Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Mer 30 - 12:17
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
domenica 16 Luglio 2006, 14:37

Paura italiana

Sempre sul discorso Lidl, sulla Stampa di oggi in prima pagina c’è un editoriale di Luca Ricolfi, sociologo dell’università di Torino, intitolato “La sinistra che ha paura del merito”: parla appunto dell’accordo al ribasso che caratterizza la società italiana, in cui da una parte i cittadini pretendono vita facile (scuole che promuovono sempre, lauree facili, posti di lavoro ipergarantiti, a tempo intederminato e poco faticosi) e protestano se non è così; dall’altra chi detiene il potere sfrutta questa mentalità per fornire servizi scadenti e inefficienti o per retribuire il lavoro il meno possibile.

E quindi, ecco la citazione che forse chiarirà meglio la sensazione che ho avuto io leggendo tutte le lamentele del dipendente Lidl: “Cittadini che temono la competizione, l’impegno, il sacrificio sopravvivono ai propri insuccessi incolpando le istituzioni, atteggiandosi a vittime, agitando diritti e invocando risarcimenti.”

divider

4 commenti a “Paura italiana”

  1. Sciasbat:

    Non ci fosse la rete del bollito giù oggi avrei già appuntato la stessa cosa nella Jambalaya di Soylent Green. La cosa curiosa è che l’italiano medio, frutto della nostra scuola tendente al ribasso, in giro per il mondo non si trova poi malaccio. Solo in Italia, in mezzo ad altri italiani, si adagia paciosamente sul fondo. Mi piacerebbe sapere con precisione dove sta il baco.

  2. vb:

    In realtà, gli italiani che vanno all’estero non sono più gli emigranti sottoeducati con la valigia di cartone, ma sono in gran parte proprio quegli italiani più attivi e competenti che si trovano male in un sistema al ribasso e in cui le poche opportunità sono assegnate per raccomandazione invece che per merito, e cercano un ambiente dove la loro competenza e intraprendenza possano essere meglio premiate.

    Questo peraltro è un fenomeno non solo italiano: succede anche in tutti i paesi africani…

  3. BlindWolf:

    Chi ha visto il documentario “W la ricerca” su Rai3 se n’è reso benissimo conto: ricercatori brillanti che non avevano il posto (riservato ai paraculati) od i mezzi per lavorare in Italia se ne sono andati all’estero ed hanno fatto rapidamente carriera.
    (E comunque anche gli emigranti sotteducati con valigia di cartone andavano oltre l’Atlantico per farsi il mazzo.)

    Ho letto anch’io l’articolo e sebbene io non lo applico al dipendente LIDL (lì il posto al massacro ma ben remunerato per far carriera e curriculum c’è. Ti interessa? Vacci. Non ti interessa? Non andarci), lo mostrerei a tutti i presidi e rettori dei diplomifici nostrani.
    A questo punto ben vengano (ritornino?) le scuole di Serie A e di Serie B perchè a questo punto le migliori scuole italiane sfornano così tante capre che non le distingui da chi ha talento. Ma a che serve un’eccellenza se il sistema produttivo (?) italiano prende i laureati e dà loro il posto di lavoro prima riservato ai diplomati?

  4. Marco:

    I calvinisti, adottando l’equazione “sei ricco = Dio e’ con te”, ci hanno costruito sopra la Svizzera. Varie confessioni protestanti diffusesi in USA possiedono un’etica simile o con molti punti di contatto con quella calvinista. Che l’atteggiamento tipicamente italico abbia qualcosa a che fare con il cattolicesimo ? O:-) (tema pesante eh? :P)

    Per contraltare, ho avuto occasione di lavorare con Francesi, Inglesi e Americani: beh, posso dirvi che per tutti l’orario di lavoro era sacro. Dopo le 17/17.30 in giro trovavi solo alti dirigenti con i loro portatili. Solo noi italiani (settore privato, s’intende) guardiamo storto e facciamo le battutine su chi esce in orario, certi che perdera’ punti con il boss.

    Siamo molto provinciali, ma non c’e’ da stupirsene: siamo passati da una societa’ prevalentemente rurale ad una industriale e post industriale in meno di un secolo, senza avere alle spalle almeno un paio di centurie (minimo) di stato unitario, urbano e industrial-borghese come Francia, Inghilterra e financo gli USA. Abbiamo ancora il complesso del “nuovo arrivato nella grande citta’” che deve ingraziarsi i capi e dimostrarsi piu’ solerte degli altri, anche fermandosi a non far nulla fino alle 8 di sera.

    Lo ammetto, a volte cerco di condensare l’universo in poche righe :P

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2020 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike