Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Sab 20 - 9:43
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

Archivio per il giorno 11 Settembre 2009


venerdì 11 Settembre 2009, 13:47

Lo sgombero della Clinica San Paolo

Questa mattina √® infine cominciato lo sgombero della Clinica San Paolo, occupata da mesi da centinaia di immigrati profughi del Corno d’Africa; sono passato verso le 11 a vedere com’era la situazione e a fare qualche fotografia.

Prima, dunque, i fatti: la situazione era assolutamente tranquilla. I vigili hanno chiuso il controviale di corso Peschiera; un ampio spiegamento di mezzi “pacifici” (vigili, pompieri, Protezione Civile, GTT e addirittura la societ√† Autostrade; presumo che i rappresentanti dei profughi, come gi√† per via Asti, abbiano chiesto che non ci fosse alcun genere di polizia, nemmeno quella stradale) permette di gestire la situazione. Gli immigrati stanno in vari capannelli per strada, poi a gruppi si mettono in coda presso un tendone della Protezione Civile dove vengono controllati, schedati e indirizzati sui pullman, che sono normali bus GTT su cui per l’occasione hanno messo un cartello con scritto “VIA ASTI – TORINO” (giusto se a qualche profugo venisse il dubbio su dove lo portano… se ci fosse invece scritto “CORSO BRUNELLESCHI – TORINO” non salirebbero). C’√® anche un camion del Gabrio, presidiato da due centrosocialisti di numero, con uno striscione “DIRITTI PER LE/I MIGRANTI” e un impianto sonoro da centanta watt che spara musica orrenda.

Tutto bene, dunque, anche se allo sguardo non abituato colpisce un contrasto: da una parte i balconi e quel poco che si riesce a sbirciare dell’interno sembrano rovinati, mezzi spaccati, pieni di masserizie e rifiuti di ogni genere; dall’altra gli immigrati sembrano quasi tutti dei piccoli lord. Sono vestiti bene, talvolta anche eleganti, con vestiti apparentemente nuovi o nuovissimi; non si muovono con borse sdrucite e valigie di cartone, ma con i trolley da aereo; non spostano povere cose, ma anzi ho visto due di loro uscire con in braccio un grosso televisore, come se stessero facendo un normalissimo trasloco, e alcuni ingannavano l’attesa ascoltando musica dal loro iPod. Insomma, non sembrano miliardari ma nemmeno poveracci, sembrano persone con un livello di vita comparabile al nostro.

Prevedibile la reazione degli abitanti delle case circostanti, che sono spaccati in due: le vecchiette piangono di gioia come se gli fosse nato un nuovo nipotino; i vecchietti osservano in silenzio, ma se gli vai vicino commentano a mezza voce “Migranti di merda” e “Finalmente fuori dalle balle”.

A questo punto √® giunta l’ora delle foto, che nell’ordine rappresentano: 1) veduta d’insieme; 2) alcuni balconi pieni di masserizie abbandonate, alcuni con le tapparelle piegate o sradicate; 3) un altro po’ del parco mezzi dispiegato per l’occasione; 4) gli immigrati in coda al tendone della Protezione Civile; 5) il bus su cui vengono fatti salire gli immigrati; 6) un altro po’ del dispiegamento di mezzi; 7) la via laterale piena di capannelli di gente, da un lato gli immigrati e dall’altro gli abitanti del quartiere; 8) i bagagli degli immigrati, in attesa di essere caricati; 9) un immigrato in attesa con il suo iPod; 10) un altro po’ di mezzi e il furgone del Gabrio.

clinicasanpaolo.jpg

Ora, se mi permettete, un piccolo commento. In Italia √® difficile avere una discussione razionale sull’immigrazione; se parli con una persona di sinistra ti dir√† che agli immigrati tutto deve essere concesso e pagato da noi, se parli con una di destra tirer√† fuori il razzismo pi√Ļ bieco e augurer√† la morte ai bambini sui barconi. La via normale e adottata ovunque nel mondo, cio√® quella di stabilire la quota massima di immigrati che una societ√† pu√≤ accogliere senza dar luogo alla guerra civile e farla poi rispettare, pretendendo e imponendo nel contempo un rispetto ferreo delle leggi del posto da parte di chi vi si stabilisce, in Italia sembra fantascienza; √® “razzismo” per quelli di sinistra e “lassismo” per quelli di destra. Eppure, un principio base dello stato di diritto √® che le persone non si giudicano in massa, per il gruppo sociale a cui appartengono, ma individualmente per i loro comportamenti.

In questo caso, purtroppo, i comportamenti – aizzati da quell’altra banda di brava gente dei centri sociali – sono davvero censurabili. Occupare una struttura privata √® gi√† deplorevole, anche se √® deplorevole pure lasciare abbandonato un palazzo in piena citt√† invece di sfruttarlo per qualcosa di utile. Ma devastarla in ogni modo, pisciare per strada, girare ubriachi, impedire alle persone di aspettare il pullman, passare met√† delle notti ad organizzare festoni con musica ad alto volume e l’altra met√† ad accoltellarsi con successivo accorrere di volanti e ambulanze – come pu√≤ testimoniare qualsiasi abitante della zona – non √® accettabile da parte di nessuno, immigrato o italiano che sia.

E’ vero che questi sono in buona misura profughi – persone verso cui noi abbiamo un obbligo internazionale di assistenza, a cui loro hanno diritto. Ci√≤ non vuol dire, tuttavia, che l’obbligo debba andare oltre il ragionevole. Non vuol dire che noi torinesi dobbiamo risolvere il problema per tutti, attirando qui tutti i profughi d’Italia. Non vuol dire che il mancato e immediato rispetto dei loro diritti li autorizzi a tenere in ostaggio un quartiere per un anno. Non vuol dire che possano fare gli schizzinosi e lamentarsi perch√© nella sistemazione che gli viene gratuitamente fornita a nostre spese le camerate sono troppo grandi e vige il divieto di cucinare in camera.

Certo non ci si pu√≤ lamentare solo dei profughi: tanti italiani ci hanno fatto una pessima figura, dagli abitanti di via Asti con le loro argomentazioni contro lo spostamento – riassumibili in gran parte come “noi siamo troppo ricchi, affibbiateli a qualcuno di pi√Ļ povero” – agli intellettuali che si sono schierati per l’accoglienza a ogni costo tanto non la pagano loro, per giungere a chi – sindaco e prefetto in testa – ha prima ignorato il problema nonostante i diritti dei profughi non si scoprano ora, e poi permesso che una situazione del genere potesse nascere e marcire.

La cosa che non è accettabile, però, è che questo gioco di scaricabarile finisca sulle spalle di pochi: quelli che hanno la sfortuna di abitare vicino al luogo designato e che hanno visto le loro notti diventare insopportabili, le loro case svalutarsi e i loro negozi chiudere, mentre tutti gli altri erano impegnati nelle discussioni di principio. Oltre che dei diritti degli immigrati, qualcuno dovrebbe anche occuparsi dei diritti dei cittadini italiani.

divider
 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2019 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike