Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Sab 2 - 1:07
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione

Archivio per il giorno 15 Ottobre 2009


giovedì 15 Ottobre 2009, 11:59

Abba vive

Stamattina, a Vercelli, √® salito sul treno un signore anziano e distinto, sui settant’anni, in giacca e cravatta. Si √® distintamente accomodato sulla poltrona davanti a me e ha distintamente estratto una copia de Il Giornale (ormai sui treni Torino-Milano √® almeno altrettanto letto di Repubblica).

Io ero l√¨ che ascoltavo i classici degli anni ’90 (tipo, Your Woman di White Town) e non ho potuto fare a meno di ridacchiare amaramente leggendo l’inizio dell’editoriale di Feltri, che sotto il titoletto “Il clima d’odio” sparava a tutta pagina “VOGLIONO UCCIDERE BERLUSCONI” e iniziava parlando di “questa Italia in cui i fanatici e i buzzurri hanno avuto il sopravvento sui cittadini impegnati a produrre e a superare la crisi” (cacchio, sembrano proprio i miei post). Feltri che si lamenta del clima d’odio √® un po’ come la Juve che si lamenta degli errori arbitrali, dunque sono passato appropriatamente all’ascolto di Shpalman, e la cosa sarebbe potuta finire l√¨.

Tuttavia, due minuti dopo √® arrivato il controllore, e il signore anziano ha distintamente estratto un biglietto non obliterato. Il controllore non ha detto una parola, nemmeno “non si fa”: ha preso una penna, ha scritto la data sul biglietto e gliel’ha restituito come se fosse la cosa pi√Ļ normale del mondo.

E avendo visto sì torme di controllori ignorare bellamente i gruppi di neri sul treno senza biglietto, ma anche torme di controllori aggrapparsi a qualsiasi stupidaggine se si trovano in maggioranza numerica davanti a una persona in fallo non italiana, ho pensato che in quel momento Рsu di treno diurno, pieno di italiani, in cui il personale non avrebbe subito alcun pericolo di ritorsioni Рse il controllore avesse avuto davanti un immigrato sarebbe finita molto diversamente.

In realtà, quel signore mi sembrava un anziano fragile, di quelli che cercano in Vittorio Feltri le certezze di un tempo che fu, quando i treni arrivavano in orario e non li si doveva condividere con tutte le puttane della Nigeria.

Ma magari era solo uno stronzo.

[tags]vercelli, giornale, feltri, berlusconi, shpalman, treni, controllori, biglietti, razzismo, immigrazione[/tags]

divider
giovedì 15 Ottobre 2009, 11:50

Abba stanza

Cari centrosocialisti milanesi, ho capito che “Abba vive” e “Fornace resiste”, ma dovete proprio scriverlo su ogni centimetro quadrato dei finestrini del mio treno?

[tags]milano, treni, passante, razzismo, vandalismo, abba, fornace, rispetto per il bene pubblico[/tags]

divider
 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2023 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike