Sky
Vittorio vb Bertola
Wandering on the Web since 1995

Tue 24 - 13:25
Hello, unidentified human being!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
about me
about me
site help
site help
site news
site news
license
license
contact me
contact me
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
old blogs
old blogs
personal
documents
documents
photos
photos
videos
videos
music
music
activities
net governance
net governance
town council
town council
software
software
help
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet & faqs
usenet & faqs
stuff
piemonteis
piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
ancient software
ancient software
biz
consultancy
consultancy
talks
talks
job placement
job placement
business angel
business angel
sites & software
sites & software
admin
login
login
your vb
your vb
register
register
domenica 30 Luglio 2006, 01:28

Notti d’estate

Anche quest’estate, come nelle due precedenti, si √® svolta la grigliata estiva del gruppo di capoeira: e potevo io mancare? No, naturalmente; anche se non faccio pi√Ļ capoeira da due anni, √® sempre un buon motivo per rivedere un po’ di gente.

La grigliata si svolge da sempre a Villafranca Piemonte, un posto che si raggiunge facilmente imboccando l’autostrada per Pinerolo, chiedendosi in quale direzione uscire, e poi scegliendo l’uscita che porta in nessuna direzione; ed √® pertanto seguendo la freccia None che si arriva al Semaforo di Airasca, il punto da cui inizia il Piemonte meridionale, e la cintura industriale di Torino lascia il posto a quei paesoni popolati di sane vacche, campi di granturco, guidatori col cappello, e celebrazioni paesane rigorosamente in dialetto e rigorosamente tappezzate di bandiere granata.

L√¨ c’√® il villone di uno dei nostri compagni di gruppo, i cui genitori, con ospitalit√† impareggiabile, accolgono ogni estate (spesso pi√Ļ di una volta) una cinquantina di scalmanati, riempiendoli di costine ottenute dalla cottura di intere bestie su reti di materasso con fondale di lam√©ra, e sopportando persino l’invasione di una tendopoli notturna sotto gli albicocchi, per chi si vuole fermare.

L’esperienza vale, e anche stavolta √® stata all’altezza; e se la parte culinaria √® come sempre eccellente, vien ancora meglio di raccontare la parte mistica-capoeiristica, in cui un pezzetto di prato viene strappato con le fiaccole al buio della notte e utilizzato come base per un doppio dimenarsi di corpi, nella millenaria “danza assassina” dei guappi brasiliani. Gi√†, perch√® alla danza dei giocatori seminudi, ora allegra e ora aggressiva, si somma quella delle loro allungatissime ombre, colorate dalla musica e dal canto in portoghese, un po’ misterioso per noi ma ormai familiare.

Il potere della capoeira √® quello di creare un cerchio mistico, astrarlo dal luogo come in un rituale stregonesco, e farvi circolare intensa e percepibile energia astrale. Esso raddoppia in situazioni come queste; e se per me √® anche interessante notare come di anno in anno la mia percezione del cerchio si calmi, e il mio tasso alcolemico a fine serata decresca, √® l’intero ambiente a valer la pena della prova, come introduzione al dato indubbio che esistono miracoli fatti di persone che la scienza non pu√≤ spiegare.

Un discorso a parte merita poi il viaggio di ritorno. Faccio per uscire dal cancello e immettermi sulla provinciale, quando devo dare la precedenza a una specie di missile che arriva sul rettilineo ad almeno centoventi orari. E’ il segnale: tutto il gin e lemon e gin e lemon e gin di Andrea ribolle nel mio sangue. Lo stereo butta fuori un epico disco di Brian May che casca a fagiolo. Si va.

Al ponte del Pellice, insomma, il tizio √® gi√† ampiamente preso e superato. Proseguo per la provinciale a una velocit√† da strage del sabato sera, tra due ali di pannocchie e qualche occasionale sorpasso di auto che non vedo nemmeno. Nonostante la strada sia stretta e infestata da rotonde ad ogni passo, chiudo al semaforo d’Airasca in dieci minuti scarsi, con una media sopra ai cento all’ora; non male.

Ma √® sulla successiva discostrada che noi giovani d’oggi diamo collettivamente il meglio; l√¨ i centocinquanta sono appena sufficienti per non intralciare sulla corsia di destra. Potevo forse cedere? No, irretito da una Punto rossa che prima mi passa a 180 e poi rallenta di botto costringendomi al sorpasso a destra (grazie a .mau. che mi ha spiegato che si pu√≤) ed incitato dall’apparire sullo stereo della leggendaria Resurrection, i venti chilometri dall’uscita per nessuna direzione fino al casello di Beinasco diventano una esperienza metafisica. La chitarra di Brian sfonda la galassia, la batteria di Cozy moltiplica il battito, del cuore e del motore; il Valhalla del metal si materializza; “Ride the night until the morning sun”, mentre le curve strette e i cavalcavia della Torino-Pinerolo si susseguono secchi e sembrano non finire pi√Ļ, in una euforia emotiva finalmente felice.

La citt√† √® un’appendice tranquilla, piena dei soliti addormentati sulla corsia di sinistra (uno ci viaggia a sessanta all’ora per un po’ coi fari spenti, per poi girare contromano in via Asiago: e poi sarei io quello pericoloso), con tanto di conclusione strappalacrime a base di Too Much Love Will Kill You. E buona notte a tutti.

P.S. Ok, Cozy Powell è morto prematuramente schiantandosi in autostrada: questo ve lo concedo. Brian May però è ancora vivo!

divider

2 commenti a “Notti d’estate”

  1. Hayabusa:

    Pazzesco! Pensavo di essere il solo a ricordarsi “Resurrection” e che Brian May aveva fatto un disco solista…

  2. Marco:

    Grande Resurrection! La canzone e’ accreditata al terzetto May, Powell e Page (non Jimmy), ma l’astrofisico (eh si’) Brian May aveva il destro per song epiche ad effetto galvanizzante.

    Sospetto che in Bohemian Rapsody ci fosse molto di suo anche in fase compositiva, benche’ come autore figuri il solo Mercury.

 
Creative Commons License
This site (C) 1995-2020 by Vittorio Bertola - Privacy and cookies information
Some rights reserved according to the Creative Commons Attribution - Non Commercial - Sharealike license
Attribution Noncommercial Sharealike