Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Sab 22 - 14:55
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
venerdì 15 Luglio 2011, 11:03

Il programma di Fassino: cosi è la politica

Mercoledì sera, dopo una lunga maratona, il consiglio comunale ha approvato il programma del prossimo quinquennio; ed è stata una vicenda molto istruttiva per capire come funziona la politica.

Vediamola dal nostro lato: già vi abbiamo raccontato di come io e Chiara abbiamo presentato in totale 49 emendamenti di merito, assolutamente non ostruzionistici. In particolare, dato che non ci interessano i teatrini ad uso telecamere, abbiamo cercato di evitare le proposte che tanto la maggioranza non avrebbe mai accolto e di presentare invece soprattutto quelle su cui qualsiasi persona di buon senso avrebbe potuto concordare, cercando di riempire i numerosi buchi della bozza iniziale.

Bene, nella nostra ingenuit√† ci aspettavamo dunque che si potesse avere un esame in aula (per quanto breve, se no saremmo stati l√¨ fino a settembre) delle nostre 49 proposte; e ci aspettavamo anche, meno ingenuamente, che avremmo dovuto ridurle a una ventina delle pi√Ļ importanti, in spirito costruttivo per non allungare la discussione.

Nulla di tutto questo; infatti, il regolamento riconosce alla maggioranza la possibilit√† di presentare una “mozione di accorpamento” che riunisce un qualsiasi numero di emendamenti in uno solo, che si pu√≤ poi votare (e bocciare) in blocco; di fatto vengono cos√¨ eliminati tutti quegli emendamenti, che non arrivano nemmeno a essere esposti e discussi in aula. E’ una misura anti-ostruzionismo, se no i 2700 emendamenti della Lega avrebbero bloccato i lavori per mesi; peccato che la maggioranza abbia deciso di applicarla non solo agli emendamenti ostruzionistici, ma a tutti gli emendamenti delle minoranze, anche quelli costruttivi, salvandone solo qualcuno in segno di buona volont√†. Dunque, decidono loro quali nostri emendamenti possono essere discussi e votati e quali no.

Ora, la selezione nel nostro caso è avvenuta come segue. Mentre io ero in conferenza capigruppo, arrivano Chiara e il vicecapogruppo del PD con quattro fogli in mano (gli emendamenti si possono presentare solo su carta, uno per foglio); in pratica, il gruppo PD si è riunito e ha deciso di tenerne quattro dei nostri. Ma non quattro perché li hanno letti ed erano quelli che hanno trovato ragionevoli; quattro perché zero o uno sarebbe stato uno schiaffo morale troppo forte, e sei, otto, dodici sarebbe stato un regalo eccessivo.

Infatti, la logica in vigore è che se un nostro emendamento di buon senso viene approvato non è tanto un bene per la città, quanto una occasione per noi per dire a voi che ci avete votato che siamo stati bravi e far bella figura; dunque, ce ne lasciano qualcuno in segno di ringraziamento perché non abbiamo fatto ostruzionismo (altrimenti la prossima volta arriveremmo anche noi con 2700 emendamenti) ma non troppi per non permetterci di fare una figura troppo bella.

In sostanza, dunque, quali fossero i quattro da tenere era relativamente poco importante; e infatti, quando ho visto i quattro scelti dal gruppo PD, ho sbarrato gli occhi e mi √® venuto da ridere, perch√© tra i quattro che avevano tenuto ce n’era uno dei soli due o tre veramente “antagonisti”, quello che cancellava l’impegno a realizzare la Tangenziale Est. Purtroppo ha sbarrato gli occhi (ma senza ridere) anche Lo Russo, capogruppo del PD, e ha subito tirato via il foglio…

…e mi ha detto “dai ve ne passiamo tre, son gi√† tanti”. Io ho risposto “ma no dai, sono buoni emendamenti, teniamone qualcun altro”. Lui ha abbozzato, allora ho detto “ma se ce ne passate ancora un po’ magari sul documento finale ci asteniamo”. Lui ha detto “Ah beh allora cambia tutto, se √® cos√¨ tirane fuori un altro paio e mettimeli qui”, e io ho avuto circa dodici secondi per sfogliare una pila di 49 fogli, scegliere e salvare dalla cancellazione altri due emendamenti, se ben ricordo quello sulla base low cost all’aeroporto e quello sulla tutela degli animali. Lui ha chiamato il suo ufficio per dargli i numeri degli emendamenti da salvare, poi mi ha detto “ok sull’astensione ci conto eh?” e io “s√¨ per√≤ dammi il tempo di pensarci e di parlarne con Chiara”.

