Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Ven 24 - 5:25
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

Archivio per il giorno 1 Settembre 2008


lunedì 1 Settembre 2008, 12:05

Economia africana

La principale attivit√† del Mozambico √® il non far niente. A tutti gli occidentali che si stupiscono di ci√≤ viene raccontata la storiella ormai famosa in tutta l’Africa e anche nei Caraibi: quella dell’uomo bianco che vede un pescatore nero sulla spiaggia, seduto a guardare il mare senza fare niente. Allora il bianco gli chiede: perch√© non stai lavorando? E il pescatore risponde: perch√© dovrei lavorare? Potresti comprarti una nuova rete, risponde il bianco. E il pescatore: e perch√©? Il bianco gli spiega che con una nuova rete prenderebbe pi√Ļ pesce. E il pescatore: e a cosa mi serve? Beh, dice il bianco, a forza di prendere pi√Ļ pesce e venderlo al mercato, a un certo punto diventeresti abbastanza ricco da poter smettere di lavorare. E il pescatore risponde trionfante che lui ha gi√† smesso di lavorare senza bisogno di tutta questa fatica!

Non fraintendetemi: Maputo √® una citt√† e, come tutte le citt√†, ha uffici, negozi, locali, attivit√† pubbliche e private che funzionano ogni giorno grazie alle persone del posto che ci lavorano. E’ solo diverso il concetto di lavoro e, soprattutto, il suo valore percepito, in termini morali prima ancora che economici. L’autista dell’ufficio – che guadagna cento euro al mese, che comunque qui sono abbastanza per mantenere le sue due compagne e i suoi cinque figli – ci ha detto che √® contento delle cose che ha realizzato – i figli, la casa, il televisore – ma che la sua vita √® durissima perch√© quasi tutti i giorni deve andare a lavorare. Un altro ragazzo incontrato il giorno prima – neolaureato, ben vestito, ora impiegato di uno dei vari progetti di cooperazione – ci ha detto tranquillamente che ora era contento di lavorare, ma che non aveva voglia di fare 40 minuti di autobus al mattino e altrettanti la sera, per cui andava a lavorare solo quando l’autista del suo progetto (tutti i progetti hanno macchine con autista sempre a disposizione) poteva passarlo a prendere, se no semplicemente non si presentava in ufficio.

Anche l’approccio al lavoro √® molto rilassato: si arriva, si chiacchiera un po’, si fa riunione, si mangia… sembra quasi un ministero italiano. Quasi nessuno dei locali √® veramente capace – in metriche occidentali – a fare il lavoro che fa. Per esempio, l’altra sera siamo andati a un ristorante e ci siamo seduti; per prima cosa ci hanno detto (in modo molto rilassato, e senza la scortesia tipica di un esercente italiano) che dovevamo fare in fretta perch√© erano l√¨ l√¨ per chiudere (mancavano tre quarti d’ora). Poi √® arrivata la cameriera a prendere le ordinazioni; qualsiasi cosa scegliessimo dal menu non c’era, per√≤ ce n’erano delle altre che sul menu non erano scritte. Alla fine la cameriera non era sicura, cos√¨ √® andata a chiedere in cucina se la cosa che volevamo (pi√Ļ o meno l’unica disponibile) c’era davvero. Poi l’abbiamo vista litigare col padrone, poi √® sparita e non √® pi√Ļ tornata, cos√¨ dopo un quarto d’ora uno di noi √® andato a chiedere. E’ venuto il padrone a dirci che in realt√† la disponibilit√† delle cose era ancora diversa, e ha suggerito che se volevamo “faceva lui”. Abbiamo accettato, e allora dopo una decina di minuti sono arrivate le zuppe, ma ne mancava una, e mancavano anche due cucchiai. Le bibite sono arrivate dopo altri cinque minuti e un paio di altri solleciti; poi ha cominciato ad arrivare il cibo, anche se nessuno, padrone compreso, era completamente sicuro di cosa sarebbe arrivato e in quali quantit√†. Alla fine era tutto assolutamente ottimo; abbiamo mangiato in abbondanza e ne abbiamo ancora lasciato l√¨; abbiamo speso circa dieci euro a testa, una cifra normale per qui, ma poco per i nostri standard. Ovviamente, quando abbiamo dato i soldi per pagare il conto, abbiamo dovuto sollecitare due volte per avere il resto; ma non perch√© volessero tenerselo, semplicemente perch√© l’incombenza gli passava di mente nel tragitto tra il tavolo e il bancone.

In effetti, il bianco √® molto apprezzato perch√© arriva qui con competenze che per il posto sono stratosferiche, e per mille o millecinquecento euro al mese √® disposto a fare moltissimo lavoro. Ci hanno detto che i locali con competenze comparabili non si sognano nemmeno di farlo: per fare lo stesso lavoro vogliono decisamente di pi√Ļ, altrimenti “non ne vale la pena”.

Ora, questo sarebbe comprensibile se ci fosse un mercato che in qualche modo giustifica questi stipendi; ma non √® cos√¨. Circa il 60% del PIL del Mozambico √® costituito da aiuti umanitari; una quota ulteriore sono rimesse dagli emigrati. L’economia privata √® inesistente; siamo a livelli persino peggiori della Calabria (di cui un’amica del posto mi spieg√≤ che il 77% dell’economia √® pubblico e parapubblico, e solo il 23% √® privato). A parte le piccole attivit√†, esiste qualche fabbrica sudafricana o comunque straniera; il resto √® sovvenzione e parastato.

Ci hanno detto che a Maputo c’√® il boom economico, e lo vediamo: per le strade circolano moltissime macchine tra cui parecchie nuove (quasi tutti fuoristrada Toyota, Hyundai o comunque giapponesi e coreani) e sono appena stati costruiti due complessi nuovi e scintillanti che sembrano un angolino di Los Angeles trapiantato in Africa: il primo √® il Maputo Shopping Center e il secondo √® la nuova sede del Ministero della Cooperazione (mentre gli altri ministeri sono ruderi o quasi). Io ingenuamente pensavo che fosse per via della globalizzazione: sta a vedere che qualche briciola della grande delocalizzazione occidentale √® finita anche qui. Invece no: c’√® il boom semplicemente perch√© alcuni dei paesi donatori hanno sensibilmente incrementato gli aiuti a fondo perduto.

Il flusso del denaro, qui, √® cos√¨: dai governi occidentali al governo locale, che ne trattiene l’80-90 per cento in corruzione, oppure a dipendenti locali di istituti e NGO occidentali, sotto forma di lavori artificialmente ben pagati. Dai mozambicani, i soldi finiscono per la maggior parte a una delle due compagnie di cellulari: la Mcel e la Vodacom, che tappezzano di pubblicit√† il paese, ovunque, in qualunque angolo, dipingendo dei loro colori le case e i negozi. Oppure, in una delle due banche che in centro hanno uno sportello ogni due isolati: la Millennium (portoghese) e la Barclay’s (inglese). Di l√¨, tornano in buona misura in Occidente, visto che quasi tutto deve essere importato, dai lavandini ai biscotti: di prodotto nazionale, a parte ottima verdura, carne e pesce, e forse i mattoni e il cemento, non c’√® niente di niente. Questo spiega come mai il prezzo di tutto sia quasi uguale a quello europeo, anche se i locali non potranno mai permettersi nulla di tutto ci√≤.

All’Hipermaputo, il maggior supermercato della citt√†, che non ha nulla da invidiare al Carrefour – prezzi compresi – tranne la birra perch√© √® posseduto da arabi e quindi non si vendono alcoolici, il cibo √® di provenienza insospettabile: buona parte dei prodotti hanno le etichette innanzi tutto in thailandese. Sono i misteriosi ricircoli del commercio globale, persino qui. L’Italia nemmeno qui √® veramente competitiva, ma almeno un po’ si difende: c’√® pasta Divella e Spigadoro – in mezzo a un mucchio di imitazioni con improbabili nomi paraitalici – e soprattutto c’√® lui, l’oggetto che pi√Ļ di ogni altro pianta la bandiera italiana in ogni angolo del pianeta: l’espositore Ferrero con i Kinder Bueno. Li ho comprati subito: giover√† alla nostra economia.

divider
 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2019 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike