Sky
Vittorio vb Bertola
Fasendse vëdde an sla Ragnà dal 1995

Lùn 19 - 18:35
Cerea, përson-a sconòssua!
Italiano English Piemonteis
chi i son
chi i son
guida al sit
guida al sit
neuve ant ël sit
neuve ant ël sit
licensa
licensa
contatame
contatame
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vej blog
vej blog
përsonal
papé
papé
fotografie
fotografie
video
video
musica
musica
atività
net governance
net governance
consej comunal
consej comunal
software
software
agiut
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet e faq
usenet e faq
autre ròbe
ël piemonteis
ël piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
vej programa
vej programa
travaj
consulense
consulense
conferense
conferense
treuvo travaj
treuvo travaj
angel dj'afé
angel dj'afé
sit e software
sit e software
menagé
login
login
tò vb
tò vb
registrassion
registrassion

Archivio per il giorno 10 Aprile 2011


domenica 10 Aprile 2011, 18:38

Sempre grazie a Trenitalia

Ieri mattina sono andato a Milano per una riunione organizzativa tra tutte le liste del Movimento 5 Stelle, che è finita poco dopo le 14; e così sono andato con calma a Milano Centrale per prendere il regionale delle 15:15 e tornare a casa.

Giunto al binario, ho visto che la prima carrozza del treno era chiusa e fuori uso; e vabbe’, succede spesso. Anche la seconda per√≤ era chiusa. La terza, la quarta e la quinta erano dunque piene, con tutti i sedili occupati, nonostante mancassero ancora venti minuti abbondanti alla partenza. Ho capito per√≤ che qualcosa non andava perch√© man mano che proseguivo l’affollamento del treno continuava ad aumentare, invece di diminuire. A un certo punto le carrozze erano completamente piene anche di gente in piedi; cercando di arrivare in cima, ho scoperto che anche la penultima e l’ultima carrozza erano chiuse e fuori uso.

Sono tornato un po’ indietro e mi sono infilato nel primo buco che ho trovato, riuscendo a malapena ad entrare nell’anticamera del vagone, in piedi contro un palo; e l√¨ ho saputo che non solo questo treno aveva quattro carrozze chiuse su dieci, ma che il precedente regionale delle 14:15 era stato cancellato.

A dieci minuti dalla partenza ogni interstizio del treno era occupato da persone in piedi, compresi i bagni e i passaggi tra una carrozza e l’altra; e sul marciapiede c’erano almeno un centinaio di persone in attesa. Sono arrivati i ferrovieri, che hanno fatto finta di non conoscere nessuno, evitando di dire o anche solo di guardare chiunque; ed √® presto arrivata anche la polizia ferroviaria.

Alla fine le proteste (mai abbastanza rumorose, gli italiani sono abituati a subire in silenzio) hanno fatto aprire a forza le prime due carrozze, dove si sono pigiate le persone che erano ancora a terra; il capotreno, sempre senza accettare una parola da nessuno, si √® infilato come un’anguilla nei vagoni per sbloccare i finestrini e tirarli gi√Ļ, visto che c’erano trenta gradi e si rischiavano soffocamenti; e poi il treno √® partito in condizioni da Terzo Mondo.

Solo tra Novara e Vercelli, dopo tre quarti d’ora, si √® ridotto a condizioni vagamente umane, con poche persone rimaste in piedi; alcuni si sono comunque fatti il viaggio in piedi fino a Torino.

Che dire? Evidentemente che nei palazzi del potere non c’√® nessuno a cui interessi migliorare questa situazione, dato che a Trenitalia conviene spingere con le cattive le persone a prendere l’alta velocit√† e al potere politico conviene fare favori a Trenitalia (si veda anche la vergognosa vicenda di Arenaways) e allo stesso tempo non investire sui trasporti pubblici per avere pi√Ļ soldi per clientele e appalti vari. E pensare che questo servizio √® sovvenzionato, lo paghiamo noi; basterebbe non pagare a Trenitalia le corse in cui non vengono rispettati livelli di servizio decenti, e anzi imporre delle multe, e le cose cambierebbero.

divider
 
Creative Commons License
Cost sit a l'è (C) 1995-2019 ëd Vittorio Bertola - Informassion sla privacy e sij cookies
Certidun drit riservà për la licensa Creative Commons Atribussion - Nen comersial - Condivide parej
Attribution Noncommercial Sharealike