Sky
Vittorio vb Bertola
Fasendse vëdde an sla Ragnà dal 1995

Mèr 29 - 11:08
Cerea, përson-a sconòssua!
Italiano English Piemonteis
chi i son
chi i son
guida al sit
guida al sit
neuve ant ël sit
neuve ant ël sit
licensa
licensa
contatame
contatame
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vej blog
vej blog
përsonal
papé
papé
fotografie
fotografie
video
video
musica
musica
atività
net governance
net governance
consej comunal
consej comunal
software
software
agiut
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet e faq
usenet e faq
autre ròbe
ël piemonteis
ël piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
vej programa
vej programa
travaj
consulense
consulense
conferense
conferense
treuvo travaj
treuvo travaj
angel dj'afé
angel dj'afé
sit e software
sit e software
menagé
login
login
tò vb
tò vb
registrassion
registrassion
sabato 24 Gennaio 2009, 16:26

Chi cerca non trova

Qualche giorno fa, mi hanno segnalato che la saga di Uruknet continua.

Per chi non lo conoscesse, Uruknet è un sito di informazione alternativa dall’Iraq occupato, in italiano e in inglese, di orientamento chiaramente contrario all’invasione americana e alla filosofia dei teocon bushiani. Da anni, Uruknet è in lotta con Google, perché, sostengono loro, sia Google News che il motore di ricerca eliminano sistematicamente il sito dai risultati presentati al mondo.

Io non so se la censura lamentata da Uruknet sia vera; è anche possibile che loro si stiano semplicemente scontrando con l’imperscrutabilità e i muri di gomma dei call center, come immagino sia quello che risponde alle richieste di spiegazioni da loro inviate a Mountain View.

Tuttavia, conoscendo gli americani, non rimarrei troppo sorpreso se Google davvero limitasse la visibilità di questo genere di informazioni: in fondo, l’Iraq (o meglio, quella sua parte che dopo anni ancora si rifiuta di farsi occupare o di farsi governare da una amministrazione messa lì da Washington) è un nemico dell’America e ogni americano, anche il più liberal, trova del tutto naturale usare ogni mezzo a propria disposizione contro i nemici dell’America.

Purtroppo, gli allarmi di questo genere si ripetono spesso: pensate all’episodio di censura lamentato da Beppe Grillo, che sulle prime anche a me è parso un caso di incomprensione delle caratteristiche del mezzo; eppure, andando al di là delle scontate prese per il culo da parte di fonti autorevoli come Mantellini e Il Giornale, qualcosa di strano c’era, anche se probabilmente era una incompatibilità culturale tra gli algoritmi di indicizzazione di Google e il fatto che Grillo rediriga i visitatori non chiaramente italiani (tra cui me, maledizione) alla versione inglese del suo sito.

Insomma, il problema è che la visibilità su Google, e in misura minore sugli altri motori di ricerca, è ormai vitale per qualsiasi sito; se essa viene a mancare, il sito rimane effettivamente censurato e quasi completamente invisibile. A questo punto, diventa irrilevante che la cosa dipenda da Google o da qualche particolare tecnico (o errore vero e proprio) del sito indicizzato. Come in tante altre cose, il problema tecnico genera un effetto politico potenzialmente rilevante, tale da non permettere di liquidare l’incidente come una semplice questione tecnica da delegare agli ingegneri.

Io credo, insomma, che si dovrebbe tutti insieme trovare una strada per permettere a Google e agli altri motori di ricerca di fare il proprio mestiere senza lacciuoli, ma anche perché sia possibile a chiunque ottenere una spiegazione trasparente sul come mai certi contenuti non appaiono, in modo da risolvere i problemi anziché gridare subito alla censura; e così intrinsecamente verificare che i motori di ricerca non barino.

divider

2 commenti a “Chi cerca non trova”

  1. dariofox:

    vb: non so se hai mai provato ad evitare un sito ed evirare di essere su Google.
    Un mio collega, ad esempio, ha faticato parecchio per poter rendere il suo sito NON indicizzato… e renderlo quindi accessibile solo a chi gli chiedeva esplicitamente l’indirizzo.
    In un certo senso capisco l’esigenza: l’avere casa in un luogo accessibile da tutti non significa che io sia felice che tutti possano sapere dove abiti.

  2. D# AKA BlindWolf:

    Sul sito di Grillo:

    1) che la home sia in italiano o in inglese probabilmente dipende dall’identificazione del browser e della sua lingua predefinita (con FF ed Opera entro in inglese, con Avant Browser in italiano). Prova a guardare un phpinfo() che HTTP_USER_AGENT ti dà.

    2) sull’episodio della presunta censura ha peccato molto di presupponenza, ma è anche vero che:
    2a) sarebbe più furbo che Google Suggest mostrasse le pagine più corrispondenti anzichè le ricerche più frequenti
    2b) se uno scrive “Beppe Grillo” sulla input box di Google non si ferma a digitare perchè non lo trova nell’elenco
    2c) il fan di Grillo molto probabilmente già conosce l’URL del sito (appunto per questo era poco cercato)
    2d) se uno cerca “Beppe Grillo” su Google oltre al blog dell’interessato troverà (soprattutto) palate di pagine di critica rivolta al comico genovese

 
Creative Commons License
Cost sit a l'è (C) 1995-2022 ëd Vittorio Bertola - Informassion sla privacy e sij cookies
Certidun drit riservà për la licensa Creative Commons Atribussion - Nen comersial - Condivide parej
Attribution Noncommercial Sharealike