Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Ven 7 - 3:41
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
sabato 12 Luglio 2008, 11:52

Arrangiarsi a morire

Ieri, nella bassa mantovana, è successo questo episodio agghiacciante.

In breve: un bracciante indiano, clandestino, ha un infarto mentre lavora nel campo. Il padrone italiano, invece di soccorrerlo, si preoccupa: se gli trovano un clandestino nel campo finirà nei guai. La soluzione è nota, perché è già avvenuta decine di volte nei cantieri e nei campi di mezza Italia: si carica il corpo in macchina e lo si scarica da qualche altra parte, dove non possa essere collegato al lavoro che stava svolgendo. L’italiano però non vuole sporcare la sua bella Audi: quindi ordina agli altri indiani di recuperare il loro scassone, più atto allo scopo. Questi ci mettono due ore; e così, solo allora il corpo viene spostato, e si può poi chiamare il medico della mutua del paese (nemmeno il 118).

Peccato però che l’indiano non fosse morto; quando il medico lo trova e chiama il 118, nonostante le ore trascorse sotto il sole dopo l’infarto, è ancora vivo; morirà poco dopo. Probabilmente avrebbe potuto essere salvato, se i soccorsi fossero stati chiamati subito.

La Stampa parla di “schiavo in Padania”, e già si capisce dove vuole andare a parare: è tutta colpa dei biechi agricoltori mantovani. Indubbiamente le persone coinvolte in questo caso saranno punite duramente; l’accusa non è nemmeno omissione di soccorso, ma omicidio volontario, partendo dal presupposto che questo comportamento implichi la volontà precisa di far morire la persona (dubito che la tesi regga al processo, ma vedremo). Incidentalmente, l’accusa riguarderà non solo il padrone italiano, ma anche i clandestini che hanno collaborato, pur con l’attenuante del ricatto lavorativo.

E quindi, già mi vedo l’ondata di indignazione che attraverserà blog e giornali; si scaricherà contro questo agricoltore, ci metterà dentro un po’ di anti-leghismo o di campanilismo anti-lombardo, si parlerà di razzismo, e poi finito lì, fino alla prossima morte. Tutto qui? E’ soltanto questione di agricoltori cinici e crudeli?

Io credo di no. Il problema è più grande, deriva dalla mentalità italiana, quella del giudicare le cose in modo astratto, del concentrarsi sulle teorie ideologiche e sulle risse da talk show invece che sui problemi concreti e sulle soluzioni pratiche. Perché il problema fondamentale nasce dall’avere milioni di persone, in Italia, che lavorano nei nostri campi e nelle nostre fabbriche ma non esistono; cioè, tutti sanno che esistono, ma guai ad ammetterlo apertamente.

In un paese civile, si direbbe: bene, abbiamo questi milioni di persone, vogliamo magari evitare di attrarne troppi altri, però questi ci servono per mandare avanti l’economia; troviamo un modo di gestirli, di dargli una condizione accettabile e qualche diritto, e insieme di controllare che non facciano danno e non si dedichino al crimine, altrimenti li puniamo con severità.

Da noi, no. Le uniche proposte sul tavolo sono: da una parte, una ideologia (di destra) secondo cui l’immigrato è un criminale a prescindere, minaccia la nostra meravigliosa cultura primigenia, va preso a sputi e comunque cacciato appena possibile; dall’altra, una ideologia (di sinistra) secondo cui l’immigrato è un santo a prescindere, va accolto e tutelato e aiutato molto più di quanto non si faccia con l’italiano medio, e se delinque non importa, anzi punirlo per i suoi crimini è razzismo.

Della realtà, non frega niente a nessuno; di trovare un compromesso accettabile ed efficace, che migliori le cose per tutti, meno che meno; l’interesse si concentra sulla discussione da talk show, sempre più esasperata, tra i sostenitori delle due ideologie. Andare a vedere chi delinque e chi lavora, espellere i primi e aiutare i secondi – operazione faticosa, ma unica via per l’integrazione – pare una idea folle, che si prende regolarmente le critiche di entrambi, essendo non abbastanza razzista per quelli di destra, e non abbastanza buonista per quelli di sinistra.

E quindi, continuiamo a non far niente. Non facciamo niente per i bambini rom; certo che prendergli le impronte non è il massimo della vita, ma sarà comunque un po’ meglio che abbandonarli allo sfruttamento dei loro genitori? E non facciamo niente per i braccianti indiani, salvo poi indignarci quando, a causa del loro status di fantasmi, ci rimettono la pelle sul prato.

Indigniamoci pure verso l’agricoltore mantovano; eppure mi pare difficile che fosse lì, bello contento, a gridare “meno uno, viva i Celti!” dopo che uno dei suoi lavoratori c’era rimasto secco. Più facile che, come tutti gli italiani, cercasse in qualche modo di arrangiarsi; di non rimanere col cerino in mano, vittima sacrificale di turno per gli editorialisti dei quotidiani e per le arringhe politiche ad uso delle telecamere.

Questo è un paese che, da secoli, si arrangia in tutto; che non risolve i problemi in modo sistematico, anzi non li risolve proprio, e lascia alla fantasia di chi per sfiga se li ritrova singolarmente sulle spalle il compito di trovare una via d’uscita, alle volte simpatica, talvolta geniale, quasi sempre irregolare e ogni tanto decisamente criminosa; o di restarci preso in mezzo.

E’ un peccato che, in un mondo globale, sovrappopolato e complesso dove la società può stare in piedi solo se organizzata come un orologio, arrangiarsi non funzioni più; non si possono mettere toppe su toppe. Non sono più solo i clandestini a morire; a forza di arrangiarsi, è l’intera nostra società che muore.

divider

8 commenti a “Arrangiarsi a morire”

  1. roberto celani:

    Quanto sano pragmatismo nelle sue parole! Degno di un probo cittadino celtico-padano.

    Ha ragione solo quando dice che è questa nostra società a morire.

    Anche se penso che sia già moralmente morto colui che di fronte a questo episodio ragiona ancora di astratta legalità.
    Non manifestare un briciolo di umana pietà e cercare giustificazioni per l’imprenditore di Viadana?
    Un esercizio che l’onestà intellettuale scoraggerebbe.

  2. Tizio:

    bene, dopo aver manifestato l’umana pietà, come risolviamo il problema? con l’onestà intellettuale? ottimo. e la sua, cosa ci propone?

  3. simonecaldana:

    La mia onesta’ intelletuale mi impone di notare che in quanto a gestione della societa’ siamo molto ma molto piu’ liberisti degli americani… nella prima meta’ del secolo abbiamo anche cercato di esportare il modello ma pare che Al Capone e Lucky Luciano abbiano commesso troppi errori nella gestione del cliente.

  4. vb:

    roberto: cvd. Mi pare che per lei l’obiettivo non sia capire perchè questi fenomeni si verificano e come evitarli, ma manifestare biasimo per il colpevole e umana pietà per il morto, pronti a manifestare biasimo per il colpevole e umana pietà per il morto di domani, e poi per quelli di dopodomani, e poi ancora, senza mai fare nulla per cambiare la situazione.

  5. Mike:

    Il discorso ovviamente non è clandestino o non clandestino.
    Il discorso è lavoratore in nero senza diritti oppure lavoratore regolare. Ovviamente è possibile gestire meglio un irregolare perché ha paura a rivolgersi all’autorità e del resto quando con l’ingresso della Romania nell’UE si sono verificati due trend differenti: l’imprenditore onesto che aveva cercato inutilmente di regolarizzare il dipendente, finalmente lo poteva fare lavorare in maniera regolare, mentre il padrone od il caporale, ma anche la signora con la colf o la badante, ha cacciato via il lavoratore perché ovviamente le marchette costano.

    Non è assolutamente vero poi che gli italiani non vogliono più fare certi lavori, è una scusa di certe sanguisughe che vogliono avere degli schiavetti da pagare niente. Se gli italiani li paghi un minimo, vedi che certi lavori li fanno eccome.

    NOTA PER I LAVORATORI AUTONOMI: il discorso di regolarità del lavoro vale che si tratti di lavoro dipendente, che di lavoro parasubordinato che di lavoro autonomo, in dipendenza del tipo di mansione svolta.

  6. raccoss:

    Povero il contadino! Eh si!
    E povera anche l’ Audi! Eh si!
    Ah beh, si beh,
    ho visto un…

  7. raccoss:

    Non so se funziona solo per le badanti, ma quella di un mio vicino si è spaccata la tibia cadendo dalla bici, l’hanno portata in ospedale, fatto i raggi ingessata e tutto quanto il necessaio senza fare la minima piega e senza che nessuno andasse a dire niente alla mia vicina.

  8. roberto celani:

    Gentile VB, il mio precedente intervento voleva solo criticare il suo approccio al problema, a mio avviso troppo pragmatico e ipocritamente legalitario.
    E finanche incoerente nell’approdare poi alla denuncia di rischio di morte della società, partendo però dalla ricerca di giustificazioni per chi sfrutta i nuovi schiavi.

    I successivi interventi sollecitano risposte su più piani.
    Ha ragione chi dice che la pietà non è sufficiente, anche se forse restituirebbe un minimo di umanità al giudizio.
    E se a quel sentimento peraltro necessario aggiungessimo l’onestà dei comportamenti personali e la giustizia ed equità in quelli sociali?

    O anche lei è convinto che sia possibile mantenere i nostri insostenibili standards di (in)civiltà e gestire di volta in volta i nodi che il pettine del capitalismo propone?

    Se così fosse, temo che la crisi prossima ventura spazzerà molte delle sue certezze.

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2020 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike