Sky
Vittorio vb Bertola
Fasendse vëdde an sla Ragnà dal 1995

Lùn 13 - 6:09
Cerea, përson-a sconòssua!
Italiano English Piemonteis
chi i son
chi i son
guida al sit
guida al sit
neuve ant ël sit
neuve ant ël sit
licensa
licensa
contatame
contatame
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vej blog
vej blog
përsonal
papé
papé
fotografie
fotografie
video
video
musica
musica
atività
net governance
net governance
consej comunal
consej comunal
software
software
agiut
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet e faq
usenet e faq
autre ròbe
ël piemonteis
ël piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
vej programa
vej programa
travaj
consulense
consulense
conferense
conferense
treuvo travaj
treuvo travaj
angel dj'afé
angel dj'afé
sit e software
sit e software
menagé
login
login
tò vb
tò vb
registrassion
registrassion

Archivio per il giorno 28 Agosto 2010


sabato 28 Agosto 2010, 12:05

Ricontiamo anche i soldi?

Mi preme sottolineare subito che non sono io che ce l’ho col PD, sono loro che riescono sempre a stupire in negativo!

Veniamo al dunque: quei pochi di voi che sono interessati alla vicenda del riconteggio dei voti delle ultime elezioni regionali piemontesi, per capire se Cota ha vinto veramente oppure no, sapranno che essa si è arenata su un problema concretissimo: chi paga i trecentomila euro che, secondo gli enti competenti, sono necessari per tirar fuori le duemilatrecento urne dal deposito giudiziario, aprirle davanti a personale qualificato, tirare fuori quelle cinque o sei schede per seggio con il voto per le liste contestate e verificarle di nuovo?

Invano il TAR ha fatto notare che il problema non sussiste: a norma di legge, le spese andranno pagate da chi perde la battaglia legale, o comunque divise tra le parti come decider√† il giudice. Anzi forse √® proprio questo il problema: dopo aver montato su un casino di questo livello, entrambe le coalizioni (o meglio: i ricorrenti da un lato, e gli autori delle presunte irregolarit√† dall’altro) hanno paura di prendersene la responsabilit√†, anche economica.

Del resto √® noto che buona parte del centrosinistra non veda affatto di buon occhio i ricorsi, che rischiano di farli passare per “quelli che ribaltano il voto popolare grazie alle toghe rosse” e inoltre di fargli ritrovare in casa la Bresso, che molti suoi colleghi di partito vedono come il fumo negli occhi e sono ben contenti di essersi tolta dalle scatole. E cos√¨, c’√® chi dice che questo problema dei fondi, con relativa melina da parte di istituzioni vicine al centrosinistra, sia stato montato ad arte per far finire la cosa nel nulla.

Per spezzare questa impasse, come avrete letto, noi del Movimento 5 Stelle Piemonte abbiamo lanciato una proposta provocatoria ma anche pi√Ļ concreta di quanto sembri: visto che noi abbiamo rinunciato a 130.000 euro di rimborso elettorale solo di quota per il 2010, che lo Stato usi quei soldi per pagare almeno in parte il riconteggio.

Sono invece rimasto basito a leggere la “provocazione” lanciata in risposta dal Partito Democratico piemontese: per pagare il costo del riconteggio delle schede, verr√† aperta una sottoscrizione alla festa nazionale del PD che apre oggi in piazza Castello. Ma scusate, √® lo stesso PD che, solo in Piemonte, solo per le elezioni regionali e solo come quota di quest’anno, incassa oltre 800.000 euro di fondi pubblici come rimborso elettorale? Se vogliono finanziare il riconteggio, possono benissimo prendere i fondi da l√¨… no?

La cosa pi√Ļ triste per√≤ saranno i militanti e simpatizzanti del partito, magari cassintegrati o precari, che si toglieranno qualche euro dal portafoglio bucato pur di “aiutare la causa”. Cari amici, datevi una svegliata… invece dell’euro, andate l√¨ e infilate un foglietto con scritto “i nostri soldi gi√† ve li siete presi, usate pure quelli”!

divider
 
Creative Commons License
Cost sit a l'è (C) 1995-2020 ëd Vittorio Bertola - Informassion sla privacy e sij cookies
Certidun drit riservà për la licensa Creative Commons Atribussion - Nen comersial - Condivide parej
Attribution Noncommercial Sharealike