Poi, parlandone tra noi, nonostante il 90% del documento sia talmente generico da non dire nulla di cos√¨ impossibile da condividere, abbiamo deciso che non potevamo non votare contro a un documento che conteneva Tav, inceneritore e compagnia bella, e dunque un’oretta dopo gliel’ho comunicato, per correttezza. Lui ha risposto “chiss√† come mai me lo aspettavo” ma ci ha comunque lasciato i cinque emendamenti, che alla fine erano tre scelti da loro e due da noi.

Alla fine, in aula, ce ne hanno approvati tre (sviluppo dell’aeroporto, tutela degli animali e lotta al gioco d’azzardo) e bocciati due (piste ciclabili su tutti i corsi + estensione del bike sharing e valutazione dell’impatto sulle pari opportunit√† di tutte le decisioni amministrative) perch√© secondo il sindaco questi due erano “impliciti” in ci√≤ che aveva gi√† scritto (sar√†…). E dunque ora, in questo teatrino, devo venire da voi a bullarmi del fatto (peraltro vero) che se non fosse stato per noi non ci sarebbe stata nemmeno una riga sulla tutela degli animali, sulla base low cost a Caselle e sulla lotta al gioco d’azzardo.

La verit√† √® che tutta la faccenda √® stata invero triste. Come gi√† vi dicemmo, il documento in s√© non era granch√©, molto generico e con poche idee concrete. La discussione √® stata pure peggio: la maggioranza stessa, soprattutto SEL, ha chiesto subito un rinvio di una settimana perch√© Fassino non aveva consultato i suoi partiti prima di pubblicarlo. Poi sono arrivati gli emendamenti ostruzionistici della Lega a cui la maggioranza ha risposto cancellando sostanzialmente la possibilit√† delle opposizioni di partecipare all’elaborazione del testo, eliminando tutti gli emendamenti a parte due del PDL, cinque dei nostri e tutti quelli di Musy, che si era gi√† messo d’accordo di suo (come ampiamente riportato dai giornali) e alla fine infatti non ha votato contro al programma ma si √® astenuto.

Di fatto, abbiamo passato due pomeriggi fino alle nove di sera a discutere il programma non per i dubbi delle opposizioni, ma per i dubbi della maggioranza; mercoled√¨ pomeriggio √® stato uno spettacolo di dissenso interno, con SEL che si barcamenava per inserire i suoi punti-bandiera non condivisi da Fassino (e infatti alla fine non gliene hanno passato quasi nessuno, accettando solo emendamenti minori o riscrivendoglieli al volo in maniera molto annacquata, e loro hanno “convintamente votato”, parole loro, un programma contenente Tav e inceneritore) e con una discussione di mezz’ora tra i cattolici e i laici del PD sulle parole “quoziente familiare”, che peraltro in s√© non vogliono dire nulla.

Il bello √® che la maggioranza aveva pure imposto di limitare a un quarto d’ora per gruppo il tempo per parlare in aula, per evitare che le opposizioni la tirassero in lungo; dopodich√©, a forza di arguire, i due partiti che sono arrivati al limite sono… PD e SEL; la Lega ha chiesto di far rispettare la regola, √® scoppiato un putiferio, si √® sospeso il consiglio per mezz’ora, il presidente ha giurato che da suoi conti il tempo del PD non era ancora finito e che avevano ancora un paio di minuti, la seduta √® ripresa, poi all’emendamento successivo un consigliere PD ha parlato per altri cinque minuti e nessuno ha detto niente; le regole valgono solo per gli altri.

Insomma, abbiamo capito che noi, a parte l’ostruzionismo, non potremo fare nulla che non ci sia gentilmente concesso dalla maggioranza; il che ci lascia di fronte alla scelta politica tra essere sempre durissimi e non ottenere mai nulla, o essere costruttivi e dialoganti e ottenere tre emendamenti su 49. E su questo punto attendo le vostre opinioni.

divider

17 commenti a “Il programma di Fassino: cosi √® la politica”

  1. Rudy:

    La seconda che hai detto. E poi adoperatevi per cambiare le regole interne che rendono possibile questa situazione.

  2. mke777:

    Avete fatto assolutamente bene.
    Con il senno di poi forse sarebbe stato il caso di presentarne di piu’ e cercare di prepararne un gruppo “core” da piazzagli in mano al momento giusto. Ma visto il peso del Movimento direi che avete gia’ ottenuto un buon risultato.
    D’ora in poi penso che dobbiate lavorare molto sui punti assimilabili a “comuni” con il programma PD e arrivare gia’ pronti con bozze condividibili con la maggioranza.
    Penso alle piste ciclabili: Dovresti riuscire a capire chi e’ l’amministrativo del PD che si vuole occupare di quel tema e passagli il lavoro gia’ fatto. Se servisse una mano sono disposto a collaborare.

    State tranquilli che non mi arrabbiero’ se vi asterrete piuttosto che votare contro pur di far passare qualcosa di utile.

  3. mike:

    La seconda che hai detto. Se non altro per fare diverso dai legaioli.

  4. rccs:

    Cazzo, neanche un mese e i M5S son già pronti a fare gli inciuci, come tutti gli altri partiti!

  5. vb:

    Visto perché non possiamo astenerci? Un secondo dopo i piddini stile rccs ci mangerebbero vivi in pubblico :-)

  6. mke777:

    Un idea parzialmente OT su come provare a fare democrazia diretta e fare “proselitismo” a costo zero:
    Perche’ non mettere su un sito (depoliticizzato) dove tutti possono scrivere le loro proposte su un tema.
    facendo l’esempio delle Piste ciclabili si potrebbe fare un sito semplice e parzialmente depoliticizzato (come http://www.prossimaitalia.it/) ma impostato come un semplice blog con un unico post e grange spazio ai commenti, sponsorizzarlo sui totem del bike sharing, nei negozi di ciclisti (magari con una raccolta di suggerimenti “cartacea” per chi non sguazza su internet ma richiederebbe tempo).

    Lo stesso si potrebbe fare sulla viabilita’ (segnalazione buche, disservizi trasporto pubblico), sulla raccolta differenziata (punti raccolta, disservizi), su come migliorare il funzionamento degli uffici personali (anche tecnici) e molti altri temi specifici.

    Certo ci sarebbe da filtrare spam e flames ma sarebbe comunque a costo zero e potrebbe anche portare visibilita’.

  7. Claudio C:

    Beh, l’obiettivo iniziale e’ raggiunto. Cioe’ quello che voi siete due nodi di un social network che entrano in consiglio comunale con una webcam (che io intendo in senso metaforico) e rendano trasparenti i muri della politica. Adesso, l’obiettivo successivo e’ quello del “consolidamento” che, al di la dei mal di pancia provocati dall’attuale modo di far politica (come da te descritto), significa rendersi seri, credibili e affidabili. In questo senso, fare le barricate non credo sia la soluzione migliore. D’altro canto, attenzione a non cedere troppo ai compromessi (visto che dicono che la politica sia l’arte del compromesso) perche’ il M5S finirebbe per diventare quello che e’ stato sempre deprecato (anche da Grillo dal palco): una “m. tiepida”.

  8. Mike:

    @Claudio C
    Skyscrapercity è da quella parte :)

    http://www.skyscrapercity.com/forumdisplay.php?f=169

  9. Pippo:

    Benvenuti al mercato delle vacche, leggendo come si contrattano gli emendamenti penso che un mercato zootecnico sia una cosa pi√Ļ seria.
    Fassino prosegue la gestione Chiamparino cioè centrica ed autoritaria, vedi la posizione di SEL che non era stata contattata prima.
    Non vi invidio nel vostro compito di mediazione per√≤ senza inciuci e mi viene in mente un verso di una canzone di Battiato:”com’√® difficile restare calmi e indifferenti mentre tutti intorno fanno rumore”.
    Certo dovete agire d’astuzia. Sparare cose grosse (no-tav, no tangenziale est ecc.) in modo da far passare il pi√Ļ possibile cose piccole ma importanti per tutti noi cittadini ma che il PD non si sognerebbe mai di fare.
    Loro sono solo per le grandi opere, lo sappiamo bene.
    Speriamo di non fare la fine di Parma.

  10. Antonio Fucile:

    Dove si possono leggere i 3 emendamenti “made in m5s” approvati?
    Grazie

  11. corrado:

    Qualcuno ha pensato a presentare un emendamento per la valorizzazione della lingua piemontese, magari attraverso gli asili e le scuole comunali? I legaioli di sicuro se ne fregano e sono poco credibili, voi potreste forse ottenere qualcosa di concreto.

  12. .mau.:

    perch√© servirebbero le piste ciclabili su tutti i corsi? Molto pi√Ļ semplice mettere limite di velocit√† a 30 all’ora sui controviali e permettere ufficialmeente ai ciclisti di starsene in mezzo (come del resto ho sempre fatto quando abitavo a Torino)

  13. vb:

    @Corrado: Io l’ho presentato, un emendamento per la tutela della lingua piemontese “con pari dignit√†” rispetto alla tutela delle lingue degli immigrati che il programma di Fassino prevede ampiamente, ma la maggioranza l’ha cancellato senza nemmeno volerlo discutere in aula…

  14. mfp:

    Roba da matti: se esiste anche solo una regola che consente di bypassare la discussione pubblica, allora non ha senso pagare tutte quelle poltrone. Tutti a casa (senza stipendio) tranne una persona per schieramento (triumviri a parita’ di trattamento finanziario); perche’ pagarne di piu’, riscaldare la sala consiliare, informatizzare le votazioni, etc, se tanto le decisioni avvengono in privato? Quello che decidono lo devono discutere pubblicamente o quantomeno mettere pubblicamente un veto sulle posizioni minoritarie, per prendersi la responsabilita’ esclusiva di quella scelta di fronte alla cittadinanza e la storia…

    Da un certo punto di vista e’ fisiologico che vada cosi’; siete la minoranza, e minorati dunque sulle scelte del consiglio. Pero’ 5 su 49, scelti in privato, con metodi cioe’ mafiosi implicitamente avallati dal regolamento antiostruzionismo… bah… La regola esiste per evitare l’ostruzionismo ottuso legaiolo fine a se stesso a fronte a decisioni che DEVONO essere prese, non per consentire a chicchessia di evitare la discussione. Fateglielo presente per cambiate la regola; purtroppo non puoi portarti un registratore per registrare mentre glielo fai presente… il berlusca l’ha vietato… per lo meno non senza dover quantomeno presentare le tue motivazioni ad un giudice, con tutti i costi e i rischi connessi. Pero’ se mai trovate un modo per discutere pubblicamente il cambio di regolamento (per nuova procedura cfr. Procedura Cappella Sistina), quello e’ un bel video da mettere on-line.

  15. Polemico74:

    Inutili e incoerenti

  16. rccs:

    Eh si che √® fondamentale insegnare il piemontese alle elementari. Eh, si, il nostro illustre Bertola, pi√Ļ conosciuto all’estero che in Italia, teneva conferenze all’ICANN in piemontese! Peccato che si rammaricasse di non aver mai imparato bene la perifrastica passiva piemunteisa che alle elementari non glie l’hanno mai insegnata!

  17. Polemico74:

    VB…gaute la nata!

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2020 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike