Sky
Vittorio vb Bertola
Fasendse vëdde an sla Ragnà dal 1995

Màr 26 - 11:17
Cerea, përson-a sconòssua!
Italiano English Piemonteis
chi i son
chi i son
guida al sit
guida al sit
neuve ant ël sit
neuve ant ël sit
licensa
licensa
contatame
contatame
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vej blog
vej blog
përsonal
papé
papé
fotografie
fotografie
video
video
musica
musica
atività
net governance
net governance
consej comunal
consej comunal
software
software
agiut
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet e faq
usenet e faq
autre ròbe
ël piemonteis
ël piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
vej programa
vej programa
travaj
consulense
consulense
conferense
conferense
treuvo travaj
treuvo travaj
angel dj'afé
angel dj'afé
sit e software
sit e software
menagé
login
login
tò vb
tò vb
registrassion
registrassion
martedì 30 Novembre 2010, 14:57

Declino e caduta dell’impero romano

Ieri mattina sono arrivato a Fiumicino con un volo Alitalia. Non usavo pi√Ļ la compagnia di bandiera da secoli; stavolta c’era una buona offerta, e dunque ho deciso di darle un’altra chance. Avrei dovuto capire che era una pessima idea dal fatto che sul sito Alitalia non √® stato possibile comprare il biglietto: quando arrivavo al modulo di pagamento, il sito si piantava. Forse funziona solo con Internet Explorer, non lo so, fatto sta che sono dovuto andare a comprare il biglietto su Expedia, che peraltro non mi ha fatto pagare i cinque euro di “commissione carta di credito” che Alitalia chiedeva sul suo sito (unico caso in cui l’acquisto tramite intermediario costa meno dell’acquisto diretto).

Anche il web check-in √® stato un mezzo disastro: il sistema Alitalia non accetta, come il resto del mondo, il codice IATA di sei caratteri, ma vuole per forza il numero di biglietto elettronico, che per√≤ Expedia non mi dava. Alla fine l’ho trovato in un angolino dell’interfaccia di Expedia, l’ho messo, il sistema mi ha creato un PDF in due copie. Io ne ho stampata una sola: tutti i web check-in del mondo funzionano che al gate o il foglio viene strappato o marcato (modello Ryanair), o contiene un codice a barre che viene letto (modello Lufthansa). In ambo i casi, il foglio resta al passeggero. Ma Alitalia no: stampa il codice a barre ma, visto che non si sono preoccupati di dotare i gate di lettori, al gate il foglio viene ritirato. Dopodich√©, salendo sull’aereo, ti chiedono la seconda copia! Ma perch√© dovrei stampare due volte lo stesso foglio per consegnarlo in duplice copia a trenta secondi l’una dall’altra? Gli alberi ringraziano.

Arrivato a Fiumicino con soli 45 minuti di ritardo, mi sono avviato verso la stazione del treno. Come al solito, i tappeti scorrevoli del percorso dal terminal alla stazione erano quasi tutti rotti; il degrado √® sempre peggiore, le scale mobili sono ferme e vanno salite a balzelloni, tutto √® sporco e semiabbandonato. La responsabilit√† √® di RFI, trattandosi di area ferroviaria, e dunque come ha risolto il problema la societ√† Aeroporti di Roma? Semplice, tappezzando di cartelli i punti di confine per avvisare “DA QUESTO PUNTO I SERVIZI NON SONO GESTITI DA AEROPORTI DI ROMA”. Scaricata la responsabilit√†, il servizio rimane degradato come prima.

Dovevo andare a Termini, e dunque ho fatto una cosa che non faccio mai; invece di prendere il molto pi√Ļ economico treno metropolitano FM1 per Fara Sabina, scendendo a Ostiense e prendendo da l√¨ la metro, ho preso il Leonardo Express per Termini. E’ “express” nel senso che non ferma, ma si accoda al treno locale che fa tutte le fermate e dunque va a passo d’uomo, impiegando 38 minuti per percorrere 23 chilometri (velocit√† media 36 km/h). Non sar√† il maglev che collega alla citt√† l’aeroporto di Shanghai, che raggiunge i 400 chilometri orari, ma in compenso costa poco: 14 euro (il maglev di Shanghai ne costa 5). E’ perch√© √® un treno “di sola prima classe”: cio√® un treno di seconda con i sedili coperti in finta pelle blu, le porte rotte e le carrozze arrugginite.

A Termini, il treno dall’aeroporto viene attestato al binario 25, che inizia a centinaia di metri dagli altri: il posto pi√Ļ scomodo e lontano possibile, costringendo i turisti con i bagagli a trascinarseli sul marciapiede. Ma sul marciapiede devono passare anche i carrelli di servizio, dunque qualche sindacalista romano ha ottenuto che met√† del suddetto venisse delimitata con strisce blu e riservata ai dipendenti su carrello. Lo spazio rimanente √® insufficiente e i clienti del treno si pigiano, ma non importa a nessuno.

Si potrebbe uscire dal sottopassaggio verso via Marsala, risparmiando parecchi minuti di cammino, ma c’√® un problema: era pieno di venditori abusivi. Come hanno risolto il problema? Pattugliando il sottopassaggio? No, semplicemente hanno chiuso gli accessi al sottopassaggio dai binari, cos√¨ il problema si risolve da solo.

Stamattina presiedevo una sessione della conferenza. In sala poca gente: la citt√† √® paralizzata dai cortei degli studenti. Li ho visti partire mentre arrivavo qui a piedi: migliaia e migliaia, con fumogeni e botti, e striscioni che dicevano “RIVOLUZIONE”. Elena √® andata in centro – a piedi, perch√© i mezzi di superficie sono bloccati, mentre la metro √® chiusa per sciopero. Il centro √® militarizzato: l’intera zona centrale, per chilometri, √® bloccata e non ti fanno passare nemmeno a piedi; ti accolgono col mitra spianato. Signore con auto lussuosa spergiurano di abitare davanti a Palazzo Chigi e chiedono di passare; agognano brioche. Ma ci sono vari livelli di sbarramenti; mancano solo i carri armati… per ora.

Qui, molto pi√Ļ che a Torino, tira aria di fine impero. Il problema √® cosa rester√† dopo.

[tags]roma, governo, politica, crisi, impero, manifestazioni, scioperi, degrado, alitalia, trenitalia, fiumicino[/tags]

divider

3 commenti a “Declino e caduta dell’impero romano”

  1. daniela:

    Anche Torino è stata paralizzata dagli studenti (universitari e medi, complimenti a questi ultimi). Se ti può consolare vai a vederti questo http://www.youtube.com/watch?v=YkMvexNu6VM cè sempre chi sta peggio!

  2. MailMaster C.:

    Decline and Fall of Roman Empire: mentre leggevo il post mi √® venuto in mente questo libro… :)

    Mandi e ben venuto a Roma: uno dei momenti migliori…

  3. valeskywalker:

    oh vb, a febbraio ero indecisa se tornare nella nuova formazione a tre (io, P e pargoletta di 4 mesi) per una settimana a Barcellona o a Roma. Barcellona aveva dalla sua temperatura + mite, Roma che √® cos√¨ enorme e ci sono ancora cos√¨ tante cose che vorrei visitare…ma dopo il tuo post ho avuto chiarissime le immagini di me e P che passiamo il tempo a maledire tutto e tutti mentre tentiamo di andare in giro con un passeggino tra sottopassi chiusi, ascensori e scale mobili non funzionanti o non esistenti nelle metro e nelle stazioni, tassisti che gi√† che anzich√® accendere il tassametro e ti dicono : dove vuole andare? fa 20 euro, ti affibbiano altri 5 o 10 euro per caricare nel baule il passeggino medesimo…

    andremo a Barcellona.
    mi dispiace ma l’idea di spendere 1500 euro tra appartamento cene pranzi musei etc ed essere super stressata, stanca e sentirmi soprattutto presa per il c. dal mio paese ..non ce la posso fare.
    temo che se fino a prima di diventare madre ero gi√† nel giro di quelli che “l’italia purtroppo va bene solo per tornarci in vacanza” adesso sono in quello “l’italia purtroppo va bene solo per tornarci in vacanza quando hai un bambino che gi√† cammina da solo e non ha bisogno del passeggino”cio√® tra 4 anni…

 
Creative Commons License
Cost sit a l'è (C) 1995-2023 ëd Vittorio Bertola - Informassion sla privacy e sij cookies
Certidun drit riservà për la licensa Creative Commons Atribussion - Nen comersial - Condivide parej
Attribution Noncommercial Sharealike