Sky
Vittorio vb Bertola
Fasendse vëdde an sla Ragnà dal 1995

Mèr 29 - 8:13
Cerea, përson-a sconòssua!
Italiano English Piemonteis
chi i son
chi i son
guida al sit
guida al sit
neuve ant ël sit
neuve ant ël sit
licensa
licensa
contatame
contatame
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vej blog
vej blog
përsonal
papé
papé
fotografie
fotografie
video
video
musica
musica
atività
net governance
net governance
consej comunal
consej comunal
software
software
agiut
howto
howto
internet faq
internet faq
usenet e faq
usenet e faq
autre ròbe
ël piemonteis
ël piemonteis
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
vej programa
vej programa
travaj
consulense
consulense
conferense
conferense
treuvo travaj
treuvo travaj
angel dj'afé
angel dj'afé
sit e software
sit e software
menagé
login
login
tò vb
tò vb
registrassion
registrassion

Archivio per il giorno 28 Novembre 2006


martedì 28 Novembre 2006, 17:17

Meteopatia

Nella mia costante e gioiosa riscoperta delle nostre radici animali, osservo sempre più spesso come il nostro umore sia drammaticamente legato al tempo che fa, e ovviamente alle stagioni.

Oggi, in particolare, a Torino è una giornata grigissima, con una cappa pesante di nuvole e una pioggerellina che invade l’aria in modo fastidioso. Ero giù di morale, ma pensavo di essere l’unico, e che questo fosse dovuto soprattutto ad altre questioni, come alcune mancate risposte e persone lontane. E invece, ho pescato un paio di amici in chat, e ho scoperto che stavamo tutti pensando la stessa cosa, ognuno attribuendola a fatti diversi e che non c’entravano nulla con l’atmosfera, ma ognuno concludendo invariabilmente: che giornata grigia e deprimente!

Ma il massimo s’è toccato quando mi ha telefonato mio zio – col quale, dopo mesi che non ci vediamo, avevo combinato un kebab al volo in piedi sotto casa sua per questa sera – e mi ha detto: “Senti, visto che la giornata è veramente grigia, perchè non andiamo a farci una cena decente?”.

Eppure, questo ritrovarmi in balia dei cicli millenari delle stagioni, esattamente come i nostri antenati di un milione di anni fa, invece di preoccuparmi mi rassicura: in fondo, anche giornate uggiose come questa fanno parte della normalità della vita. Basta accendere un fuoco, procurarsi un bel cinghiale arrosto, e stare in compagnia.

divider
martedì 28 Novembre 2006, 17:08

Offertone

So che tra un po’ comincerete a pensare che mi diano la percentuale, ma stamattina ho fatto un po’ di spesa veloce da Lidl e ho scoperto che questa settimana, in offerta a 8,99 euro, c’è addirittura un telecomando universale multi-apparecchio e programmabile. Non l’ho ancora aperto nè provato (l’ho comprato per la montagna), ma stando alla confezione pare essere non uno di quelli programmabili col codice, ma addirittura uno di quelli in grado di imparare i codici dal telecomando originale, fronte a fronte, e quindi in grado di funzionare con qualsiasi modello di apparecchio voi abbiate. In più, avendo i selettori per i vari apparecchi, se la memoria è sufficiente può controllare tutti gli apparecchi elettronici di casa.

Non garantisco nulla, ma se volete provare affrettatevi: di solito queste offerte spariscono al volo.

divider
martedì 28 Novembre 2006, 10:40

Fondi pensione

Con la riforma del TFR, sono tornati di moda i fondi pensione privati: quelli in cui tutti noi dovremmo versare i nostri soldi per costruirci una pensione, visto che di quella pubblica vedremo ben poco.

Io da qualche anno ne ho uno; lavorando in proprio, non ho un fondo pensione di categoria, ma ho scelto un fondo pensione azionario di uno dei maggiori gruppi assicurativi italiani (Toro, ovviamente). Da bravo bambino, invece di fumarmi i miei soldi in alcool donne e macchine veloci, ci verso ben 300 euro al mese.

Ebbene, un’occhiata più attenta alle ricevute di versamento mi ha confermato che di questi 300 euro ben 18, ogni mese, finiscono in “spese” e “costi di gestione”. Si tratta del sei per cento! Io ho scelto un fondo azionario, ma se avessi preso un obbligazionario, quattro o cinque della trentina di anni che mi mancano alla pensione se ne sarebbero andati solo per recuperare il costo del versamento…

Il mio non è un caso isolato: pare che tutti i fondi pensione dei gruppi assicurativi italiani costino più o meno così. D’altra parte, sono soldi che vedrai tra quarant’anni, chi vuoi che faccia caso a un “prelievino”?

Meno accettabile è come il governo, che spinge queste forme di previdenza a manetta e le sostiene concedendo a chi le sottoscrive agevolazioni fiscali significative, non abbia pensato a mettere un tetto al “prelievino” forzato. O forse ci ha pensato, poi si è guardato negli occhi (quelli di azionista politico di riferimento di grandi gruppi assicurativi come Unipol, ad esempio; ma il governo precedente aveva Mediolanum) e si è detto: ma no, dai…

divider
 
Creative Commons License
Cost sit a l'è (C) 1995-2024 ëd Vittorio Bertola - Informassion sla privacy e sij cookies
Certidun drit riservà për la licensa Creative Commons Atribussion - Nen comersial - Condivide parej
Attribution Noncommercial Sharealike