Sky
Vittorio vb Bertola
Fasendse vëdde an sla Ragnà dal 1995

Sab 24 - 20:26
Cerea, përson-a sconòssua!
Italiano English Piemonteis
chi i son
chi i son
guida al sit
guida al sit
neuve ant ël sit
neuve ant ël sit
licensa
licensa
contatame
contatame
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vej blog
vej blog
përsonal
papé
papé
fotografie
fotografie
video
video
musica
musica
atività
net governance
net governance
consej comunal
consej comunal
software
software
agiut
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet e faq
usenet e faq
autre ròbe
ël piemonteis
ël piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
vej programa
vej programa
travaj
consulense
consulense
conferense
conferense
treuvo travaj
treuvo travaj
angel dj'afé
angel dj'afé
sit e software
sit e software
menagé
login
login
tò vb
tò vb
registrassion
registrassion
martedì 24 Agosto 2010, 10:15

Tra sogno e realtà

Fa piacere leggere che ieri mattina il presidente della Regione Cota, tornato dalle ferie, si è subito occupato di un problema urgentissimo: visitare la Reggia di Venaria (anche se naturalmente lui precisa che “la conoscevo già”, un po’ come conosceva il monte simbolo del Piemonte, il Cervino) per capire se potrebbe ospitare il G8. Certo, non c’è alcun G8 in vista; il prossimo ci toccherà nel 2017, ammesso che nel 2017 esista ancora l’Italia e che sia ancora tra le otto nazioni più importanti del pianeta, e ammesso che, come tutti danno per scontato a brevissimo, il G8 non venga sostituito dal G20 o comunque da una entità allargata anche alle nuove potenze del pianeta.

Ma Cota, nel dubbio, si porta avanti; e conclude che la carta vincente è la sinergia tra Reggia di Venaria e Parco della Mandria, con la possibilità di ricevere gli ospiti in “un meraviglioso parco che oltre ad avere risorse naturalistiche eccezionali ha anche possibilità di ospitare turisti negli edifici già ristrutturati ad albergo o che lo saranno”.

Allora, glielo dice qualcuno a Cota che soltanto ieri hanno annunciato la chiusura del 90% del parco perché gli alberi secolari non stanno più in piedi e cascano in testa alla gente, e nessuno sa come affrontare il problema?

L’uscita di Cota è chiaramente un espediente per occupare ancora una volta i giornali estivi, e magari, come si legge al fondo dell’articolo, per fare pressione per un riassetto amministrativo dei due enti che premi qualche suo uomo. Ma in fondo è significativa: di una classe politica che vive di sogni o che pensa di mantenere il consenso facendoci vivere di sogni, mentre tutto attorno crollano anche gli alberi che erano in piedi da duecentocinquant’anni.

divider

Un commento a “Tra sogno e realtà”

  1. valeskywalker:

    spero tanto che il G8 prima del 2017 diventi G9 con la Polonia :-D

 
Creative Commons License
Cost sit a l'è (C) 1995-2020 ëd Vittorio Bertola - Informassion sla privacy e sij cookies
Certidun drit riservà për la licensa Creative Commons Atribussion - Nen comersial - Condivide parej
Attribution Noncommercial Sharealike