Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Gio 18 - 1:42
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

Archivio per il giorno 3 Maggio 2007


giovedì 3 Maggio 2007, 17:39

Monaco

Non ero mai stato a Monaco, se non all’aeroporto; questa volta invece ho avuto la possibilit√† di visitare la citt√†.

L’esito √® senz’altro positivo, ma per motivi forse diversi da ci√≤ che ci si aspetterebbe. Come la maggior parte delle citt√† tedesche, Monaco √® priva di monumenti di vero rilievo e quei pochi che ci sono sono in gran parte ricostruiti. Non c’√®, insomma, una torre Eiffel o una Sagrada Familia, ma nemmeno un British Museum. C’√®, per√≤, una atmosfera piacevole, da citt√† medievale nella parte pi√Ļ centrale, ma comunque molto verde.

Il trucco, quindi, √® non andare a Monaco per vedere qualcosa, ma per godersi la situazione, camminare per le strade, e apprezzare la vita. Che, certo, non √® economica, come nulla a Monaco; credo di non aver visto tanta diffusa (relativamente alle zone centrali e semicentrali) e visibile ricchezza in alcuna altra citt√† d’Europa; nelle vie clou, √® un susseguirsi di negozi di lusso con davanti parcheggiate una sequenza di AudiPorscheBMW – Porsche – Porsche – BMW – Porsche. Ma alla fine, per qualche giorno, si pu√≤ fare.

E poi, l’attrattiva principale √® quella culinaria: per me che apprezzo la carne in vari modi, √® stato un susseguirsi di wurstel di ogni genere – nulla a che vedere con quelli confezionati nostrani – inframmezzati da arrosti e stinchi e contornati da patate; e mi sono piaciuti persino i crauti! Su di tutto, ampie dosi di birra, che non √® particolarmente economica – il litrozzo costa tra i sei e i sette euro, e in certi locali non servono misure inferiori – ma √® varia e buona.

Soprattutto, ho scoperto una cosa eccezionale: il panino con dentro una fetta di cipolla fresca – magari anche un cetriolo – e un trancio di aringa marinata. Non l’avrei mai detto, e invece √® subito diventata una passione: cercher√≤ aringhe alla Bismarck per ogni dove.

L’unica nota negativa √® invece relativa alla voglia di lavorare dei tedeschi: voglio dire, era il primo maggio, ponte in tutta Europa, la citt√† era piena di turisti… e loro hanno chiuso tutto. Menzione speciale per la pinacoteca, il museo pi√Ļ rinomato della citt√†, che ha chiuso luned√¨ perch√® era luned√¨, e marted√¨ perch√® era il primo maggio: customer orientation, saltami addosso. Non ci si stupisce che le aziende tedesche spostino le fabbriche in Ungheria.

Nel frattempo, io mi segno sul calendario le date dell’Oktoberfest.

divider
 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2024 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike