevro, via Caraglio, via Lancia e via Issiglio, con la ristrutturazione in appartamenti del grattacielo Lancia e la costruzione di due “torri di 17-18 metri”.

Dico anche, perch√© ce n’era un altro solo cinque giorni fa, che raccontava dell’imminente costruzione di un “torrino” di 24 metri in pieno centro, addirittura su richiesta della Soprintendenza alle Belle Arti, che stando al giornale troverebbe importante preservare l’architettura storica del nostro centro costruendoci un nuovo palazzo di otto piani.

Se √® veramente cos√¨, attendiamo gli esiti del test del palloncino per il soprintendente; ma perch√© tutta questa insistenza sulle mille nuove torri di Torino? Che poi, se leggete con attenzione, le due nuove “torri di 17-18 metri” dell’area ex Lancia sarebbero due normalissimi palazzi di sei piani, alti come quelli che esistono l√¨ intorno da quarant’anni, o anche di meno. Tuttavia, proprio in queste settimane stanno iniziando i lavori per il famigerato grattacielo Intesa-Sanpaolo di Porta Susa, osteggiato dai due terzi dei torinesi e disperatamente voluto da Chiamparino, sia per amicizia con i vertici della banca (almeno prima che cacciassero gli ultimi manager ex Sanpaolo e che la banca diventasse totalmente milanese), sia per l’urgenza di incassare trenta milioni di euro di oneri di urbanizzazione, altrimenti il Comune rischiava di non avere i soldi per pagare gli stipendi. E allora, bisogna far sembrare a tutti i costi che costruire “torri” sia una cosa giusta, bella, talmente positiva che non pu√≤ mancare in alcuna nuova speculazione edilizia, in centro o in periferia che sia.

Il resto dell’articolo de La Stampa √® pubblicit√† sfacciata per il palazzinaro di turno (non so chi sia, se sia la solita De-Ga o altri dei vari giri torinesi): l’area viene presentata come “all’angolo dei corsi Trapani e Rosselli” (cio√® davanti al parco e vicina alle Gru e alle tangenziali) quando in realt√† √® chiusa dentro le strette vie del quartiere; e si prospetta il solito fantastico scenario dell’area “tutta pedonale” che porta a piedi fino nel parco, che poi diventa “tutta pedonale tranne le strade perimetrali”, e trattandosi di un singolo isolato ci si chiede perch√© avrebbe dovuto essere diversamente.

Insomma, lo spottone prevede la creazione nell’immaginario collettivo dell’idea di un’area ampia, piena di verde, libera dalle costrizioni cittadine, anche quando poi, come succede a chi ci ha creduto e ha comprato le case sulla Spina 3 (via Livornocorso Mortara), i servizi latitano, il presunto parco si rivela una landa desolata piena zeppa di rifiuti industriali cancerogeni, e bisogna costituirsi in comitato e protestare per lustri per ottenere che costruttori e Comune facciano almeno in parte quanto promesso.

Ma questo che importa? La Stampa conclude l’articolo con l’esaltazione del cemento, con una girandola di aree industriali trasformate in palazzine, naturalmente per il bene di tutti e “contro la crisi”. In realt√†, non √® chiaro chi mai comprer√† tutti questi appartamenti – nelle zone della Spina 3, per esempio, moltissimi sono ancora invenduti – n√© quale sar√† il risultato tra venti o cinquant’anni della cementificazione di ogni residuo angolo non densamente abitato di Torino; n√© se davvero, nel lungo termine, tale cementificazione contribuir√† ad alleviare la crisi economica, o piuttosto la incrementer√†, creando nuovi problemi di traffico, di inquinamento, di urbanistica, di malattie – problemi che hanno un costo non trascurabile – e nel frattempo riducendo la bellezza e la vivibilit√† della citt√† e diminuendone l’attrattivit√†.

Qui, l’unica crisi che si vuole evitare √® quella delle casse di Chiamparino, e del giro di amici dei salotti bene che con quelle casse ci vive. Nella testa di una giunta comunale che un mese fa pensava di vendere la Mole per far cassa, la frase chiave dell’articolo √® una sola: il Comune “si aspetta di incassare altri 3-4 milioni in contanti tra oneri di urbanizzazione rimanenti e oneri sul costo di costruzione. Denaro che, almeno in parte, il Comune ha chiesto di poter incassare al pi√Ļ presto.”. L’importante √® nascondere il buco, i tre miliardi di debito; riuscire a tamponarli alla bell’e meglio ancora per un paio d’anni, fino al 2011, quando ci saranno nuove elezioni e un altro sindaco. Chiamparino, si sa, andr√† a Roma; dopo di questo, che i torinesi se la vedano loro.

divider
 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2020 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike