Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Dom 26 - 7:26
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

Archivio per il giorno 24 Marzo 2009


martedì 24 Marzo 2009, 17:07

La metro di Boston

Il nostro viaggio a Boston √® finalmente arrivato a Boston, e questo √® gi√† qualcosa: siamo ospitati da un’amica che questa settimana √® a Washington, e che ci ha lasciato la casa in condivisione con un’altra coppia di ospiti. E’ un’esperienza interessante, perch√© la casa √® veramente americana, in un quartiere davvero americano, abitato prevalentemente da professori di Harvard: quindi si tratta di una immensa distesa di case indipendenti o al massimo bifamiliari, ognuna delle quali di due o tre piani. La nostra conta il regolamentare garage al piano interrato, un primo piano tutto aperto dove si trovano la cucina e il salone, un secondo piano con due camere da letto, e un terzo piano a mansarda con altre due camere da letto. Ogni piano ha il suo ufficetto ovale, ed √® da quello del terzo – potere del wi-fi – che vi sto scrivendo in questo momento.

Sicuramente avrete sentito parlare di Boston come pi√Ļ antica tra le citt√† americane (fu fondata nel 1630), come un centro di cultura e di politica. In realt√†, la cosa che colpisce subito di Boston √® che √® la citt√† trasportisticamente pi√Ļ sfigata d’America. Certo, la sua geografia √® particolare: il centro si trova su una penisola che si protende sull’estuario di un fiume, per cui i collegamenti non sono agevoli. Qui, per√≤, l’anarchia di mercato americana ha fatto gravi danni: tanto √® vero che il progetto per risolvere il problema del traffico una volta per tutte, riempiendo la citt√† di tunnel per trent’anni e 22 miliardi di dollari, ha lasciato in eredit√† non solo i conti da pagare, ma tutta una serie di polemiche; in particolare da quando si √® scoperto che gli appaltatori hanno risparmiato sul cemento, fino a quando un pezzo di tunnel non √® crollato sulle auto in transito.

E’ in questo scenario che ho vissuto una esperienza ridicola: prendere la linea grigia (pardon, argento) della metro di Boston, che collega l’aeroporto col centro. Gi√†, perch√© qualche sospetto dovrebbe venirti gi√† quando compri il biglietto e ti trovi davanti una scritta che dice “aspettate la linea grigia sul bordo del marciapiede fuori dal terminal”. Non √® molto normale aspettare la metro in mezzo alla strada, e infatti a un certo punto arriva un bus, vecchio e strapieno di gente pigiata, con sopra scritto “SILVER LINE”. Tu lo prendi pensando che sia la navetta che ti porta alla fermata della metro, e invece no: √® proprio la metro.

Gi√†, perch√© in tutto questo ambaradan di lavori pubblici che partono, si incrociano, poi a met√† vengono cambiati, poi cancellati e poi rifatti in un altro modo, a un certo punto hanno scoperto che non potevano far passare i binari della metro nello stesso tunnel sotto l’estuario che ospita le auto dirette all’aeroporto; e cos√¨ ci hanno messo i bus. Per√≤, quando i bus escono dal tunnel, fanno tutto un giro dell’oca per arrivare all’ingresso del percorso previsto per la metro, dove magicamente (in soli due minuti di cristoni dell’autista) tirano fuori un pantografo e passano all’alimentazione elettrica, diventando dei filobus.

Dopodich√© percorrono un pezzo di strada, poi arrivano al punto dove la metro doveva scendere sotto terra; e infatti inizia un tunnel bloccato da una sbarra, al che l’autista tira fuori il telecomando e apre la sbarra, un po’ come facciamo noi per entrare in garage, e poi si infila nel tunnel. Che √® un tunnel della metro, di forma quasi quadrata, largo come il bus pi√Ļ 20 centimetri per lato, dove invece dei binari hanno messo l’asfalto; l√† dove una metro sfreccerebbe a cento all’ora, c’√® un povero autista che deve guidare a mano un grosso bus a venti, stando attento a non rifarsi la fiancata nelle curve. Ed √® surreale arrivare a delle vere e proprie fermate sotterranee della metro, dove per√≤ invece fermano i bus. Un capolavoro di organizzazione dei trasporti pubblici, non c’√® che dire!

L’America √® cos√¨: prendere o lasciare. Alle volte l’esasperazione del marketing d√† risultati interessanti: per esempio JetBlue ha trovato un sistema furbo per conciliare low cost e servizio a bordo da major, cio√® ti d√† gratis le bevande a bordo, addirittura a volont√†, ma solo se le chiedi o te le vai a prendere da solo; e il risultato √® che la maggior parte dei clienti, sui brevi voli interni, lascia perdere, ma intanto il servizio c’√®. Altre volte invece escono fuori aborti come la Silver Line; del resto, se l’obiettivo dei servizi pubblici europei √® offrire il miglior servizio possibile senza perderci troppo, l’obiettivo di quelli americani – che, come spiega Homer Simpson, sono rigorosamente per i perdenti – √® di trasportare messicani, neri e turisti europei solo a patto di mantenere i conti accettabili; manutenzione, pulizia, frequenza del servizio sono le prime cose su cui si risparmia.

Ieri sera per√≤ siamo andati a fare la spesa: e cos√¨ ho provato un ipermercato americano, quasi dieci anni dopo la prima esperienza a San Jose. Tutto √® parecchio caro – Boston √® una delle citt√† pi√Ļ care d’America – ma alla fine non ci sono poi tutte queste differenze, a parte il fatto che non potrei mai vivere qui perch√© non esistono n√© il salame n√© lo sgombro sott’olio. Ma c’√® la pasta Barilla, De Cecco, Buitoni e Giovanni Rana, e hanno persino i sughi Sacl√†.

D’altra parte, tutto √® in confezioni giganti (c’era del sugo di pomodoro in una tanica di plastica da un paio di litri, come fosse benzina) e ovunque c’√® il buffet del cibo a peso: decine di vaschette con ogni genere di piatto, dall’insalata alle bistecche, che tu puoi prendere e mescolare nel tuo contenitore, pagando poi a peso, da sei a otto dollari a libbra: ieri all’aeroporto mi sono sparato un mescolone assurdo di riso, pur√©, bistecca, manzo e verdure, pesce al forno e pollo in salsa barbecue, eccellente!

Per√≤ ancora non mi spiego com’√® che qui le scatole di latta siano tuttora prive di anello: sar√† che in ogni casa c’√® l’apriscatole elettrico?

divider
 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2019 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike