Sky
Vittorio vb Bertola
Wandering on the Web since 1995

Mon 4 - 11:25
Hello, unidentified human being!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
about me
about me
site help
site help
site news
site news
license
license
contact me
contact me
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
old blogs
old blogs
personal
documents
documents
photos
photos
videos
videos
music
music
activities
net governance
net governance
town council
town council
software
software
help
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet & faqs
usenet & faqs
stuff
piemonteis
piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
ancient software
ancient software
biz
consultancy
consultancy
talks
talks
job placement
job placement
business angel
business angel
sites & software
sites & software
admin
login
login
your vb
your vb
register
register
mercoledì 24 Maggio 2006, 13:55

Quello che vedete di me

Da una decina d’anni, cioè da quando esiste, sono iscritto a Punto Informatico. Da quando esiste, sono iscritto anche a Virgolette, il servizio che ogni giorno invia a mezza Italia una citazione salace o buffa presa da qualche parte in rete. E, lo confesso, mi è successo un certo numero di volte di pensare: chissà se prima o poi citeranno anche me.

Ebbene, è successo oggi: prima ancora che mi arrivasse la mail, è venuto in chat Simone a dirmi che ero apparso su Virgolette. Così sono andato a verificare sul sito, chiedendomi che cosa mai avessero citato: un giudizio politico? una battuta divertente? un consiglio tecnico?

Nulla di tutto ciò: la frase è la seguente: …credo che Internet abbia esaurito il proprio potere comunicativo. Se non altro, è una finta mockery, versione onanistico-nevrotica, di ciò che i rapporti interpersonali dovrebbero essere in una società sana

Io l’ho letta, ho strabuzzato gli occhi, e ho detto: ma ho veramente scritto questa roba? La firma diceva “Toblog, aprile 2006”, ma all’inizio ho addirittura pensato che fosse un commento di qualcuno (se non fosse che commentate sempre in pochi…). Invece, l’ho davvero scritta io, qui.

Quando ho scritto quel post, ero in uno stato mentale piuttosto alterato, dovuto alle trentasei ore di aereo appena sopportate per tornare dalla Nuova Zelanda, e ad una delle mie cicliche ondate depressive, che mi tendono agguati imprevedibili e poi, come un giorno improvviso di nuvole grigie in mezzo a un periodo di anticiclone, si dissipano completamente. La citazione da Blue Monday dei Flunk era quindi appropriata, e lo stile volutamente ampolloso anche.

E la sostanza, tutto sommato, non è sbagliata: stante che una delle cause di quel post e di quello stato era legata agli effetti collaterali dei miei periodici sfoghi – e qui colgo l’occasione per ringraziare, senza il minimo intento sarcastico, la ex donna della mia vita, che, oltre a tante altre cose, è stata la Beatrice di alcune delle mie produzioni letterarie più struggenti – mi ero lucidamente reso conto che comunicare via Internet, via blog, è un modo traverso e distorto, onanistico e nevrotico appunto, per non dover vincere la paura di comunicare direttamente con gli altri.

E siccome i miei momenti devastati occupano al più un paio di giorni al mese, ma ci sono sempre tutti gli altri per comportarsi e vivere felicemente, colgo l’occasione per sottoscrivere di nuovo il messaggio.

Allo stesso tempo, mi resta la sensazione inquietante che l’unico messaggio che passi veramente, di tutto quello che scrivo, sia proprio lo spettacolo d’arte varia; che indubbiamente dev’essere interessante per chi è meno coinvolto, deve fare incazzare chi è più coinvolto, ma dal mio punto di vista è solo una piccola parte del tutto.

divider

3 commenti a “Quello che vedete di me”

  1. elenab:

    rassegnati: ognuno vede di te quello che vuole… e, per dirmi d’accordo, almeno nel senso generale, con la tua frase “degna di citazione”, c’è chi ha la fortuna di vedere e conoscere, di te, non solo quello che scrivi :)

  2. Piero:

    Quella frase ha un fondo di verità che mi piace esprimere con un limite matematico:

    lim 1/x = 0
    x–>oo

    Quello è il potere comunicativo di Internet: zero per x tendente a infinito.

    Tuttavia ribaltando:

    lim 1/x = oo
    x –>0

    Il potere comunicativo di Internet diventa infinito per x che tende a zero.

    Quei limiti li puoi applicare anche alla società sana, se ad x associ il numero delle persone che ti stanno attorno e che comunicano tra di loro. Infatti quando x tende a zero, vuol dire che uno resta sempre più solo, ed è in quella circostanza che il potere comunicativo tende a raggiungere l’infinito, nella solitudine.

    Non per niente Gesù all’inizio della sua predicazione andò nel deserto per 40 giorni come dice Marco 1,12-13 e alla fine il suo potere comunicativo ha raggiunto miliardi di persone.

  3. Simone:

    prendi anche tu il sole sulla capoccia per 40 giorni e poi dimmi se non ti vengono ispirazioni mistiche.

 
Creative Commons License
This site (C) 1995-2022 by Vittorio Bertola - Privacy and cookies information
Some rights reserved according to the Creative Commons Attribution - Non Commercial - Sharealike license
Attribution Noncommercial Sharealike