Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Mar 17 - 19:51
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
venerdì 23 Gennaio 2009, 12:27

Cinici e cinesi

Hanno suscitato un certo scalpore, in giro per il mondo, le immagini del processo agli industriali caseari cinesi responsabili dello scandalo del latte alla melammina, conclusosi ieri con due condanne a morte, una terza tramutata in ergastolo, e altre pene esemplari:

(potete anche leggere una selezione delle fonti italiane, di cui naturalmente una parte parla di latte alla melamina e la grande maggioranza di latte alla melanina).

Le immagini che hanno fatto scalpore, però, non sono quelle della condanna, ma di ciò che accadeva fuori: i genitori dei bambini colpiti che protestavano con cartelli davanti al tribunale. In termini cinesi, la loro era una protesta durissima: stavano fermi lì, organizzati in forma quasi regolare, sorreggendo dei cartelli nel modo più ordinato possibile (tenere i cartelli ad altezze diverse e non allineati sarebbe una mancanza di simmetria e di ordine, istintivamente repulsiva per un gruppo di cinesi). Per gli standard cinesi, è un evento: naturalmente è impensabile che questi marcino per le strade (perdipiù non irreggimentati a passo da militari) o gridino slogan ad alta voce, come sono abituati a fare i licenziosi occidentali; ma l’esistenza stessa di una protesta, nonché il fatto che venga ripresa dalle telecamere, è molto significativa.

E’ probabile che questa protesta sia stata permessa perché bisogna mostrare agli occidentali che la Cina prende lo scandalo del latte sul serio, e fa di tutto perché non si ripeta mai più. Comunque, resta un evento; un indizio che la Cina, piano piano, si sta occidentalizzando o che perlomeno sente la pressione del mondo in tal senso.

A questo proposito, siete liberi di scegliere se preferite un paese dove uno che coscientemente inquina il latte in polvere invalidando e uccidendo decine di bambini viene messo a morte, o un paese dove uno del genere sarebbe condannato a massimo una decina di anni di carcere, scontati di un terzo per il patteggiamento, poi beneficerebbe di una buonuscita, di un indultino e di ulteriori sconti per buona condotta, e dopo pochi anni sarebbe fuori; un paese dove, anche se a forza di fiato sul collo, le telecamere riprendono una protesta, o un paese dove (visto ieri sera zappando al TG1) nominano come gestore supremo dei musei nazionali l’ex grande capo di McDonald’s Italia, dopodiché gli danno tre minuti nel momento di massimo ascolto sul principale telegiornale pubblico per dire quanto sarà bella la managerialità applicata ai beni culturali, senza contraddittorio e con un giornalista che invece di fare domande chiosa tra l’una e l’altra, ad esempio così: “Ricordiamo ai nostri telespettatori che in Spagna il museo Guggenheim è la prima industria della città” (si è dimenticato di dire quale città, ma ai fini dell’indottrinamento è irrilevante).

Io, personalmente, preferirei una via di mezzo; ma il confronto è sufficiente per trovare il trattamento che i media italiani riservano alla Cina magari anche giustificato, ma soprattutto cinico.

divider

4 commenti a “Cinici e cinesi”

  1. Tizio:

    Rimanendo attinenti al tema delle sofisticazioni alimentari, da noi non fanno neanche più notizia, anche se qualche tempo fa vi fu il grande scandalo del vino al metanolo (qualcuno se lo ricorda?): il maggior colpevole di aver causato 19 morti nonchè la cecità di 22 ignari consumatori (che bevvero l’intruglio attratti dal basso costo) scontò “solo” 14 anni di pena.
    I controlli sulle frodi alimentari scarseggiano e noi felici pensiamo che lo slow food risolva tutti i problemi.

  2. Piero:

    Bisognerebbe chiedersi perché si arriva al punto di alterare e sofisticare gli alimenti. Ma anche chiedersi perché si arriva al punto di inquinare allegramente. Non c’è molta differenza, dal mio punto di vista, tra chi inquina l’aria e l’acqua con scarichi industriali velenosi e chi inquina gli alimenti con altrettanti prodotti velenosi. Entrambi gli inquinamenti provocano malattie e morti. Solo che un occhio si chiude da una parte e non si chiude dall’altra.

    Se manca una coscienza responsabile, non è certo lo spauracchio della pena di morte che te la fa venire. Anzi, quella alimenta ancora di più la mancanza di coscienza e dimostra che là dove vige l’incoscienza dello Stato, vige anche l’incoscienza dei cittadini.

  3. Paolo:

    La Cina non si sta occidentalizzando, sta bensì esplodendo perchè ai problemi che aveva già per il suo sviluppo (la pressione tra Nord e Sud, tra costa ed interno, tra centro e periferia) si sta aggiungendo il fatto che 250 milioni di cinesi sono tornati poveri a seguito della crisi economica (che è iniziata con l’esplosione del prezzo delle materie prime) aggiunto al fatto che i cinesi non hanno i diritti politici, ma appunto protestano (prima di queste ci sono state le assai più forti proteste per il terremoto nel Sichuan e per la SARS, quest’ultime causarono le dimissioni del ministro della Sanità) in un contesto che non sa gestire queste proteste e ne ha anzi paura.

    Ultimo e non ultimo, nella storia della Cina è difficile che passino più di 50-100 anni prima di una rivoluzione. Non vedo nessun motivo per essere ottimisti nello sviluppo pacifico della Cina, tantomeno in quello democratico (durante le Olimpiadi sono stati aperti dei parchi a Pechino dove c’era libertà di parola, come da richiesta del CIO. Chi è entrato in quei parchi per protestare, è sparito e da allora non se ne sa più niente).

  4. raccoss:

    Meglio un criminale libero, che un innoncente condannato a morte. Sempre e comunque. E senza ripensamenti.

    Comunque a Bilbao sarebbero tutti già scappati o suicidati senza il museo Guggenheim. La città è bruttissima.

    PS: Ma al museo degli hamburger potremmo avere degustazioni gratuite?

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2022 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike