Sky
Vittorio vb Bertola
Affacciato sul Web dal 1995

Lun 16 - 19:12
Ciao, essere umano non identificato!
Italiano English Piemonteis
home
home
home
chi sono
chi sono
guida al sito
guida al sito
novità nel sito
novità nel sito
licenza
licenza
contattami
contattami
blog
near a tree [it]
near a tree [it]
vecchi blog
vecchi blog
personale
documenti
documenti
foto
foto
video
video
musica
musica
attività
net governance
net governance
cons. comunale
cons. comunale
software
software
aiuto
howto
howto
guida a internet
guida a internet
usenet e faq
usenet e faq
il resto
il piemontese
il piemontese
conan
conan
mononoke hime
mononoke hime
software antico
software antico
lavoro
consulenze
consulenze
conferenze
conferenze
job placement
job placement
business angel
business angel
siti e software
siti e software
admin
login
login
your vb
your vb
registrazione
registrazione
giovedì 27 Dicembre 2007, 20:04

Poste

Oggi ho avuto un incontro ravvicinato con le Poste che merita di essere raccontato.

Dovendo inviare una raccomandata e pagare un bollettino, mi sono infatti recato all’ufficio postale vicino al mio ufficio, quello di via Stradella angolo via Sospello. Si tratta del classico ufficio postale di periferia, quello dove si realizza l’incontro perfetto: una manciata di impiegate imbranate, pigre e permanentemente incazzate a servire un’accolita di vecchietti che utilizza l’ufficio postale come centro d’incontro (alle volte li vedi pagare un bollettino e poi rifare la coda per pagare il secondo, per stare l√¨ ancora un po’ e non dover tornare a casa a star soli, poveri).

Il problema √® che, quelle rare volte in cui in uno di questi uffici entra un essere umano, egli viene colto dalla spiacevole sensazione di essere piombato dentro Il ritorno dei morti viventi, o in un universo parallelo del quale non sospettava l’esistenza.

Oggi sono arrivato circa alle 13, e l’ufficio postale straboccava di gente: prevalentemente vecchietti, ma anche un paio di esseri umani, con cui abbiamo subito solidarizzato. Dall’altro lato del vetro c’erano effettivamente tre postali tipici: donne con una et√† superiore al quoziente intellettivo. Io ero comunque fortunato, in quanto la coda all’unico sportello dedicato alle raccomandate era solo di cinque persone, mentre quella per i bollettini era oceanica.

Peccato che allo sportello ci fosse un vecchietto che stava spedendo pacchi di Natale in ritardo, in luoghi che come parte dell’indirizzo avevano stringhe che suonavano come “su pirru”, “sa puzzetta” e “sas perdas de lupu”, o cose cos√¨: insomma ci son voluti dieci minuti per smaltire solo lui. Nel frattempo √® arrivata in fondo alla fila una signora con un pacco da spedire; l’impiegata la squadra e le fa “Eh no, scusi, non pu√≤ arrivare con un pacco cos√¨ tardi!” La signora √® basita, visto che manca ancora mezz’ora alla chiusura, ma l’impiegata sbuffa e decide autonomamente che deve farla passare davanti a tutti, se no poi il pacco non partir√†.

A questo punto arriva allo sportello un tizio che deve inviare cinque raccomandate; si fa dare i cinque foglietti e comincia a compilare, visto che per inviare una raccomandata √® ancora necessario compilare vari rotoli di papiro egizio di diverse forme e dimensioni. Egli invita quindi il signore successivo a passare allo sportello, mentre lui compila; peccato che l’impiegata di cui sopra risponda con tono incazzato che lei sta gi√† servendo qualcuno (cio√® il tizio che scrive). Al suggerimento che forse si pu√≤ ottimizzare e sveltire la coda gestendola in parallelo, lei non risponde, ma si mette a riordinare pile di carta e di pacchi sul fondo dell’ufficio; e poi ci dice che cos√¨ si mette avanti col lavoro, se no le tocca restare mezz’ora dopo l’orario di chiusura (ossia uscire da lavoro ben alle 14,30). Io subito penso che comunque la coda si accumula, per cui √® semplicemente un modo per far aspettare di pi√Ļ la gente in coda, che per√≤ andr√† poi servita; poi penso meglio e realizzo che, come ho fatto io tante volte, se c’√® troppa coda la gente non entra nemmeno, quindi cos√¨ facendo l’impiegata si libera di un po’ di potenziali clienti.

A questo punto ci godiamo anche la scena di due vecchietti che arrivano, dopo quaranta minuti di coda, allo sportello a fianco, e chiedono di aprire un libretto di risparmio. L’impiegata di quello sportello fa una faccia scandalizzata, e dice: “Ma no! Signora, ma non vede quanta gente? Aprire un conto √® un’operazione lunga, non possiamo farla adesso! Torni domani mattina all’apertura, alle 8 – 8,30 al massimo!” E io penso dove altro nel mondo potrei vedere una istituzione finanziaria che riceve un nuovo cliente che vuole depositare dei soldi e lo manda via sgarbatamente…

Per chiudere in bellezza, quando io finalmente sono allo sportello arriva una signora africana piuttosto anziana, si infila nella coda, batte sullo sportello e dice testualmente: “Io qui per polizia!”. Si capisce poi che non vuole il permesso di soggiorno, ma √® stata mandata (non so da quale subappaltatore di subappaltatori) per fare le pulizie nell’ufficio. La risposta dell’impiegata √® la seguente: “Non c’√® il direttore, vada via, torni domani!”. La signora africana non capisce bene, dice che lei deve lavorare. L’impiegata insiste, chiede alla collega “Vogliamo pulire l’ufficio?”, la collega dice di mandarla via, e cos√¨ urla alla signora “Vada via, vada via!”. La signora non capisce. Alla fine in due o tre ci offriamo di mediare, e spieghiamo alla signora che per qualche motivo non la lasceranno entrare a pulire, e che lei dica pure che il lavoro l’ha fatto. A quel punto l’impiegata urla ancora “Torni domani!”, e la signora – che magari vivr√† a un’ora di bus di distanza da l√¨ – chiede “Che ora?”. L’impiegata non risponde. Allora lo chiedo io, e la risposta √® “Che venga quando vuole, cosa importa a me.”

E io mi chiedo perché in Italia non si possa finalmente abolire il divieto di licenziare la gente, specialmente nel settore pubblico; o in alternativa, come si sarebbe dovuto fare con Alitalia, trovare il modo di far fallire le Poste.

Tag Technorati: ,
divider

7 commenti a “Poste”

  1. Lobo:

    stamattina, dopo anni, son dovuto tornare anche io in un ufficio postale. Rinnovato da un paio d’anni, niente piu’ vetri blindati ma un luminoso locale e un bancone, a contatto con gli impiegati.
    Sono entrato, c’erano almeno 30 persone in attesa, sedute per la maggiorparte; niente code, ci sono i numerini (separati per servizi bancari, servizi postali e poste business). Chiaramente ho la tessera business e quindi son passato in tempo 30 secondi, con uno sportello tutto per me, impiegata sorridente e preparata… insomma, sembra un altro mondo rispetto a quello dov’e’ andato VB :P

    ciao
    Fede

  2. MCP:

    Le code come quella sperimentata da VB danno molta piu’ soddisfazione ;) A me ogni tanto capita la coda rarefatta, ma piu’ spesso quella intensa: molto dipende dall’orario, da quanto e’ grande (cubatura) l’ufficio, da quanta popolazione serve, dal periodo dell’anno o del mese (fine mese e fine anno sono quasi sempre critici), da quando danno le pensioni. Anche in banca il 24 dicembre stessa cosa: code bibliche e sportelli che chiudevano alle 11.50…

  3. vb:

    Normalmente vado all’ufficio di via Marsigli, dove esiste lo sportello business e dove quindi anch’io faccio tutto in 30 secondi. Per√≤ ogni tanto capita di essere altrove e di beccarsi un sano vecchio “ufficio postale di periferia” :)

  4. Bruno:

    Normalmente mi servo alle poste centrali, dove non ho mai trovato altro che professionalità ed efficienza. E dove approfittano delle brevissime code per offire prodotti/servizi (spesso concorrenziali) a chi aspetta.
    Ma conosco altri uffici, periferici, dove la situazione è quella descritta da VB; immagino che le poste li abbiano trasformati in sentine dove aspettano la pensione gli impiegati inutili.

  5. BlindWolf:

    Sono stato una volta in via Marsigli, se mi ricordo bene √® uno di quegli uffici postali moderni dove, nell’attesa, si possono fare acquisti (personalmente la trovo una genialata… vendessero anche il caff√® freddo in lattina andrei l√¨ apposta per fare il pieno).

    Solitamente mi tocca prendere il coraggio a due mani (perchè non scappi) ed andare vicino a Strada per San Mauro e trovare il mix tra vecchietti incaxxati ed impiegate rintronate descritto da vb.

  6. vb:

    In effetti, stante l’impossibilit√† di una riforma radicale (che prevederebbe licenziamenti e cambiamenti che sono politicamente inaccettabili), questa √® una buona strategia di marketing: avere uffici postali differenziati per clientela concentrandosi sul rendere efficienti pochi grandi punti vendita dove si concentra o la clientela business (attirata dagli sportelli speciali per tesserina gialla) o quella pi√Ļ sveglia (che si rende conto della differenza), e nel contempo mantenere la presenza capillare sul territorio per i vecchietti. Bisogna solo capirlo ed evitare gli uffici del secondo genere…

    Comunque raccomando a chiunque abbia una azienda o una partita IVA di fare domanda per la tesserina gialla PT Business, non costa nulla e se ne possono avere (mi pare) fino a cinque per ogni partita IVA, che possono essere distribuite ad amici e parenti e utilizzate anche per operazioni personali, tramite uno sportello dedicato. In pratica è un bonus che permette, negli uffici che hanno lo sportello giallo, di saltare a piè pari la coda dei vecchietti.

  7. BlindWolf:

    Fiiiiiiico.

    (Peccato che le mie raccomandate le debba sempre ritirare al suddetto ufficio giurassico, che non ha lo sportello business)

 
Creative Commons License
Questo sito è (C) 1995-2019 di Vittorio Bertola - Informativa privacy e cookie
Alcuni diritti riservati secondo la licenza Creative Commons Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo
Attribution Noncommercial Sharealike